ABBONATI

Awin: ecco come l’Affiliate Marketing può “salvare” internet

Autore: Redazione


Sheyla Biasini, Country Manager Italia, protagonista a IAB Forum con un workshop, ha svelato come il settore dell’affiliazione possa essere l’ago della bilancia nel digital adv per mettere d’accordo tutti i player del settore

di Anna Maria Ciardullo

Da settembre 2018 Awin e affilinet, storico competitor in mercati chiave quali Germania e UK, sono diventati ufficialmente un unico brand: le due realtà unificate hanno rafforzato ulteriormente la posizione della company come leader del mercato dell’affiliazione in Europa. Il network di Awin, oggi, conta oltre 13.000 advertiser e 100.000 publisher attivi, che generano vendite in oltre 180 paesi del mondo. Il focus di quest’anno e dell’anno prossimo si concentra, infatti, proprio sul consolidamento delle partnership con i grandi gruppi editoriali. Un altro importante focus è quello sull’influencer marketing, ma in un’ottica innovativa, non solo votata alla creazione di brand awarness, ma anche all’ottimizzazione del conversion rate. Il sito Awin, inoltre, è stato di recente rinnovato con un nuovo design, per dare ancora più spazio a contenuti aggiornati e informazioni sui tool e servizi offerti che ha inuaugurato un periodo di grande crescita per l’azienda. Awin è stata protagonista all’edizione 2018 di IAB Forum con un workshop dal titolo “Perché l’affiliate marketing può salvare internet”, abbiamo chiesto a Sheyla Biasini, Country Manager Awin per l’Italia, di raccontarci i retroscena sul tema e di fare il punto sui progetti presenti e futuri dell’azienda.

Iniziamo dal tema che vi ha visti protagonisti a IAB Forum 2018: perché l’Affiliate Marketing può salvare internet?

Abbiamo scelto un titolo sicuramente ambizioso e provocatorio allo stesso tempo con l’obiettivo di attirare l’attenzione degli addetti del settore su un tema dato troppo spesso per scontato: la libertà e la gratuità di internet. La pubblicità digitale, infatti, ha sempre svolto un ruolo importante nel finanziamento dello sviluppo di un web libero e aperto. Tuttavia, nel clima di scetticismo attuale, non è sempre facile bilanciare correttamente le esigenze di tutti i suoi player: advertiser, publisher e utenti. Soprattutto, internet è sempre più alla mercé dei browser, in particolare dei giganti del web come Chrome e Safari. Pensiamo, ad esempio, alla questione ITP e cookie di terze parti, solo per citare l’ultima. L’Affiliate Marketing è uno dei pochi canali che può giocare un ruolo determinante in uno scenario che sta cambiando molto rapidamente e che cerca nuove forme e regole per l’advertising digitale capaci, contemporaneamente, di raggiungere gli obiettivi di marketing delle aziende investitrici, monetizzare adeguatamente i contenuti dei publisher e rendere chiaro per gli utenti il valore dei propri dati.

Qual è lo stato del mercato dell’affiliazione in Italia? Quanto vale il settore?

È difficile trovare stime e analisi esatte sul nostro settore, quantomeno in Italia. Da un paio d’anni ci siamo impegnati ad elaborare un report - The Awin Report - che offre un punto di vista sul settore a livello internazionale. Il report si basi sui molti e preziosi dati su cui possiamo contare grazie alla nostra posizione di leader mondiale. L’edizione del 2019 è in via di lavorazione e quest’anno verrà anche tradotta in italiano e in tutte le lingue dei Paesi in cui operiamo. Giusto per citare qualche numero: l’affiliazione genera da sola il 10% delle vendite ecommerce globali. Nell’ultimo anno fiscale abbiamo generato 13,6 miliardi di euro in revenue per i nostri advertiser e 607 milioni di euro per gli oltre 100.000 publisher che ogni giorno lavorano con noi.

Nella giornata di ieri avete partecipato anche al Netcomm Focus Food,  quali temi avete trattato?

Novembre è un mese davvero ricco di impegni. Dopo la nostra presenza al Netcomm Forum di maggio, che ci ha visto partecipare anche per la prima volta in qualità di soci, abbiamo deciso di puntare anche su sul vertical food&grocery, che sta vivendo un momento di rapida crescita. In Italia siamo già partner di numerose aziende del settore, quali Just Eat e Carrefour, ma anche di importanti realtà straniere come Tesco, Waitrose e Aldi. L’intervento si è concentrato sui dati raccolti grazie alla nostra tecnologia proprietaria sulla base un mix di canali digitali - ad esempio blog, siti di contenuto, email marketing, comparatori e siti di couponing - ed elaborati dal nostro team Strategy. Abbiamo quindi fornito una panoramica sui comportamenti d’acquisto dei consumatori e sull’andamento generale di questo mercato “newbie” del digitale, arrivando a proporre la ricetta per perfetta per aumentare le vendite online del settore food&grocery.

Il Black Friday e il Cyber Monday si avvicinano, come vi state organizzando per i due eventi più attesi dal mondo ecommerce?

Ogni anno che passa questi eventi rafforzano la loro presa sull’Italia: negli ultimi due anni in particolare, Black Friday & Cyber Monday si sono fusi diventando un unico lungo week end di shopping prenatalizio.  Questo, si traduce in una necessaria maggiore attenzione alla pianificazione delle attività e una stretta collaborazione con i nostri editori, che ad ogni appuntamento sanno innovarsi e ampliare la loro offerta. Inoltre, abbiamo puntato i nostri occhi anche sul Single Day (11 novembre), il più importante evento online cinese, che già lo scorso anno aveva fatto registrare un aumento del 45% delle vendite sul nostro network. La speciale novità di questo 2018 è la partnership tra Awin e Aliexpress, ecommerce di proprietà di Alibaba. In Italia nomi importanti del nostro network come Groupon e Payback lavorano già con questo retailer.

Quali risultati vi aspettate dagli shopping days di quest’anno?

L’anno scorso durante l’ultimo week end di shopping di novembre abbiamo registrato una crescita delle transazioni anno su anno del 22%, superiore alla media mondiale del 16%. Quest’anno ci aspettiamo un’ulteriore crescita del 25%, con il mobile che la farà da padrone: oltre il 30% degli utenti acquisterà tramite questo device. Il settore in più forte crescita sarà probabilmente proprio quello del food&grocery.

Com’è stato il 2018 di Awin Italia? Facciamo il punto sull’andamento, i new business e le previsioni per la chiusura…

Anche il 2018 s’inserisce all’interno di un trend di crescita, che ci ha visto protagonisti dal rebranding in poi. Il nostro portfolio advertiser in Italia continua a crescere con oltre 60 nuovi clienti firmati solo quest’anno, appartenenti ai più diversi settori come Gazzetta.it, Pupa, Diadora, Cesare Paciotti, AXA, Pandora. Grazie alla nostra piattaforma, infatti, abbiamo ampliato gli strumenti e i dati a disposizione dei nostri clienti, sia lato publisher sia advertiser, in modo tale da rendere più efficiente la collaborazione (cross device tracking, new/old customer, voucher tracking solo per citarne alcuni). Ci aspettiamo moltissimo da questo Q4, il periodo più importante dell’anno, e siamo sicuri che grazie ai nuovi publisher con cui collaboriamo (abbiamo da quest’anno un progetto importante di sviluppo sui grandi editori) i numeri saranno ancora più interessanti.

Quali sono le novità in termini di espansione internazionale e nuove partnership?

Da settembre 2018 Awin e affilinet, storico competitor in mercati chiave quali Germania e UK, sono diventati ufficialmente un unico brand: le due realtà unificate hanno rafforzato ulteriormente la nostra posizione come leader del mercato in Europa, dando ulteriori risorse e fondi per realizzare i nostri progetti internazionali. Oggi contiamo oltre 13.000 advertiser, 100.000 publisher attivi che generano vendite in oltre 180 paesi del mondo. Tutto questo è reso possibile dagli oltre 1.000 dipendenti che lavorano in 15 uffici.

Come si evolverà l’offerta di Awin per il 2019?

Sicuramente continueremo a puntare sull’influencer marketing: dopo l’investimento in piattaforme specializzate del settore, come Tailify, vogliamo diventare il punto di riferimento per i nostri clienti anche in questo campo, promuovendo la gestione diretta degli influencer come fatto dai colleghi brasiliani per Sephora. Nonostante l’attività di influencer marketing nasca per la raccolta di budget destinati alla brand awareness, grazie alla nostra piattaforma è possibile creare strategie per l’ottimizzazione del conversion rate con strumenti davvero unici quali il Voucher Code Tracking (tracciamento anche sui social di un codice sconto univoco) e Payment on Influence (modalità di pagamento che riconosce l’apporto di un determinato publisher, che pure non ha finalizzato la vendita). Inoltre, vogliamo continuare a concentrarci sul consolidamento delle nostre partnership con i grandi gruppi editoriali, una strada fruttuosa già intrapresa con realtà quali Vivimilano, il Post, Notizie.it, Consigli.it e CityNews.


img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 05/10/2022


iProspect di Dentsu vince la gara per il media offline europeo di BMW Group e consolida in Italia l’incarico da 30 milioni

BMW Group ha nominato iProspect di Dentsu come agenzia per i media offline per i suoi marchi BMW e MINI in Europa. L'incarico fa seguito a una gara aperta lo scorso maggio, che comprendeva nella fase finale anche Wavemaker di GroupM. Grazie a questa vittoria, iProspect è stata nominata agenzia media offline di riferimento per la regione, dove BMW e MINI consolidano la loro strategia media offline, la pianificazione e l'acquisto in un'unica rete di agenzie. Grazie alla partnership a lungo termine con BMW Group, l'agenzia che fa parte del gruppo guidato in Italia dal CEO Paolo Stucchi, si occuperà di media offline in 24 mercati EMEA, tra cui Regno Unito, Spagna, Italia, Francia, Svezia, Polonia e Germania. Per il nostro Paese, dove il budget 2021 era stimabile in 30 milioni di euro, si tratta di una conferma. iProspect, infatti, si occupava già del media di nove mercati in Europa: Italia, Francia, Spagna, Paesi Bassi, Svizzera, Svezia, Danimarca, Norvegia e Finlandia. Lavorando con BMW Group in questi Paesi, i team dell'agenzia in Europa hanno capito cosa serve per accelerare la crescita del marchio. Con l'ampliamento dell'offerta e l'ingresso in 15 nuovi territori, iProspect continuerà a dimostrare il valore della costruzione del marchio basata sulle performance attraverso i canali media offline per BMW e MINI. iProspect lavorerà in stretta collaborazione con The Marcom Engine come agenzia media online partner, che sta già lavorando con BMW Group in Europa. Nella fase iniziale della gara c’era anche Mediaplus, che gestisce il digitale nel contesto di The Engine, il progetto di marketing integrato in 26 Paesi europei che la casa automobilistica tedesca ha affidato anche a MediaMonks di S4 Capital, Berylls Strategy Advisors, sigla tedesca di consulenza manageriale specializzata nell’industria automobilistica, e Gruppo Serviceplan, cui fa capo appunto Mediaplus come responsabile di componenti tecnologici e dati nonché della gestione delle interfacce locali a supporto delle responsabilità di marketing-as-a-service. Il commento "Sono orgoglioso della partnership a lungo termine che abbiamo stretto con BMW Group in molti mercati europei negli ultimi dieci anni e sono entusiasta di espandere questo rapporto in nuovi mercati. La passione per i suoi marchi e l'impegno a creare un valore commerciale misurabile attraverso i media sono una parte essenziale di questo incarico. Non vediamo l'ora di portare un pensiero più progressista, approfondimenti sui consumatori e un modello di servizio altamente collaborativo per aiutare BMW e MINI a far progredire il loro business", ha dichiarato Thomas Le Thierry, CEO EMEA, Media, dentsu international. La creatività Sul fronte creativo, l’agenzia di riferimento globale, che si chiama TheGame Group, è stata appositamente costituita dal raggruppamento che ha vinto a fine febbraio 2021 la relativa gara e che comprende Jung von Matt e Experience One. Questa sigla si occupa anche delle relazioni pubbliche del cliente automobilistico, avvalendosi inoltre, per la comunicazione corporate e i social media, della collaborazione con Looping Group, sigla anch’essa appositamente costituita in Inghilterra da Looping Group International. Sulla marca, in Italia, opera creativamente anche M&C Saatchi.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 06/10/2022


Digitouch Marketing vince la gara di Eurobet.live per la sua prima adv multicanale con Luca Toni testimonial

Eurobet.live, la piattaforma su cui mantenersi costantemente aggiornati su risultati, statistiche e classifiche sportive, affida a Digitouch Marketing la realizzazione della campagna multichannel. L’obiettivo è quello di consolidare l’awareness e diffondere la conoscenza del brand presso uno specifico segmento di pubblico, individuato in giovani e adulti appassionati di sport. Il merito del team di Digitouch Marketing sta nell’aver saputo ideare un concept altamente calzante attorno a cui costruire contenuti destinati a canali diversi ma perfettamente integrati tra di loro, quali la tv, il digital e i social del brand, oltre che nell’aver individuato un testimonial coerente e in linea con il target individuato. “Tira fuori l’esperto che è in te.”, infatti, sarà il messaggio che guiderà l’intera campagna, grazie al contributo dell’ex calciatore della nazionale Luca Toni. Il campione del mondo è protagonista dell’ironico spot tv on air da domenica 2 ottobre, nonché di una serie di podcast di prossima realizzazione. Il team Digitouch Picture, la casa di produzione interna di Digitouch Marketing, si è inoltre occupato della realizzazione dello shooting propedeutico alla produzione dei visual per gli asset digital, i social e per le campagne media. Il media planning è interno. “Questo è un ottimo esempio di utilizzo intelligente e sensato di un testimonial, non solo credibile per il target ma anche perfettamente contestualizzato al messaggio di comunicazione del brand con un interessante insight”, afferma Sergio Spaccavento, Chief Creative Officer di Digitouch. “La realizzazione di questa nuova campagna multichannel con Digitouch Marketing rafforza il nostro legame con gli appassionati di sport – dichiara Alexis Grigoriadis, Marketing Director di Entain Italia –. La scelta di Luca Toni in qualità di testimonial è inoltre sinonimo di competenza, esperienza e credibilità per un progetto legato all’immediatezza e alla puntualità nella comunicazione in real time”. Credits Chief Creative Officer: Sergio Spaccavento Managing Partner: Marco Boschian-Pest Senior Account Executive: Alessandra Masseroni Senior Copywriter: Andrea Bomentre Senior Art Director: Paolo Montanari Supervisor Digitouch Picture: Eugenio Rinaldi Casa di Produzione: Visionaria Film Regia: Riccardo Paoletti

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy