ABBONATI

Lewis racconta la nuova era del Quantified Engagement

Autore: Redazione


Nonostante la domanda di un maggior livello di partecipazione in termini di engagement, i brand continuano a operare in compartimenti stagni, creando esperienze disgiunte per i clienti

LEWIS, agenzia globale di comunicazione integrata, ha lanciato LEWIS Global Marketing Engagement, un’analisi di marketing condotta sulle 300 più grandi aziende quotate al mondo. L’indagine ha rivelato che la maggior parte delle aziende coinvolte sta commettendo l’errore di guardare al proprio marketing mix come un’unica logica attività. Lo studio ipotizza che, per fornire al cliente esperienze maggiormente integrate, sia necessario abbracciare una nuova era del marketing: il Quantified Engagement. LEWIS Marketing Engagement Tracker L’indagine si basa su una metodologia proprietaria, chiamata LEWIS Marketing Engagement Tracker, che analizza 10 categorie quali, ad esempio, sicurezza, personalizzazione, social media, tempi di risposta e user experience. Il rapporto rivela significative contraddizioni in ambito marketing in molte delle aziende coinvolte, specialmente a livello regionale. Nonostante le differenze nei punti di forza e debolezza delle categorie, i punteggi medi delle aziende americane ed EMEA sono fra loro molto simili. Le aziende APAC, invece, hanno totalizzato un punteggio minore rispetto ai colleghi americani ed EMEA all’interno del marketing mix. LEWIS Marketing Engagement Index tiene conto delle significative differenze in ambito marketing in APAC, specialmente in Cina, dove Weibo, WeChat e l’ecommerce rappresentano i principali canali. Difficoltà Nonostante la domanda di un maggior livello di partecipazione in termini di engagement attraverso i canali, i brand continuano a operare in compartimenti stagni, creando esperienze disgiunte per i clienti. Molte aziende non utilizzano semplici meccanismi di ottimizzazione, come schemi, tag management e personalizzazione di paid content. I social media restano un megafono piuttosto che un canale per coinvolgere e interagire con i clienti. L’hackability dei siti web è risultata molto più alta di quanto atteso, anche nel caso di settori in cui la sicurezza è di primaria importanza, e il protocollo HTTPS non è utilizzato da circa un quinto delle aziende americane. L’era del Quantified Engagement “Vincere la battaglia dell’engagement è la nuova frontiera dei professionisti del marketing, e la sua misurazione è più critica che mai. Noi crediamo che le aziende debbano accelerare la propria integrazione di un ecosistema di marketing, cominciando a misurarlo come un unico sistema, non come una serie di isole a sé stanti. Questo è il motivo per cui crediamo di essere all’inizio di una nuova era del marketing, l’era del Quantified Engagement”, ha dichiarato Giles Peddy, SVP EMEA, LEWIS. La top 10 globale Dall’analisi LEWIS emerge che la Top 10 globale vede in testa Microsoft, seguita da Bank of America e Intel. Tra le Top 10, cinque provengono dal mondo dei servizi finanziari e solo tre aziende sono al di fuori degli Stati Uniti. La diversificazione dei settori è maggiore al di fuori delle Americhe, con le Top 10 EMEA e APAC che comprendono aziende in ambito FMCG, farmaceutico, automobilistico, elettronico, telco, petrolchimico e minerario. Risultati principali • Microsoft è il numero 1, davanti alla numero 2 di soli due punti. • Il 17% delle aziende nelle Americhe gira ancora su HTTP, nonostante le implicazioni per la sicurezza e l’impatto sul search. • Una carenza quasi globale nell’uso dei mark-up di schema impatta sulla ricercabilità, nonostante il 93% delle attività online cominci con una ricerca. • L’implementazione di Tag management non è adeguata e le aziende hanno la possibilità di trovare ulteriori opportunità di ottimizzazione. • L’azienda Top in APAC non raggiungerebbe il Top 50 in America e rientrerebbe appena nella Top 50 in EMEA. • Le aziende non rispondono alle richieste degli utenti in modo utile affinché si possa sviluppare un’esperienza positiva. • I brand continuano a utilizzare i social media come un megafono piuttosto che come un canale di coinvolgimento.

img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 04/03/2024


Zigulì ritorna in comunicazione e sceglie SCAI per rilanciare il proprio brand

Conosciuto per essere uno dei prodotti più iconici della generazione millennials, Zigulì (Gruppo Monetti) ha affidato a SCAI Comunicazione il compito fondamentale di reinventare la nuova immagine del marchio, al passo con tempi e trend, coniugando ricordi passati con mindset attuali, per creare una presenza accattivante per il pubblico di oggi. Un mito che sembra destinato a non tramontare, quello della “Pallina con vera frutta”, apprezzata non solo dai più piccoli ma anche da tutti gli ex bambini che le riassaporano per un dolce tuffo nel passato. Questo il punto di partenza per reimmaginare la narrazione e l’identità visiva del marchio. Grazie alla partnership con SCAI, Zigulì mira a rivitalizzare la sua impronta digitale e offline, creando un’identità nuova che faccia breccia nel cuore del pubblico di un mercato in continua evoluzione. Facendo leva su strategie all’avanguardia e sull’abilità del team strategico e creativo, SCAI Comunicazione guiderà il percorso di rilancio, assicurando una fusione perfetta tra tradizione e innovazione. L’agenzia è, infatti, rinomata per la sua esperienza nel guidare i brand attraverso la trasformazione digitale, nel creare narrazioni convincenti e nell’orchestrare iniziative di rebranding di successo. Lo ha già fatto per Walcor, Martino Couscous, Giokids, Diners. L’impegno per l’innovazione e la comunicazione strategica si allinea perfettamente con la visione di Zigulì per un’evoluzione del marchio dinamica e d’impatto. “Siamo entusiasti di lavorare su un brand così importante e riconosciuto di valore per la collettività - afferma Giorgia Marini project manager di SCAI -. Questa partnership rappresenta una bellissima sfida per sfruttare tutte le nostre competenze strategiche e creative per catapultare Zigulì in una nuova era di protagonismo digitale”.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 23/02/2024


ENPA insieme a TBWA\Italia per la nuova campagna multisoggetto prodotta dalla cdp Doc Artist

È online la campagna Imperfetti cercasi, realizzata da TBWA\Italia per ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali), un progetto che vuole invitare le persone ad adottare animali abbandonati. Una gattina tra i gomitoli, un cane seduto a tavola, un coniglio che saltella tra le scatole: protagonisti indiscussi della campagna sono proprio gli animali da compagnia che amano in modo incondizionato noi e le nostre imperfezioni. Così, nei 5 soggetti e nel video di lancio, Onda, felice che il padrone sia pigro a sparecchiare, può gettarsi indisturbata sugli avanzi; Sweety gioca con i gomitoli lasciati in giro dal padrone “vecchio dentro” appassionato di cucito; Max salta fra le scatole di vestiti nuovi che il padrone “fashion victim” ordina in continuazione...  La campagna, che inaugura la collaborazione tra TBWA\Italia ed ENPA è pianificata su stampa, digital, social e radio. Un invito agli “imperfetti” di tutta Italia: adottate con ENPA e avrete al vostro fianco qualcuno che saprà apprezzarvi senza se e senza ma. Hanno lavorato al progetto Alessandro Monti (copywriter) e Yara Saad (art director) con la direzione creativa di Vittoria Apicella e Frank Guarini. Chief Creative Officer: Mirco Pagano. La produzione è di Doc Artist, con regia e fotografie di Gabriele Inzaghi.  Post produzione audio di SuoniLab. Hanno prestato le proprie voci al progetto Flavia Altomonte, Luca Appetiti, Stefano Mondini e Valentina Tomada. I protagonisti dello spot sono: Calma, Ofelia, Onda, Loulou, Max, Shy e Sweety.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy