ABBONATI

Sport Network ai Mondiali con i nuovi siti di Corriere dello Sport e Tuttosport

Autore: G Broggi


La concessionaria presenta il restyling desktop dei portali delle testate: focus su UX e viewability. L’intervista al Chief Digital Officer, Sergio Abate, e al Direttore Digital Advertising, Carlo Pasquazi

Il Mondiale di Calcio in Russia è alle porte e, nonostante la mancanza della nazionale azzurra, l’Italia è pronta a seguire l’evento con grande passione. Lo sono i tifosi, senz’altro un po’ delusi, e lo sono soprattutto i giornali e i media tricolori. È il caso di Sport Network, la concessionaria del Gruppo Amodei, che è pronta a scendere in campo insieme al suo pubblico di lettori per raccontare la manifestazione in scena da giovedì 14 giugno al 15 luglio. Con tante novità: a partire dalle nuove release desktop dei siti internet di Corriere dello Sport e di Tuttosport, come raccontano a DailyNet Sergio Abate, Chief Digital Officer, e Carlo Pasquazi, Direttore Digital Advertising di Sport Network.

Partiamo dal restyling dei siti...

Sergio Abate: Si tratta di una normale operazione per il nostro Gruppo, che a cadenza biennale completa il restyling delle versioni online di Corriere dello Sport e di Tuttosport, il cui direttore editoriale è Ivan Zazzaroni. Il processo di rivisitazione viene avviato nel secondo semestre dell’anno dispari per concludersi a ridosso del grande evento calcistico estivo, in questo caso i Mondiali di Calcio in Russia. Per noi rappresenta un grande plus da proporre a clienti e partner interessati a legarsi ai nostri brand editoriali, perché così hanno a disposizione un sito più moderno e in linea con gli ultimi trend digitali. L’operazione di restyling, curata internamente dal mio team, si riferisce soprattutto alla user experience del consumatore con l’obiettivo di rendere la navigazione più semplice e veloce. Un circolo virtuoso che arricchisce il percorso dell’utente con contenuti testuali, immagini e video correlati e innesca un meccanismo di coinvolgimento e fidelizzazione che nei primi mesi dell’anno ha generato una media di 250 milioni di pagine viste per entrambe le testate (fonte Analytics, ndr). Il tutto in una logica di costante approfondimento della notizia. In termini numerici ci attendiamo dei risultati tangibili per la fine dell’anno, anche se chiaramente la stagione estiva è molto attiva sul fronte sportivo, anche al di là dei Mondiali. E in questo caso parlo di calciomercato, ma anche motori e altre discipline.

Carlo Pasquazi

Cosa cambia, invece, a livello pubblicitario?

Carlo Pasquazi: Fondamentalmente i formati pubblicitari sono rimasti gli stessi, sia lato piattaforma, sia per quanto riguarda la vendita diretta. Con l’aggiunta di alcuni formati native, più impattanti e perfettamente inseriti nel contesto editoriale, pensati per aumentare la performance e rispondere ai principali KPI richiesti dal mercato, su tutti la viewability, che in questo caso arriva al 100%. Dal punto di vista dei formati più classici, ossia riconducibili al segmento display, ci siamo adeguati agli standard della Coalition for Better Ads, escludendo alcuni Rich Media e ottimizzando il tutto sempre in direzione di soddisfazione dei KPI. Il progetto di restyling è stato accolto con grande interesse da sponsor di settore merceologici: hanno sposato l’iniziativa ben cinque brand delle aree automotive, media/editoria ed entertainment. Ci terrei, poi, a sottolineare un ulteriore elemento: la nuova veste del sito desktop è molto importante perché è da questo canale che ancora passa la gran parte degli investimenti dei nostri clienti. Ed è importante poter disporre degli strumenti più aggiornati e in linea con le richieste dei nostri utenti.

Parliamo dei Mondiali di calcio, come vi siete attrezzati per l’evento?

Sergio Abate: Abbiamo avviato una serie di importanti iniziative editoriali, su tutte vorrei evidenziare la produzione di format video direttamente dalla sede di Roma con i nostri giornalisti. Si tratta di prodotti di commento che puntano sulla qualità e sull’analisi approfondita. Il video è al centro dei nostri investimenti già da qualche anno ma il Mondiale ci dà un’ulteriore occasione per sfruttare questa forma di comunicazione, molto cara agli utenti e altrettanto agli inserzionisti.

Carlo Pasquazi: Devo dire che quando l’Italia non si è qualificata alla manifestazione di Russia è stato uno scossone. Ma il Mondiale c’è ed è l’evento sportivo più importante dell’anno. Sicuramente ci sarà grande seguito sui nostri mezzi, prevediamo aumento di traffico e, in generale, un grande grande coinvolgimento del pubblico. Per quel che riguarda l’offerta commerciale, abbiamo creato prodotti per tutte le tipologie di clienti e per tutte le tasche: si va dai pacchetti premium, riservati ai main partner che hanno sponsorizzazioni importanti, ai pacchetti che chiamiamo contestuali, ossia legati a contenuti editoriali che trattano varie tematiche - come food e finanza - molto appetibili per aziende non direttamente coinvolte con i Mondiali, con l’obiettivo di attrarre sponsor di varia estrazione, fino ai custom project legati in particolare a due concorsi che abbiamo varato, ai social e a un innovativo progetto chatbot. Nonostante l’Italia non partecipi al torneo c’è un buon fermento da parte dei clienti e dei centri media. Per questo vediamo l’evento come una grande opportunità e in tantissimi si sono già rivolti a noi, dall’automotive al tech, dalle banche al largo consumo, fino al beverage.

Sergio Aabate

A proposito di social, come utilizzate il canale?

Sergio Abate: Siamo molto attivi tanto da aver creato all’interno dell’area Publishing della concessionaria una vera e propria funzione Social che collabora a stretto contatto con la redazione digitale. Oltre alla normale veicolazione dei contenuti, puntiamo molto su short content che vanno a promozionare i nostri siti, portando traffico. Facebook e Instagram sono importanti veicoli di traffico, soprattutto il primo, anche dopo il recente cambio d’algoritmo che ci ha portati a rivedere la nostra strategia in una logica di mix tra post organici e contenuti paid. Quello che osserviamo è un trend di crescita costante, che ci auguriamo prosegua anche nei prossimi mesi.

Da poco avete lanciato una soluzione promozionale dedicata ai chatbot, può descrivercela in dettaglio?

Carlo Pasquazi: BannerBot è stata lanciata a marzo grazie alla partnership con HeJ!, società leader in Italia nell’intelligenza artificiale per il conversational advertising. L’obiettivo di formati pubblicitari con chatbot integrato è quello di stimolare gli utenti ad aprire un dialogo costante e duraturo con le aziende al fine di favorire una relazione diretta. BannerBot ci permette di cavalcare un trend importante e creare per i nostri clienti dei progetti con l’obiettivo di ingaggiare il più possibile i consumatori, creando un dialogo diretto azienda/utente, attraverso un semplice click. Sicuramente la soluzione, che rientra nel campo dei progetti speciali, richiede parecchia semina e per avere continuità c’è bisogno di tempo: occorre spiegarla bene a clienti e centri media, inquadrandola e tarandola su esigenze specifiche. Siamo in una fase di evangelizzazione, consci del grande valore che BannerBot può portare al mercato.

Vorrei affrontare con voi il tema degli esports, un settore ancora poco sviluppato, ma dalle enormi potenzialità. E di grande interesse...

Sergio Abate: Abbiamo lanciato un canale dedicato agli esports all’interno dei siti di Corriere dello Sport e di Tuttosport e abbiamo in concessione il sito Esporters.it. Siamo attivi su questo fronte da gennaio e stiamo registrando buoni livelli di traffico e di coinvolgimento. In particolare perché così riusciamo a raggiungere il target dei nativi digitali, altrimenti molto difficile da colpire. Abbiamo grande ottimismo per il futuro. Carlo Pasquazi: Mi ricollego a quanto detto da Sergio: per noi l’esports è un settore davvero importante. Sotto il profilo pubblicitario lo stiamo esplorando e siamo in contatto con altre realtà editoriali per allargare ulteriormente il network e avere un’offerta sempre più competitiva. Con grande attenzione alla qualità.

Infine, qual è l’andamento in questi primi mesi dell’anno?

Carlo Pasquazi: Siamo in linea con gli obiettivi digital che ci eravamo posti. Sicuramente ci aspettiamo un buon risultato sul Mondiale, e speriamo di chiudere positivamente, com’è accaduto negli ultimi quattro anni, dove ci siamo difesi abbastanza bene e abbiamo segnato una crescita importante della raccolta.


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 22/03/2019


The Lift

La più classica delle scene cinematografiche diviene il centro del nuovo spot di Bianco, brand di calzature danese nato nel 1987. L’ascensore - The Lift - è il luogo ideale per raccontare una storia, una storia che come tante vede protagonisti un ragazzo e una ragazza che non hanno il coraggio di parlarsi e di rivelarsi l’attrazione reciproca. “Esci fuori dalla tua testa”, è questo l’invito finale del commercial da quasi 5 minuti, realizzato dall’agenzia &Co.. Uno spot davvero davvero emozionante che ci fa immedesimare con i protagonisti.

LEGGI

Correlati

img
media

Autore: Redazione - 22/03/2019


Prelievo con il sorriso: il nuovo video di AIBWS realizzato da Racoon Studio

Per tutti i bambini affetti da BWS (ma non solo) il prelievo del sangue è fondamentale ma si sa non piacevole. A rendere il tutto più semplice arriva in loro soccorso Biwy, una farfalla monarca, che li trasporta in un mondo fantastico e li accompagna durante tutto l’iter spiegando loro come funziona la procedura. Al loro ingresso in ospedale, Roby e Melissa, i piccoli protagonisti della storia, sono ovviamente spaventati. Ecco che all’improvviso, mentre sono seduti in sala d’attesa, appare Biwy che starà al loro fianco durante tutto il tempo necessario per il prelievo. Parla con loro, gli sta vicino e alla fine li accompagna all’uscita tra le braccia di mamma e papà. Animazione dai tratti tradizionali Il team di Racoon Studio ha lavorato sul brief dell'Associazione e da questa collaborazione è nato un video. Riccardo Galimberti, titolare della cdp, esprime grande soddisfazione per il progetto: “Abbiamo sposato immediatamente la causa e accolto con gioia la richiesta di realizzare questo video per aiutare tutti quei bambini, non solo quelli affetti da BWS, che periodicamente devono affrontare il prelievo del sangue. Poter rendere la pratica più semplice e sostenerli ad affrontare il tutto con più serenità ci rende felici. Abbiamo pensato ad una animazione tradizionale dal linguaggio molto fluido e dinamico al quale sono abituati oggi i più piccoli”. [vimeo id=288766871]

LEGGI
img
media

Autore: Redazione - 21/03/2019


Cartoonito presenta in prima tv free la nuova serie "Top Wing"

Approda su Cartoonito (canale 46 del DTT) una nuova serie in Prima Tv free dedicata ai più piccoli: Top Wing. Lo show vede protagonisti quattro piloti della Top Wing Accademy. I giovani pennuti sono infatti dei cadetti pronti ad allenarsi per diventare una squadra di soccorso. L’appuntamento è per il 25 marzo, dal lunedì al venerdì, alle 19.30. Swift, Penny, Brody e Rod sono amici e si impegnano al massimo per superare le prove che gli permetteranno di conquistare le ali e diventare uccelli da salvataggio. Potranno riuscirci solo imparando a lavorare in squadra e fidandosi delle capacità e delle risorse di ognuno di loro. Una squadra affiatata Swift è in assoluto il più veloce di tutti, sempre concentrato sul lavoro da svolgere, è per gli altri cadetti un amico davvero fidato. A tenere alto l’umore del gruppo ci pensa invece Rod, con i suoi buffi scherzi e le sue risate contagiose, è divertente ed energico in ogni momento. Al loro fianco ci sarà Penny, una pinguina esperta di operazioni marine, alla guida del sottomarino Aqua Wing. Curiosa, intelligente e coraggiosissima, Penny è un minuscolo concentrato di energia e sorprese. A completare la squadra, infine, il dolce e amabile Brody, sempre pronto all’azione. Ad aiutarli nell’impresa Speedy, il loro mentore, e dei veicoli a turbo compressione e gadgets high- tech. Ogni missione che verrà loro assegnata servirà proprio per affinare le abilità di soccorso e aiutare chiunque abbia bisogno. Insieme ai quattro intraprendenti cadetti, i bambini potranno imparare importanti e preziose nozioni sulla sicurezza, senza scordare il divertimento. Avventura e coraggio non mancheranno in questa nuova serie colorata e piena di azione.

LEGGI
img
media

Autore: Redazione - 21/03/2019


Canale 5 leader negli ascolti: è la prima rete italiana nell’intera giornata

Da tre settimane Auditel, Canale 5 è stabilmente prima rete italiana negli ascolti dell’intera giornata sia nel target commerciale 15-64 anni sia tra il pubblico totale, risultato quest’ultimo che va oltre ogni previsione e che mai è stato considerato un obiettivo aziendale. Nella settimana 24 febbraio-2 marzo 2019 e nelle due successive (3-9 marzo e 10-16 marzo), Canale 5 ha conquistato la leadership assoluta sul pubblico totale aumentando gradualmente la propria audience fino ad arrivare al 17,4% nelle 24 ore, con un vantaggio di oltre un punto sulla rete ammiraglia concorrente. Un significativo successo che dimostra la brillante stagione d’ascolti di Canale 5 al di là di percezioni non sempre oggettive. Questo gradimento del pubblico si concretizza sia in Day time (leadership quotidiana dalle 8:40 delmattino alle 20:00 della sera con una media del 17,9% di share) sia in Prima serata con la forza di "Striscia la notizia” e le affermazioni di programmi come “C’è posta per te”, “Ciao Darwin”, “Uominie donne: la scelta”, “Chi vuol essere milionario?”, “L’Isola dei famosi”, “Live-Non è la D’Urso”. Le fiction Da segnalare inoltre i risultati dell’innovativa linea di fiction in onda da metà febbraio su Canale 5: grazie al nuovo linguaggio e al nuovo stile narrativo, sia “Non mentire” sia “Il silenzio dell’acqua” hanno registrato ottimi ascolti oltre ad aver raccolto riscontri di critica molto positivi. In conclusione, va sottolineato che arrivati a metà stagione primavera 2019 devono ancora esordire prodotti di punta come “Amici” e “Grande Fratello”, oltre a programmi completamente nuovi come “Alltogheternow” e al ritorno di un classico di Canale 5 che sarà annunciato a breve. Al via anche “Lontano da te”, inedita fiction di standard europeo frutto della coproduzione con Mediaset España, e l’attesa serie “L’Amore strappato” con Sabrina Ferilli, legata alla più stretta attualità e tratta da una storia vera. Una nuova offerta che arricchirà ulteriormente la proposta televisiva della rete ora in testa al gradimento del pubblico.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy