ABBONATI

Grazia festeggia 80 anni con raccolta in crescita e lo speciale Celebrating di 468 pagine di cui circa 200 di inserito

Autore: Redazione


Il brand di moda e attualità del Gruppo Mondadori è presente in 5 continenti con 20 edizioni internazionali, 17 milioni di lettori e 35 milioni di utenti unici

Grazia, il settimanale del Gruppo  Mondadori compie  80 anni  conservando la curiosità e la passione del primo giorno. Presente dal 1938 in Italia, oggi Grazia, presente in 5 continenti con 20 edizioni, raggiunge complessivamente 17 milioni di lettori  con più di 10 milioni di copie vendute  su base mensile, 35 milioni di utenti  unici  al mese e 13 milioni di follower sui social media e si conferma uno dei veicoli pubblicitari preferiti dalle aziende di moda e cosmetica nel mercato di alta gamma. Ha saputo accompagnare generazioni di donne grazie a una formula unica che coniuga moda, attualità  e notizie.  News, inchieste e approfondimenti sui fatti di maggior interesse si sposano con servizi esclusivi, uno stile visionario scattato da grandi fotografi e interviste a personaggi di fama mondiale, grazie a un dialogo costante con i protagonisti della scena internazionale e a un rapporto privilegiato con celebrity, top model e stilisti. Punti di forza che hanno permesso all’iconico brand di evolvere in un sistema  multicanale apprezzato dai lettori e dalle community digitali più dinamiche e sofisticate come l’interprete ideale del made in Italy. Successo per il brand anche presso gli investitori:  Grazia ha infatti avuto una raccolta a volume in crescita dell’1% nei primi sette mesi del 2018. Mentre la raccolta in tre anni stampa più digital a valore è positiva con in particolare un incremento a due cifre per la parte digitale.

Celebrating – Made In Grazia

Grazia ha voluto offrire un riconoscimento alla bellezza e al talento italiani con la pubblicazione di Celebrating - made in Grazia, un coffee table book in una tiratura di 120mila copie, 468 pag di foliazione e 196 di inserito pubblicitario. Sulle pagine di Celebrating si alternano interviste, storie e straordinarie immagini dedicate ai più grandi talenti italiani e alla cultura e al genio internazionali visti da importanti autori del nostro Paese. Le modelle più famose ritratte da celebri fotografi, come Bianca Balti fotografata da Gia Coppola, le storie di vita e di lavoro di noti stilisti, uomini e donne del cinema, le star della musica, della danza, dello sport, dell’architettura, dell’arte, del design, della letteratura. Personaggi di ambiti diversi si incontrano dando vita a racconti inaspettati come nelle conversazioni tra Mika e Pierpaolo Piccioli, Diego Della Valle e Pierfrancesco Favino, Miuccia Prada e Alice Rohrwacher, o nei ritratti di Roberto Bolle e di Donatella Versace firmati dagli scrittori Marco Missiroli e Teresa Ciabatti. Il numero da collezione contiene inoltre le rivisitazioni delle copertine di Grazia di ieri e di oggi firmate dai grandi artisti  italiani  Marcello Maloberti, Mimmo Paladino, Paola Pivi, Nico Vascellari. Celebrating – Made in Grazia, in italiano e in inglese, è in  vendita  da oggi  nelle edicole e in selezionate librerie delle principali città internazionali.

L’evento celebrativo

Ieri sera hanno avuto luogo a Milano le celebrazioni per gli 80 anni di Grazia, evento culmine di una serie di iniziative speciali lanciate nel corso dell’anno dal magazine italiano diretto da Silvia  Grilli con lo slogan #Graziayoungsince1938, per festeggiare la storia dell’iconico brand del Gruppo Mondadori. La serata, nella prestigiosa cornice della Rotonda della Besana, si è aperta con un cocktail e ha dato poi vita a uno show esclusivo ispirato ai valori che hanno reso Grazia un brand distintivo in continua evoluzione: made in Italy, internazionalità, creatività, eleganza e sostenibilità. Insieme a Ernesto Mauri, A.D. del Gruppo Mondadori, Silvia Grilli, direttore del magazine e Carla Vanni, direttore del Grazia International Network, ospiti  italiani e di fama internazionale come: Pixie  Lott,  Ireland  Basinger  Baldwin,  figlia di Kim Basinger e Alec  Baldwin, Patty  Pravo,  Eleonora   Abbagnato,   la  soprano Carly  Paoli,  Victoria   Cabello, Filippa Lagerback,  Alessia Marcuzzi e la giornalista Mia Ceran. Madrina d’eccezione Nadège, una delle più famose top model dell’epoca d’oro della moda che ha fatto parte di quel ristretto gruppo di “supermodelle” che hanno rivoluzionato il fashion system, trasformandosi da semplici indossatrici a donne dalla forte personalità, in grado di incantare intere generazioni. L’attore Alessandro Gassman  è stato premiato per il talento mostrato in oltre 30 anni di carriera e l’impegno sociale offerto in Italia e nel mondo, incarnando i valori di eccellenza e di responsabilità che da sempre ispirano la missione giornalistica di Grazia. Special guest musicale, Ofenbach, il duo francese che ha conquistato il mondo con la sua musica. Dopo le hit Be Mine (tre Dischi di Platino in Italia), che è stato il brano più suonato dalle radio italiane nel 2017, Katchi (Disco di Platino) e Party, il nuovo singolo è Paradise. L’evento è stato patrocinato dal Comune di Milano e dalla Camera Nazionale della Moda Italiana, in concomitanza con l’apertura del calendario della Fashion Week milanese.

Silvia Grilli
Grazia Global Conference 2018

Le celebrazioni per gli 80 anni di Grazia proseguono oggi con la Grazia Global Conference  2018. La giornata di lavori a Palazzo Mondadori, sede del Gruppo, ha come protagonisti il direttore del Grazia International Network Carla Vanni assieme ai direttori e ai partner delle 20 edizioni del magazine nel mondo (Italia, Francia, Spagna, Germania, Olanda, Inghilterra, Serbia, Croazia, Bulgaria, Slovenia, Russia, Emirati Arabi, Messico, Arabia, Pakistan, India, Cina, Corea, Marocco e Australia). L’incontro accoglie le testimonianze speciali di Rosita,  Angela,  Luca  e Francesco  Missoni; Robert  Triefus,  Executive Vice President, Chief Marketing Officer, Brand and Customer Engagement di Gucci e Brunello Cucinelli, presidente e amministratore delegato dell’omonimo brand, e sarà anche un’occasione di confronto sui trend e gli scenari futuri della moda nell’era digitale, con gli interventi di Carla Buzasi, Managing Director di WGSN e Giuliano  Noci, professore di Strategy and Marketing e Prorettore del Polo Territoriale cinese del Politecnico di Milano.


img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 22/04/2024


L’Istat cerca partner per creatività e planning a supporto dei censimenti economici permanenti; l’appalto vale 2,6 milioni di euro in tre anni

Consip ha avviato una gara per affidare le campagne di comunicazione integrate a supporto dei censimenti permanenti per Istat. Il valore dell’appalto è di 2,64 milioni di euro al netto dell’iva. L’incarico è di 3 anni e, in particolare, riguarda le campagne a supporto del censimento permanente della  popolazione e delle abitazioni e dei censimenti permanenti economici (imprese, istituzioni pubbliche, istituzioni non profit, agricoltura), previsti dall’Istat nel triennio 2024–2027, nonché una campagna generalista dedicata alla valorizzazione dei censimenti da svilupparsi nell’ambito delle celebrazioni del centenario dell’Istat che si terrà nel 2026. L’agenzia sarà incaricata sia dell’ideazione creativa che della strategia e pianificazione media, oltre che delle attività web, dei social e della gestione delle pr. Il budget media complessivo per tutta la durata del contratto, incluso il placement, è di massimo 850.000 euro (iva esclusa). Il termine per presentare le offerte è il 28 maggio. Obiettivi Le singole campagne dovranno, in un’ottica integrata, implementare la strategia comunicativa sui Censimenti permanenti per perseguire i seguenti obiettivi generali: informare sulle diverse modalità di svolgimento delle operazioni censuarie e sulle novità di ciascuna edizione; favorire la più completa, corretta e tempestiva partecipazione dei rispondenti alle operazioni censuarie; garantire a ciascun Censimento visibilità, riconoscibilità e memorabilità; sostenere la piena riuscita di ciascun Censimento promuovendo la condivisione degli obiettivi specifici con i rispondenti e con i potenziali utilizzatori dei dati; sperimentare azioni, strumenti e linguaggi innovativi, che consentano di raggiungere pubblici più ampi possibile; essere «in ascolto» e flessibile per reindirizzare messaggi e azioni; rispondere ai perché e ad eventuali criticità che potrebbero insorgere nel corso delle diverse rilevazioni (communication crisis management); promuovere la restituzione dei risultati di ciascun Censimento, valorizzandone il grande potenziale conoscitivo e la loro utilità, e assicurando una continuità narrativa sui censimenti tra una rilevazione e l’altra; costruire e rafforzare alleanze/partnership con stakeholder, utilizzatori esperti, istituzioni, comunità scientifica, media e altri attori dei censimenti, con azioni mirate di pubbliche relazioni, promuovendo attività di engagement e di endorsement; consolidare la narrazione di tutti i Censimenti permanenti come un sistema integrato di rilevazioni in grado di assicurare al Paese un patrimonio informativo più ricco e tempestivo e di garantire un risparmio economico e una riduzione del carico sui rispondenti, in linea con i più innovativi standard internazionali;  evidenziare il ruolo dell’Istat sia come produttore di informazioni e analisi puntuali utili alla collettività e al Paese, sia quale ente con una visione orientata all’innovazione, al fine di rafforzare la reputazione e notorietà dell’Istituto; rafforzare la fiducia dei cittadini nell’istituzione e nella informazione statistica ufficiale e l’importanza di una partecipazione consapevole e attiva alle rilevazioni statistiche ufficiali. 

LEGGI
img
spot

Autore: V Parazzoli - 09/04/2024


Lorenzo Marini Group firma “Il divino quotidiano” di Amica Chips, con una versione più “rispettosa” in tv e una più trasgressiva sui social

È on air la nuova campagna tv Amica Chips, realizzata, dopo aver vinto la relativa gara, da Lorenzo Marini Group, che propone una comunicazione fuori dagli schemi tradizionali con un linguaggio ironico, forte e trasgressivo, destinato a colpire un target giovane non abituato a messaggi “televisivi tradizionali” ma a stilemi narrativi social. Non a caso, dello spot sono state approntate una versione più “provocante” appunto per i social e una più rispettosa di un target tradizionale per la tv, con planning sempre di Media Club. Il film Le protagoniste dello spot sono delle novizie, riprese in fila sotto al chiostro del monastero mentre si apprestano ad entrare in chiesa. In sottofondo si sente la musica dell’“Ave Maria” di Schubert, eseguita con l’organo che accompagna questo ingresso. Le novizie sono in fila verso l’altare e la prima sta per ricevere la comunione dal prete celebrante…In quel momento si sente il suono della croccantezza della patatina, un “crunch” amplificato in perfetto sincrono con il momento in cui la prima novizia ha ricevuto l’ostia. Le altre in fila, al sentire il “crunch”, sorridono divertite e guardano nella direzione da cui proviene il rumore “appetitoso e goloso” della patatina croccante. La Madre Superiora infatti è seduta in sagrestia e, rilassata in un momento di pausa, sta mangiando con gusto le Amica Chips prendendole da un sacchetto che tiene in mano. Pack shot con le patatine Amica Chips e in super appaiono logo e claim di campagna “Il divino quotidiano”. Obiettivi e target L’obiettivo principale della comunicazione è quello di riaffermare il ruolo da protagonista di Amica Chips in comunicazione, da sempre protagonista di campagne forti e distintive con un tono da leader, per aumentare la percezione del suo valore di marca e consolidare la sua brand awareness. La campagna, che vuole sottolineare l’irresistibilità del prodotto ed esaltare la sua croccantezza superiore, sarà sviluppata con un sistema di comunicazione integrato teso a massimizzare l’impatto e la copertura di un target 18–54 anni, con particolare focus per la parte più giovane (18-35) sui canali digital e social. Un target che, in chiave psicografica viene descritto come composto da persone che nella loro vita ricercano ironia, divertimento e simpatia e che hanno un atteggiamento sociale aperto ed evoluto, con una ricerca continua di uscita dagli schemi convenzionali. Il messaggio vuole esprimere, con forte ironia “british”, un contenuto di prodotto legato al momento dello snack e, attraverso una descrizione iperbolica e provocante, esprimere il valore della croccantezza irresistibile della patatina Amica Chips. Si vuole rappresentare, in modo palese e senza fraintendimenti di tipo religioso, una situazione “chiaramente teatrale e da fiction”, tratta da citazioni del mondo ecclesiastico già abbondantemente trattate nella cinematografia mondiale, nelle rappresentazioni teatrali e nella pubblicità. Lo spot 30” verrà programmato sulle reti Mediaset, Cairo e sulle CTV, oltre che sui canali digitali. Il commento «Le patatine sono una categoria mentale compensativa e divertente – spiega Marini a Dailyonline -.. Hanno bisogno di comunicazioni ironiche, giovani e impattanti. L’area semantica della serietà è noiosa, funziona per prodotti assicurativi o farmaceutici. L’area del divertimento e della giocosità si sposa benissimo invece con questo settore». Credits Direzione creativa: Lorenzo Marini Copywriter: Artemisa Sakaj  Planning strategico e direzione generale: Ezio Campellone Account service: Elma Golloshi Casa di produzione: Film Good Executive producer: Pierangelo Spina Regia: Dario Piana Direttore fotografia: Stefano Morcaldo Producer: Sara Aina Musica: “Ave Maria” di Schubert – esecuzione di Alessandro Magri  

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy