ABBONATI

Amazon B2B: Opportunità e Minaccia!

Autore: Redazione


Ritorna la finestra sul futuro del digitale con Ale Agostini: oggi il focus è sul Marketplace B2B del colosso ecommerce con la preziosa testimonianza del digital manager Paolo Costa

di Ale Agostini

Quando pensiamo ad Amazon, la dimensione “consumer” è la prima che ci viene in mente; tuttavia oggi dobbiamo estendere la vista anche alla dimensione B2B.  Amazon Business è stato lanciato negli Stati Uniti nella primavera del 2015, servendo oltre 1.000.000 di aziende e generando ricavi maggiori a un miliardo di dollari nel suo primo anno. Amazon Business è stato poi lanciato in Germania (dicembre 2016), UK (aprile 2017), Francia (febbraio 2018) fino ad arrivare in Italia la scorsa estate.

Ne ho parlato con Paolo Costa, appassionato di storia e di web, startupper, imprenditore e digital manager.

“La corazzata di Seattle è molto interessata al mercato B2B come naturale estensione del Marketplace per i consumatori, sempre con un’ottica ‘cliente centrica’ anche al cliente B2B. Approfittando del patrimonio derivante dell’esperienza americana, l’azienda di Bezos si concentra su alcune categorie merceologiche, per lo più commodity, e un buon numero di prodotti disponibili, oltre 250mila tra cui anche il leasing di auto aziendali.

La strategia messa in campo, che in Italia mira ad intercettare l’interesse di un ufficio acquisti di una PMI, si declina negli USA verso gli enti governativi, da cui proviene gran parte del fatturato e che sta spingendo l’azienda ad entrare in mercati prima off limits come quello dell’industria farmaceutica, scossa dal recente acquisto della farmacia online PillPack da parte di Amazon (soffiata per 1 miliardo di dollari a Walmart). In Italia le transazioni digitali tra imprese hanno raggiunto quota 335 miliardi con una crescita dell’8% rispetto al 2016 di cui il 60% prodotto da 6 filiere (Osservatorio Fatturazione Elettronica del Politecnico di Milano): un mercato in crescita costante, spinto anche dall’accelerazione delle imprese verso la trasformazione digitale. È prematuro ipotizzare quale potrà essere l’effetto del Marketplace su questo mercato, di sicuro un ottimo veicolo d’acquisto è rappresentato dalle soluzioni tecnologiche built for business messe in campo, quali i criteri di approvazione dell’ordine, reportistica personalizzata, analitiche degli acquisti (ideale per l’imprenditore della PMI che deve fare “N “cose) , forte integrazione con sistemi di eprocurement, prime for business, generazione automatica delle fatture con IVA su tutti gli ordini Amazon (i commercialisti dovrebbero preoccuparsi?!).

Insomma un approccio attento alle esigenze concrete del cliente B2B. Tuttavia, esistono dei limiti sistemici rispetto alla vendita “tradizionale” sia fisica che online, ai quali oggi il Marketplace non riesce a dare risposte del tutto convincenti.

Primo su tutti il credito, dall’affidamento (rating) ai sistemi di pagamento, infatti seppur a 30 gg ancora legato alla carta di credito strumento poco diffuso soprattutto tra le PMI, inoltre l’assistenza tecnica specialistica elemento da sempre decisivo in molte transazioni tra professionisti, sul Marketplace presenta caratteristiche poco affini alle modalità classiche di fruizione che ancora prediligono il concetto Human2Human.

In conclusione la costola B2B di Amazon avrà nel breve termine un impatto culturale positivo di trascinamento a beneficio di tutte le piattaforme di vendita tra aziende, questo dovrebbe spingere gli operatori ad analizzare in profondità il fenomeno  con l’obiettivo di capirne il funzionamento e la capacità attrattiva, in quanto anche la piattaforma Amazon B2B deve considerarsi al tempo stesso un’opportunità e una minaccia”.

  Clicca qui per visitare il sito avantgrade.com

img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 27/02/2024


GoGo Factory è stato scelto da Foletto Heritage per la gestione della strategia digital 2024

GoGo Factory, networked agency che si occupa di comunicazione digitale, ha acquisito un nuovo cliente: Foletto, azienda storica nel settore beverage a conduzione familiare. L’azienda trentina con sede in Val di Ledro, vicino al Lago di Garda, è giunta alla quinta generazione di farmacisti-speziali e ha da alcuni anni reclamato un posto di rilievo nella produzione italiana di liquori e alcolici di alta qualità. La nuova collaborazione vede GoGo Factory al timone della strategia digitale di Foletto per il 2024, in particolare sulla linea di fine spirits, con l’obiettivo di rafforzare la presenza online dell’azienda e di ampliare la sua portata a livello nazionale. “Dopo aver valutato attentamente molte proposte, abbiamo scelto di unirci a GoGo Factory perché fin dal primo momento hanno manifestato una condivisione completa dei nostri valori. Il progetto di sviluppo che ci hanno proposto si è dimostrato coerente, sostenibile e scalabile”, ha dichiarato Matteo Dal Bosco, Direttore Marketing & Commerciale di Foletto. L’approccio su misura di GoGo Factory combinerà una strategia di posizionamento e awareness sui social media, attraverso un gestione pianificata dei canali aziendali centrata sullo sviluppo di contenuti, oltre che ad attività di influencer marketing, social media advertising e un servizio di ufficio stampa dedicato. Lo storytelling sviluppa il concept di “Spirito Autentico”: nella società e nella cultura di oggi, in cui la distinzione tra cosa è reale e cosa è “fake” è sempre più labile, niente è più importante e ricercato dell’autenticità. 

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 23/02/2024


ENPA insieme a TBWA\Italia per la nuova campagna multisoggetto prodotta dalla cdp Doc Artist

È online la campagna Imperfetti cercasi, realizzata da TBWA\Italia per ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali), un progetto che vuole invitare le persone ad adottare animali abbandonati. Una gattina tra i gomitoli, un cane seduto a tavola, un coniglio che saltella tra le scatole: protagonisti indiscussi della campagna sono proprio gli animali da compagnia che amano in modo incondizionato noi e le nostre imperfezioni. Così, nei 5 soggetti e nel video di lancio, Onda, felice che il padrone sia pigro a sparecchiare, può gettarsi indisturbata sugli avanzi; Sweety gioca con i gomitoli lasciati in giro dal padrone “vecchio dentro” appassionato di cucito; Max salta fra le scatole di vestiti nuovi che il padrone “fashion victim” ordina in continuazione...  La campagna, che inaugura la collaborazione tra TBWA\Italia ed ENPA è pianificata su stampa, digital, social e radio. Un invito agli “imperfetti” di tutta Italia: adottate con ENPA e avrete al vostro fianco qualcuno che saprà apprezzarvi senza se e senza ma. Hanno lavorato al progetto Alessandro Monti (copywriter) e Yara Saad (art director) con la direzione creativa di Vittoria Apicella e Frank Guarini. Chief Creative Officer: Mirco Pagano. La produzione è di Doc Artist, con regia e fotografie di Gabriele Inzaghi.  Post produzione audio di SuoniLab. Hanno prestato le proprie voci al progetto Flavia Altomonte, Luca Appetiti, Stefano Mondini e Valentina Tomada. I protagonisti dello spot sono: Calma, Ofelia, Onda, Loulou, Max, Shy e Sweety.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy