ABBONATI

Il Corriere della Sera e Il Sole 24 Ore aderiscono al Trust Project

Autore: Redazione


L’iniziativa è finalizzata a rafforzare la trasparenza e la fiducia nei mezzi d’informazione, allargando la portata dei cosiddetti “indicatori di fiducia”

In uno sforzo congiunto contro la disinformazione online, 20 tra le maggiori testate giornalistiche tra cui Corriere della Sera e Il Sole 24 Ore in Italia, hanno aderito all’iniziativa realizzata dal Trust Project volta a rafforzare la trasparenza e la fiducia nei mezzi d’informazione, allargando la portata dei cosiddetti “indicatori di fiducia” (o Trust Indicators) della rete globale a 217 milioni di persone al mese.

Indicatori di fiducia

Grazie a un’iniziativa così estesa, oggi, oltre 120 siti di informazione in tutto il mondo si fregiano degli indicatori di fiducia del Project – il primo standard di trasparenza sulle informazioni che facilita il riconoscimento degli impegni e dell’esperienza su cui fa leva un giornalismo affidabile - con decine di altri siti pronti a seguire la rotta tracciata. Alla stregua delle etichette che tracciano i prodotti alimentari, gli indicatori di fiducia vengono proposti dalle redazioni per fornire chiarezza su chi e cosa c’è dietro una notizia, in modo tale che ognuno possa valutare se essa provenga da fonte credibile.

Le esigenze degli utenti

Ricerche, sia sul campo sia in via sperimentale, dimostrano che gli indicatori di fiducia soddisfano le esigenze degli utenti. Attraverso due sondaggi, Reach (Regno Unito) ha riscontrato un balzo dell’8% nella fiducia nella propria testata di punta, “The Mirror”, a seguito dell’inserimento degli indicatori sul suo sito. Un esperimento, condotto dal Center for Media Engagement della University of Texas di Austin, ha rilevato valutazioni più alte nella reputazione di una testata giornalistica, comprese credibilità e affidabilità, in presenza di indicatori di fiducia. In entrambi gli studi, anche la fiducia nel singolo giornalista risultava più alta.

Le piattaforme tecnologiche

A dare maggior slancio al Trust Project sono i nuovi utilizzi degli indicatori da parte di partner del settore tecnologico. Google, Bing, Facebook, Nuzzel, PEN America e NewsGuard ne fanno uso per far emergere, presentare o inquadrare meglio il loro approccio al giornalismo sulle rispettive piattaforme. Creato dalla giornalista Sally Lehrman, il Trust Project è ospitato dal Markkula Center for Applied Ethics della Santa Clara University ed è finanziato da Craig Newmark Philanthropies, Google, John S. & James L. Knight Foundation, Democracy Fund e Markkula Foundation.

Standard di trasparenza

“Gli indicatori di fiducia stanno prendendo piede quale standard di trasparenza del settore a livello globale e non solo all’interno delle redazioni”, afferma Sally Lehrman. “Le elezioni negli Stati Uniti hanno posto in evidenza una questione di rilevanza mondiale: la necessità improrogabile di avere informazioni credibili, imparziali e accurate. Grazie allo sviluppo del Trust Project, milioni di persone oggi possono utilizzare gli indicatori di fiducia ed essere sicure di poter riconoscere le notizie affidabili prodotte ogni giorno dai giornalisti”.

Integrazione tecnologica

Oltre a essere riconoscibile dagli utenti sulle pagine dei news partner del progetto, ogni indicatore è incorporato anche all’interno dell’articolo e nel codice del sito, al fine di renderlo leggibile da macchina. In tal modo, viene fornito il primo linguaggio tecnico standardizzato in grado di offrire informazioni contestuali sugli impegni presi in tema di trasparenza da parte dei siti di informazione.

Google

“Siamo lieti di vedere che centinaia di nuovi siti di informazione si stiano adoperando per adottare gli indicatori di fiducia. La trasparenza è importante per costruire fiducia, e la fiducia è importante per costruire impegno. È gratificante osservare quanto la ricerca condotta da Reach avvalori tali capisaldi - afferma Richard Gingras, vice presidente di Google News -. Gli indicatori di fiducia sono strumenti preziosi per valutare l’autorevolezza relativa delle testate giornalistiche e degli autori. Ci attendiamo di sviluppare nuove modalità di utilizzo degli indicatori”. Secondo Google, l’indicatore “Genere di articolo” costituisce uno strumento valido per valutare se un articolo pubblicato da un editore aderente al Trust Project venga mostrato come una notizia standard, un’opinione, un’analisi o un articolo esplicativo.

Facebook

Quando Facebook ha lanciato il processo di indicizzazione delle pagine di informazione, ha collaborato con il Trust Project per semplificare l’aggiunta di informazioni facoltative sulla propria Pagina da parte degli editori, quali i link alle politiche sul fact-checking, sull’etica e sulla rettifica, che fanno tutte parte dell’indicatore di fiducia “Migliori pratiche”. “Abbiamo guardato all’iniziativa del Trust Project come a una risorsa utile a evidenziare il nostro approccio”, spiega Mollie Vandor, product manager di Facebook. “La ricerca sugli indicatori di fiducia ci ha fornito una base solida da cui partire. Continueremo la nostra collaborazione con il Trust Project per poter esaminare le diverse modalità di presentazione di tali informazioni, in modo tale che ognuno possa avere una visione più chiara delle notizie che appaiono su Facebook”.

I nuovi partner

I news partner che si sono aggiunti rappresentano oltre il doppio del numero di testate giornalistiche che adottano oggi gli indicatori di fiducia. Negli Stati Uniti e in Canada, gli indicatori sono presenti su siti ospitati da Bay Area News Group, CBC News, Heavy.com, The Toronto Star, TEGNA, Voice of Orange County, The Walrus and the Wisconsin Center for Investigative Journalism; in Europa, sui siti di Corriere della Sera (Italia), El Pais (Spagna), Il Sole 24 Ore (Italia), Kathimerini (Grecia), Orb Media (a livello internazionale), SciDev.Net (a livello internazionale), e SkyNews (Regno Unito). Tra le società in procinto di adottare gli indicatori di fiducia vi sono Canadian Press, FRONTLINE (USA), El Mundo (Spagna), Star Tribune (USA) e Zeit Online (Germania). Gli indicatori di fiducia sono presenti dallo scorso anno su siti di proprietà di BBC (Regno Unito), dpa (Germania), The Economist (Regno Unito), FourFourTwo (Regno Unito), Globe and Mail (Canada), Hearst Television, Independent Journal Review e Mic (USA), La Repubblica e La Stampa (Italia), Stuff (Regno Unito), Reach Plc (Regno Unito) e Washington Post (USA).


img
incarichi e gare

Autore: V Parazzoli - 22/02/2024


Mediaplus si aggiudica la gara per strategia, planning e digital marketing di Sperlari Group; il budget è di 5 milioni di euro

Sperlari Group, azienda italiana del settore dolciario con oltre 180 anni di storia, ha annunciato l’avvio della collaborazione con Mediaplus Italia, dopo averla scelta come agenzia di riferimento per la gestione delle sue campagne di comunicazione e, più nello specifico, per strategia, planning media off e online, e digital marketing. La selezione di Mediaplus Italia, che subentra nell’incarico a GroupM, è avvenuta al termine di una procedura di gara. Il budget è stimabile nell’ordine dei 5 milioni di euro. La sinergia tra le due realtà cade in un momento cruciale per la strategia di sviluppo di Sperlari Group, con l’inaugurazione di una nuova era di comunicazione di marca, virata verso l’innovazione e la trasformazione digitale. La collaborazione “Siamo entusiasti di avviare questa collaborazione con Mediaplus Italia. La nostra decisione di scegliere un partner indipendente riflette la nostra ricerca di una relazione personalizzata che si adatti perfettamente alle specificità dei nostri bisogni. Confidiamo di poter costruire insieme strategie di comunicazione che siano veramente su misura per i nostri brand”, ha commentato Bernadette Bevacqua, CEO di Sperlari Group Italia. Il primo frutto della collaborazione tra Sperlari Group e l’agenzia guidata dal CEO Vittorio Bucci è la campagna di Saila, una comunicazione a due fasi realizzata con l’obiettivo di massimizzare l’awareness del nuovo posizionamento facendo leva su un ambassador d’eccezione come Christian Vieri. Il media mix prevede una pianificazione video sui principali touchpoint in-target per la veicolazione del concept “La caramella del bomber” e un successivo boost su Meta, YouTube e DAZN per la promozione del concorso “Leggende da Bar”.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 13/02/2024


Jakala firma la nuova campagna di Edenred Italia con protagonista Valerio Lundini, on air su radio, tv e social media

Edenred Italia, leader nelle soluzioni per il mondo del lavoro, presenta la nuova campagna pubblicitaria dedicata al suo iconico Ticket Restaurant. Ideata, realizzata e pianificata per il secondo anno da JAKALA, azienda specializzata nel traghettare le aziende verso la trasformazione digitale attraverso l’intelligenza artificiale, con soluzioni complete per il mondo advertising, la campagna vede la realizzazione di un nuovo spot con la partecipazione speciale del comico e conduttore italiano Valerio Lundini. Hai un’azienda o una partita Iva? Gioca di fantasia. Quale potrebbe essere il tuo sogno più ambizioso e inimmaginabile? Uno strumento che sia smart e vantaggioso perla pausa pranzo, la spesa e il food delivery, che possa aiutarti ad ottenere vantaggi fiscali. Non serve il Genio della lampada per esaudire questo desiderio: esiste già, è Ticket Restaurant! Nel nuovo spot Valerio Lundini interpreta contemporaneamente se stesso e uno stanchissimo Genio della Lampada: ormai ha già esaudito due dei tre famigerati desideri, ma per il terzo proprio non si riesce a venirne a capo. E quando pensa di aver trovato qualcosa che proprio gli servirebbe...Esiste già. È la Soluzione Geniale per la Deduzione Fiscale. Anche questa volta si rinnova la partnership con Courage alla produzione e Riccardo Digiacomo alla regia, con il suo sguardo immaginifico e ironico. La campagna si articola in diversi flight nel corso di tutto il 2024. La pianificazione tv prevede la messa in onda dello spot sulle principali emittenti nazionali (Mediaset, Rai, Sky, La7) ed è affiancata da una pianificazione radio su stazioni e programmi molto legati al target B2B (Radio24, Radio Rai, Radio Capital, Radio Deejay, RMC, RDS). In concomitanza con i flight tv e radio è prevista presenza della campagna anche sul digital con formati display e video sui principali network e publisher e su mondo Meta, TikTok, YouTube e DAZN.  Il commento “Per il secondo anno Valerio Lundini è il protagonista dello spot di Edenred Italia», ha dichiarato Giorgio Sacconi, Digital & Media Managing Director di JAKALA. «Con la sua partecipazione prosegue e si potenzia il percorso intrapreso con la campagna precedente di associazione con il brand e di riconoscibilità del marchio per un pubblico trasversale e sempre più ampio. Quest’anno Valerio non si è limitato al contributo già prezioso di interpretazione e arricchimento dello script, ma ha lavorato in prima persona all’idea creativa insieme al nostro team creativo”. Credits Creative Director: Marta Bacigalupo  Head of Creatives: Gabriele Salamone Copywriter: Angelo Curci Art Director: Giacomo Conti  CdP: Courage Regia: Riccardo Digiacomo Direttore della fotografia: Timon Le Graaf Boelè Fotografo: Dario Bologna

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy