ABBONATI

Come ottenere conversioni usando gli influencer, risponde Open Influence

Autore: Redazione


Oggi rispondiamo a una domanda che sempre più clienti si pongono: “In che modo gli influencer possono portare conversioni e quali strumenti abbiamo a disposizione per misurarle?"

Sostanzialmente ci sono 3 modi in cui un link può essere utilizzato dagli influencer all’interno di un contenuto Instagram, vediamoli uno per uno.
IN ORIGINE FU LA BIO

Il primo modo per includere un link all’interno dell’ambiente Instagram è il link in bio, ovvero una URL che gli influencer possono includere nella loro biografia, sempre visibile nella parte alta del profilo. Questo link cliccabile nasceva in origine come il sito web dell’influencer (o dell’azienda), ma fin da subito molti hanno iniziato ad utilizzarlo come metodo temporaneo per portare traffico all’esterno di Instagram. Molte campagne prevedevano dei contenuti testuali o video, con la call to action a “visitare il link in bio” per avere maggiori informazioni sul prodotto o servizio. Nelle attività con influencer veniva quindi chiesto loro anche di includere temporaneamente questo link nella loro biografia. Questo metodo è ancora molto efficace quando l’influencer deve promuovere una partnership a lungo termine: per esempio Chiara Nasti mantiene fisso nel suo profilo la linea di costumi con cui collabora www.plumeetheree.com.

 
IL SUCCESSO DELLO “SWIPE UP”

Di recente Instagram ha introdotto un metodo più efficiente per includere link, si tratta dello “Swipe Up” nelle Stories. Gli influencer hanno la possibilità di associare un link ad un determinato frame della loro Storia e con una call to action volta a invitare i follower a visitare un link. Stando a diversi esempi riportati dal sito Marketing Land il tasso di “swipe-through” si aggira tra il 15% e il 25%, un dato impressionante se paragonato a quello di un tradizionale “click- through”. Nell’esempio in pagina, un post di Anna Penello decidato a N26, con swipe up al form per aprire il conto corrente.

IL BOOST DEL PAID MEDIA

Il terzo metodo per realizzare e misurare delle conversioni utilizzando l’influencer marketing è la sponsorizzazione dei loro contenuti, utilizzando i tool nativi di Instagram e Facebook. Con questo metodo si apre un mondo per gli inserzionisti, perché è possibile abbinare la qualità dei contenuti prodotti dagli influencer, all’efficacia della targetizzazione e misurazione dei tool adv. Alcuni studi hanno dimostrato che campagne nelle quali vengono fatti A/B test confrontando contenuti istituzionali (foto di campagne o scatti in studio) e contenuti prodotti da influencer, questi ultimi realizzavano click-through 3 volte superiori. Un altro elemento vincente è che utilizzando la sposnorizzazione dei contenuti si può allargare notevolmente la reach, mantenendo la targetizzazione. Se ad esempio un influencer crea un contenuto e solo il 20% dei suoi follower lo vede, con i tool ADV si può utilizzare di nuovo come target la sua fanbase e dare una maggiore visibilità al contenuto.  Infine, si possono utilizzare pixel o cookie per tracciare le conversioni, trasformando le attività con influencer in vere e proprie campagne di influencer marketing, oppure importare le proprie liste di contatti e-mail per mostrare il post realizzato dall’influencer direttamente ai propri clienti!

Insomma, l’influencer marketing non è più solo brand awareness, i clienti oggi possono sfruttare la sinergia del contenuto di qualità realizzato dagli influencer, amplificandone la visibilità e misurando le conversioni. Open Influence offre consulenze e progetti “chiavi in mano” che integrano paid media, con l’obiettivo di fare raggiungere alle aziende gli obiettivi prefissati, anche in termini di conversioni.

Karim De Martino
karim@openinfluence.com

img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 04/03/2024


Zigulì ritorna in comunicazione e sceglie SCAI per rilanciare il proprio brand

Conosciuto per essere uno dei prodotti più iconici della generazione millennials, Zigulì (Gruppo Monetti) ha affidato a SCAI Comunicazione il compito fondamentale di reinventare la nuova immagine del marchio, al passo con tempi e trend, coniugando ricordi passati con mindset attuali, per creare una presenza accattivante per il pubblico di oggi. Un mito che sembra destinato a non tramontare, quello della “Pallina con vera frutta”, apprezzata non solo dai più piccoli ma anche da tutti gli ex bambini che le riassaporano per un dolce tuffo nel passato. Questo il punto di partenza per reimmaginare la narrazione e l’identità visiva del marchio. Grazie alla partnership con SCAI, Zigulì mira a rivitalizzare la sua impronta digitale e offline, creando un’identità nuova che faccia breccia nel cuore del pubblico di un mercato in continua evoluzione. Facendo leva su strategie all’avanguardia e sull’abilità del team strategico e creativo, SCAI Comunicazione guiderà il percorso di rilancio, assicurando una fusione perfetta tra tradizione e innovazione. L’agenzia è, infatti, rinomata per la sua esperienza nel guidare i brand attraverso la trasformazione digitale, nel creare narrazioni convincenti e nell’orchestrare iniziative di rebranding di successo. Lo ha già fatto per Walcor, Martino Couscous, Giokids, Diners. L’impegno per l’innovazione e la comunicazione strategica si allinea perfettamente con la visione di Zigulì per un’evoluzione del marchio dinamica e d’impatto. “Siamo entusiasti di lavorare su un brand così importante e riconosciuto di valore per la collettività - afferma Giorgia Marini project manager di SCAI -. Questa partnership rappresenta una bellissima sfida per sfruttare tutte le nostre competenze strategiche e creative per catapultare Zigulì in una nuova era di protagonismo digitale”.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 23/02/2024


ENPA insieme a TBWA\Italia per la nuova campagna multisoggetto prodotta dalla cdp Doc Artist

È online la campagna Imperfetti cercasi, realizzata da TBWA\Italia per ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali), un progetto che vuole invitare le persone ad adottare animali abbandonati. Una gattina tra i gomitoli, un cane seduto a tavola, un coniglio che saltella tra le scatole: protagonisti indiscussi della campagna sono proprio gli animali da compagnia che amano in modo incondizionato noi e le nostre imperfezioni. Così, nei 5 soggetti e nel video di lancio, Onda, felice che il padrone sia pigro a sparecchiare, può gettarsi indisturbata sugli avanzi; Sweety gioca con i gomitoli lasciati in giro dal padrone “vecchio dentro” appassionato di cucito; Max salta fra le scatole di vestiti nuovi che il padrone “fashion victim” ordina in continuazione...  La campagna, che inaugura la collaborazione tra TBWA\Italia ed ENPA è pianificata su stampa, digital, social e radio. Un invito agli “imperfetti” di tutta Italia: adottate con ENPA e avrete al vostro fianco qualcuno che saprà apprezzarvi senza se e senza ma. Hanno lavorato al progetto Alessandro Monti (copywriter) e Yara Saad (art director) con la direzione creativa di Vittoria Apicella e Frank Guarini. Chief Creative Officer: Mirco Pagano. La produzione è di Doc Artist, con regia e fotografie di Gabriele Inzaghi.  Post produzione audio di SuoniLab. Hanno prestato le proprie voci al progetto Flavia Altomonte, Luca Appetiti, Stefano Mondini e Valentina Tomada. I protagonisti dello spot sono: Calma, Ofelia, Onda, Loulou, Max, Shy e Sweety.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy