ABBONATI

Boom di app download: hanno superato i 175 miliardi nel 2017; il fatturato vale 86 miliardi

Autore: Redazione


È quanto emerso dall’ultimo report di App Annie. Fattore determinante la crescita dei mercati emergenti come Cina, India, Brasile e Russia. Le più scaricate: fintech, retail, streaming video, viaggi, gaming e social

I download globali delle app hanno raggiunto cifre record nel 2017, superando i 175 miliardi e la spesa dei consumatori è cresciuta fino a generare un fatturato di 86 miliardi di dollari nel 2017. I dati comprendono sia le operazioni generate su Android, sia su Apple Store e hanno ricevuto una spinta particolare grazie alla crescita del mobile nei mercati emergenti tra cui Cina, India, Brasile e Russia. Si tratta delle stime pubblicate ieri da App Annie nel suo ultimo report. In particolare, l’India si posiziona al secondo posto per numero di download con una crescita del 215%, passando per gli Stati Uniti, che è ora terzo ma con solo il 5% di crescita. La Cina resta al comando anch’essa con un ritmo di crescita più lento, del 125%.

Report più completo

I dati di App Annie sono più completi di quelli diffusi di recente da un’altra società, Sensor Tower, che dava invece i download a 91,5 miliardi. Oltre all’App Store di Cupertino e al Google Play Store tengono, infatti, in considerazione anche le app scaricate dai negozi Android di terze parti non ufficiali. Questo, permette di includere nel conteggio anche la Cina, dove il Google Play Store non è presente.

Cresce la spesa

La spesa dei consumatori nelle applicazioni è più che raddoppiata negli ultimi due anni, toccando ben 86 miliardi di dollari nel 2017. Anche in questo, la Cina è in testa con una crescita del 270%, seguita dagli Stati Uniti con un +75%, dall’India (+60%) dal Brasile (+80%) e dalla Russia (+35%). Le previsioni sono rosee anche per il 2018: quest’anno le stime prevedono una crescita ancor più significativa, che toccherà la soglia dei 110 miliardi di dollari. Le tipologie di app più scaricate nel 2017 appartengono a queste categorie: fintech, retail, streaming video, viaggi e ride sharing, gaming e social.

Download in Usa

Anche se gli Stati Uniti sono ormai diventati un mercato più maturo, App Annie dice che c’ è ancora un volume significativo di download assoluti anche in Usa. Per esempio, lo studio ha scoperto che gli utenti statunitensi hanno scaricato 3 app al mese e il 70% degli utenti ne ha scaricata almeno una. Vale la pena sottolineare che, questo è in contraddizione con i dati precedenti di comScore, che ha riferito, al contrario, che la maggior parte degli utenti statunitensi non scarica alcuna applicazione al mese.

Più app, più engagement

Per App Annie, il boom non riguarda solo i download, ma anche i livelli di engagement. In molti mercati l’utente medio di uno smartphone ha installato ben 80 applicazioni e ne usa circa 40 al mese (o tra un terzo e la metà di quelle che ha sul telefono al mese, in media). Inoltre, i consumatori spendono in media quasi tre ore utilizzando le applicazioni al giorno e i mercati analizzati (tra cui non c’è quello italiano) hanno registrato una crescita media di quasi il 30% nel tempo medio giornaliero trascorso in app dal 2015. In un certo numero di mercati, tra cui gli Stati Uniti, Brasile, Russia e altri Paesi, gli utenti di smartphone hanno dedicato 7 volte più tempo alle app mobili che al mobile web, accedendovi 13 volte più spesso, mentre l’India è cresciuta in termini di download con l’ arrivo di un maggior numero di utenti online favoriti da un incentivo statale alle connessioni. Queste cifre non si traducono necessariamente in ricavi.


img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 30/01/2023


A The Washing Machine e Tiburtini i due lotti del bando da 594.000 euro di ISPRA per la comunicazione sugli sprechi alimentari

The Wahing machine e Tiburtini hanno vinto rispettivamente il lotto 1 e il lotto 2 del bando emesso da ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale per l’affidamento del servizio di campagna di informazione e sensibilizzazione “Io l’economia la faccio CIRCOLARE” (L. 1) di 9 mesi e di quello analogo per realizzazione, stampa e distribuzione di materiali informativi (L. 2). Il valore totale stimato dell’appalto, IVA esclusa, era di 594.360 euro, il primo del valore di 416.052 euro e il secondo di 178.308. In tutto sono state 11 le sigle che hanno partecipato: Arkham Enterprises, Conversione E3, Pirene e Silverback si erano accreditate per entrambi i lotti, con Digital Angels, Eprcomunicazione, La Fabbrica, Maidiremedia e appunto, l’agenzia di cui sono co-founder la Managing Director Alessandra Furfaro e il Direttore Creativo Esecutivo Mimmo Di Lorenzo, per il solo lotto 1; Digital Print Store e Tiburtini si erano candidate per il solo lotto 2. Pirene è l’agenzia che si è aggiudicata recentemente il bando da 700.000 più IVA euro in 4 anni per l’affidamento del servizio di organizzazione degli eventi sempre di ISPRA ed annessi servizi e forniture accessori, superando altro 14 concorrenti con un’offerta di 423.000 euro. Il progetto ISPRA è un ente pubblico di ricerca, dotato di autonomia tecnico-scientifica. Svolge compiti di legge in materia di protezione ambientale, quali studio, controllo, monitoraggio, valutazione di impatto, prevenzione, ispezione, consulenza tecnica e scientifica, nonché di informazione e comunicazione, educazione e formazione. ISPRA è un attore tecnico-scientifico il cui obiettivo centrale è quello di considerare la dimensione ambientale di tutto ciò che ci circonda. Si occupa quindi di ogni tipo di impatto sull’ambiente (terra, aria, acque dolci, mare) da parte di attività economiche e produttive come di politiche pubbliche. Non esistono altri soggetti in Italia che abbiano la stessa prospettiva a 360 gradi su ogni aspetto della questione ambientale. ISPRA è il riferimento istituzionale a livello nazionale in materia ambientale, che emette procedure e linee guida per istituzioni pubbliche e private (Ministeri, Regioni, Imprese, Associazioni di Categoria) ed elabora dati certificati su tutti gli aspetti ambientali nazionali: dai rifiuti all’inquinamento dell’aria, dal sistema onda metrico e mareografico alla produzione di carte geologiche, dallo studio dei sismi e dei fenomeni franosi all’esame dell’inquinamento in mare, dallo studio e osservazione della fauna selvatica alle certificazioni ambientali per prodotti di largo consumo. Gli obiettivi ISPRA intende avviare una campagna di comunicazione le cui parole chiave sono: economia circolare, sviluppo sostenibile, conservazione della biodiversità e delle risorse naturali, lotta ai cambiamenti climatici (adattamento e mitigazione), tutela del territorio da rischi di dissesto idrogeologico e consumo di suolo; comunicazione e informazione. Nello specifico, la campagna prevede azioni di informazione, comunicazione, educazione e partecipazione rivolte a cittadini/consumatori e a target specifici, su due temi chiave: I. Food waste, come ridurre lo spreco alimentare; II. Gestione di alcune tipologie di rifiuti per migliorare la raccolta differenziata. La campagna sarà diffusa su tutto il territorio nazionale e rivolta ai cittadini/ consumatori e alle imprese di distribuzione alimentare, nonché alle associazioni e alle imprese che lavorano nei settori della lotta allo spreco alimentare e in quello della sensibilizzazione a favore della raccolta differenziata. Nello specifico i target sono: i cittadini e i consumatori con fascia di età 30-65 anni; gli studenti degli istituti scolastici dai 10 ai 18 anni; gli studenti universitari dai 18 ai 30 anni; le associazioni dei consumatori, gli operatori economici (aziende) che lavorano nel settore dell'economia circolare. Con riferimento ai consumatori, la campagna sarà prevalentemente centrata sui temi della riduzione degli sprechi e del corretto smaltimento dei rifiuti nelle abitazioni, grazie a scelte più oculate negli acquisti e il rispetto delle indicazioni date in materia di raccolta differenziata.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 30/01/2023


Lavazza, VMLY&R e un pool di agenzie partner per il nuovo progetto di Qualità Rossa: L’Italia che vorrei

Equa, libera, giusta, è questa l’Italia che Qualità Rossa celebra nel nuovo progetto ideato da VMLY&R e Blue Joint Film, una collaborazione ormai alla seconda puntata dopo il progetto, sempre per Qualità Rossa “Tutta l’Italia in un caffè”, del 2020. Tre artisti Marracash, Elodie e Levante che incarnano valori e speranze di questa Italia tanto cara a un brand come Lavazza Qualità Rossa, raccontano in un video manifesto, con interviste esclusive e in un piano di comunicazione molto articolato i valori fondanti de L’Italia che vorrei. I valori – equità, giustizia e libertà - trovano inoltre concretezza nel supporto al progetto CivicoZero di Save the Children. Il progetto prevede un’edizione limitata del pack di Qualità Rossa, un concorso e un’operazione di comunicazione partita il 26 gennaio. Ha dato avvio al progetto un evento dedicato alla stampa e all’online di una piattaforma interattiva ricca di contenuti esclusivi che prevede anche un concorso on pack dedicato all’operazione e permette di vincere due biglietti per uno dei tre concerti esclusivi dei talent, concerti che a luglio 2023 concluderanno l’attività. L’Italia che vorrei infatti ha una pianificazione media a cura di Wavemaker lunga quasi 8 mesi che interseca attività social continuative curate da VMLY&R e We Are Social, un on air tv nella settimana di Sanremo, progetti speciali per Fantasanremo ideati e prodotti da Stardust, una visibilità PR a cura di BCW e molte altre attività nel corso dei mesi. Marracash, Levante ed Elodie Lavazza Qualità Rossa, la miscela che da oltre 50 anni è protagonista di quel momento quotidiano di piacere che scandisce la vita degli italiani e simbolo di una storia di eccellenza che prosegue e si proietta nel futuro, sceglie tre artisti che parlano al cuore dei giovani, incarnando desideri, ambizioni e passioni di tutti gli italiani, per mostrare i valori di un’Italia in continua evoluzione. Marracash, Levante ed Elodie sono chiamati a immaginare L’Italia che vorrei, un racconto condiviso di un’Italia equa, giusta e libera in cui far vivere le generazioni future. In un emozionale video manifesto i tre talent esprimono la loro visione, cominciando dalla quotidianità dei piccoli gesti. Equa è l’Italia che vorrebbe Marracash, senza discriminazioni, dove tutti possono ambire ad avere la stessa serenità e realiz- zarsi nella propria vita. La bellezza della giustizia è al centro del racconto di Levante perché solo in un’Italia giusta esistono persone felici. Libertà invece è il valore scelto da Elodie per un Paese che non giudica, ma sostiene i sogni e le aspettative di tutti, apprezzando la ricchezza custodita nelle differenze. Il commento “L’Italia che vorrei è la narrazione contemporanea di un Paese che sta crescendo, evolve e si apre a piccoli gesti che portano con sé importanti valori sociali. Una storia di cui si fa portavoce Qualità Rossa, il nostro prodotto più iconico e protagonista di molte storiche campagne di comunicazione che hanno contribuito a renderlo il caffè più amato dagli italiani.” - commenta Carlo Colpo, Marketing Communication Director and Brand Home Director del Gruppo Lavazza -. Abbiamo scelto tre artisti che sono oggi un punto di riferimento per le nuove generazioni e non solo. Con il loro linguaggio e la loro capacità di veicolare, attraverso la musica, messaggi di grande impatto, danno voce a tutti gli italiani che condividono con noi i valori di libertà, equità e giustizia.” Dialogo con il consumatore I tre talent, interpreti de L’Italia che vorrei, firmano l’edizione limitata dell’iconica miscela, ribadendo i messaggi di cui si fanno portavoce insieme al brand. Il prodotto, nella sua edizione limitata - disponibile per il consumo domestico in caffè macinato, grani e nelle capsule espresso Lavazza A Modo Mio – si apre attraverso la piattaforma dedicata ad un dialogo diretto con il consumatore, dando la possibilità grazie a un concorso di assistere live o in streaming alle esibizioni di Marracash, Levante ed Elodie, tre appuntamenti previsti per l’estate 2023 in tre città italiane e dedicati esclusivamente ai fan di Qualità Rossa. È prevista una piattaforma virtuale di consumer experience che da un lato attiva i giovani con missioni legate alla conoscenza del caffè e del progetto con i talent, permettendo di partecipare allo streaming dei concerti, dall’altro racconta l’attività sul punto vendita coinvolgendo più generazioni a partecipare ad un concorso che mette in palio tre concerti “live” dei talent più prodotto Lavazza. Inoltre, Lavazza, in qualità di partner di Fantasanremo, ha creato per l’occasione la lega “Lavazza Qualità Rossa” per essere protagonisti della kermesse sanremese. Credits  Executive Creative Directors: Cristian Comand /Rafael Genu Sr creatives: Lorenzo Croci/ Riccardo Baita Creatives: Aurora De Marchi, Camilla Ceriotti Client Lead: Veronica Pagani CDP: Enourmous Regia: Meeto

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy