ABBONATI

Beintoo, partnership con Kochava per i dati mobile e fatturato a 9,5 milioni nel 2017

Autore:


Con l’accordo, la società mira a ottenere ulteriori insight qualitativi e incrementare la copertura da un punto di vista quantitativo. Intanto, segna una crescita del 46% rispetto ai 12 mesi precedenti. Nell’intervista, le parole della sales director Marilena Pellegrini

La precisione è l’ago della bilancia tra una torta squisita e una immangiabile, tra un pneumatico aderente alla strada e uno sul punto di scoppiare, tra una campagna ignorata da tutti e una capace di produrre valore per chi investe. E la precisione non è certo un caso. Significa avere idee chiare basate su indicazioni precise, statistiche, test, esperienze. Quando si parla di mobile advertising, la ricetta o il manometro sono i dati sugli utenti. Il geo-targeting e il comportamento online sono gli strumenti per individuare le audience e i contesti in cui ogni utente si trova quando riceve il messaggio pubblicitario. Le indicazioni in tempo reale sui destinatari delle ads diventano imprescindibili per non disperdere i budget, e questo Beintoo lo sa bene. Aggiungere alle informazioni (anonimizzate) raccolte dalla SDK all’interno della DMP proprietaria ulteriori dati relativi alle app in possesso degli utenti - e la loro frequenza di utilizzo - diventa così un ulteriore upgrade sulla qualità della fotografia dell’interlocutore.

La partnership

È per questo motivo che la società guidata da Andrea Campana ha stretto una partnership con Kochava, che nella sua piattaforma Kochava collective raccoglie oltre 2 miliardi di device mobile in tutto il mondo, unendo il set di dati provenienti da Free App Analytics e dati di terze parti. Tali dati includono informazioni come il numero di sessioni giornaliere per app, eventi di iscrizioni/acquisti e dati di geolocalizzazione. In Italia, dove Beintoo sarà partner esclusivo, la piattaforma include più di 30 milioni di dispositivi, portando la capacità di reach della DMP della società italiana a “circa 15 milioni di utenti unici su base mensile”, come dice Andrea Campana, ceo di Beintoo. Dunque Beintoo utilizzerà i dati e la tecnologia di Kochava Collective per estendere i segmenti della propria DMP mobile BeAudience al fine di ottenere ulteriori insight qualitativi e incrementare la copertura da un punto di vista quantitativo. DailyNet è sceso nel dettagli della partnership con Marilena Pellegrini, sales director di Beintoo.

Marilena Pellegrini

Avete appena annunciato una partnership con Kochava. In cosa consiste?

L’accordo appena stretto, in esclusiva per l’Italia, si inserisce perfettamente nelle linee di Beintoo. Tantissimi brand, con l’arrivo del GDPR, ci chiedono come raccogliamo i dati. Alle audience che sviluppiamo attraverso strumenti interni, e quindi strettamente controllati, possiamo ora aggiungere alla nostra DMP le informazioni sul comportamento online degli utenti che Kochava raccoglie attraverso la sua SDK proprietaria. Le informazioni sull’user in possesso dei nostri partner non riguardano solamente le app installate nel suo dispositivo, ma anche la frequenza e il tempo medio di utilizzo. In altre parole, se un utente è un appassionato di cinema possiamo scoprirlo semplicemente controllando se ha una app relativa alle nuove uscite in sala e a quante volte la utilizza, e poi verificare se frequenta i cinema attraverso i nostri dati e i nostri tool di geolocalizzazione.   

 

Come funzionerà l’integrazione nello specifico? E cosa verrà potenziato?

Con la nostra SDK raccogliamo in maniera anonima dati sulla frequenza, sulla prossimità e sul tempo di permanenza nei luoghi visitati dagli utenti. Adesso abbiamo inserito nella nostra DMP i dati di Kochava, e sappiamo quali app sono installate nel telefono degli stessi utenti e quali sono le più utilizzate. Grazie alla partnership abbiamo a disposizione volumi talmente grandi da offrire un’audience potenziata. Siamo gli unici a offrire reach così ampie per dati geo-comportamentali così precisi.

L’attribution ha avuto una grande attrattiva durante il 2017. Quale considerazione vanta ora? L’interesse verso il tema è ancora così alto?

Abbiamo lanciato l’attribution in Italia alla fine del 2016, e durante i 12 mesi è stata testata dai segmenti di mercato più disparati, capitanati dall’automotive. Il dato interessante per i brand non è solo il visit rate, ma anche l’uplift. Serve a rispondere alla domanda: ha avuto senso investire sulla campagna? Durante il 2017 abbiamo lavorato anche su attività di attribution in real time, producendo case history interessanti. Specialmente nel campo dell’automotive. Dare un valore all’advertising è un tema molto interessante, soprattutto per il mercato retail, che si è mostrato molto coinvolto. Campagne del genere, per avere effetto, hanno bisogno di girare su budget di un certo peso, in quanto avere una reach piuttosto vasta è fondamentale. Sebbene una prova deterministica è pressoché impossibile da ottenere, con alcuni clienti abbiamo incrociato i dati sul drive to store con i dati di scontrino e abbiamo notato grosse affinità. Il sistema è utile quanto affidabile.

L’anno scorso, di questi tempi, avevate pubblicato il vostro bilancio. Quali sono i risultati del 2017?

Quest’anno abbiamo fatturato 9,5 milioni di euro, segnando una crescita del 46% sui 6,5 milioni del 2016. Nel 2018 puntiamo a una crescita ulteriore, e per raggiungerla stiamo lavorando anche all’apertura di una sede spagnola. Nel 2017 abbiamo presentato tante novità sul fronte dell’attribution, che ci hanno portato clienti delle industry più disparate, e della creatività, con formati che coinvolgono WhatsApp, realtà aumentata e advergame.

Quali saranno invece i focus per il 2018?

Sulla creatività continueremo a lavorare costantemente perché il tema creativo è necessario per migliorare le performance. Quest’anno terremo l’attenzione alta sull’attribution, ma faremo un forte focus sul targeting.


img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 23/02/2024


VML vince la gara di Perrigo e inizia già a lavorare in Italia, dove il budget è di 10 milioni

Dopo aver affidato recentemente il media alla beskope agency Publicis Unlimited, Perrigo ha scelto a VML come partner strategico, creativo e di attivazione globale. Il produttore e fornitore leader a livello mondiale di prodotti da banco (OTC) ha intrapreso un percorso di trasformazione e la gara, che si è svolta in 14 mercati chiave, si è concentrata sulla ricerca di un’unica agenzia partner per consolidare per la prima volta i compiti creativi di 45 marchi globali e regionali. La nomina assegna un contratto triennale a VML e riflette l’ambizione di Perrigo di fornire un lavoro creativo integrato e connesso in un mercato competitivo. VML è stata incaricata di sviluppare nuove piattaforme strategiche e creative in tutti i mercati e per nuovi portafogli di prodotti. L’agenzia ha iniziato a lavorare immediatamente in Italia, Francia, nei Paesi Bassi e nel Regno Unito, su sedici marchi di Perrigo. In Italia, come anticipato da Dailyonline, il budget è di 10 milioni di euro. Rob Nichol, global client lead di VML, ha dichiarato: “Perrigo rappresenta un’opportunità incredibile per noi di VML. La portata del loro settore, il portafoglio di prodotti e il desiderio di essere il marchio numero uno nella loro categoria significa che dovremo portare tutte le nostre capacità e competenze per risolvere problemi complessi e fornire un lavoro creativo pluripremiato a un team di clienti ambizioso e orientato al futuro”. VML lavorerà a stretto contatto con i team di VML Health in tutti i brief per accedere alla loro esperienza specifica nella comprensione delle normative, dei principali stakeholder e dell’attivazione dei marchi in un mercato specializzato.  

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 23/02/2024


ENPA insieme a TBWA\Italia per la nuova campagna multisoggetto prodotta dalla cdp Doc Artist

È online la campagna Imperfetti cercasi, realizzata da TBWA\Italia per ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali), un progetto che vuole invitare le persone ad adottare animali abbandonati. Una gattina tra i gomitoli, un cane seduto a tavola, un coniglio che saltella tra le scatole: protagonisti indiscussi della campagna sono proprio gli animali da compagnia che amano in modo incondizionato noi e le nostre imperfezioni. Così, nei 5 soggetti e nel video di lancio, Onda, felice che il padrone sia pigro a sparecchiare, può gettarsi indisturbata sugli avanzi; Sweety gioca con i gomitoli lasciati in giro dal padrone “vecchio dentro” appassionato di cucito; Max salta fra le scatole di vestiti nuovi che il padrone “fashion victim” ordina in continuazione...  La campagna, che inaugura la collaborazione tra TBWA\Italia ed ENPA è pianificata su stampa, digital, social e radio. Un invito agli “imperfetti” di tutta Italia: adottate con ENPA e avrete al vostro fianco qualcuno che saprà apprezzarvi senza se e senza ma. Hanno lavorato al progetto Alessandro Monti (copywriter) e Yara Saad (art director) con la direzione creativa di Vittoria Apicella e Frank Guarini. Chief Creative Officer: Mirco Pagano. La produzione è di Doc Artist, con regia e fotografie di Gabriele Inzaghi.  Post produzione audio di SuoniLab. Hanno prestato le proprie voci al progetto Flavia Altomonte, Luca Appetiti, Stefano Mondini e Valentina Tomada. I protagonisti dello spot sono: Calma, Ofelia, Onda, Loulou, Max, Shy e Sweety.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy