ABBONATI

We Are Social esplora le realtà immersive nel terzo episodio di What The Future

Autore: Redazione


Il format dell’agenzia dedicato a tutte le tendenze che influenzano la comunicazione, ha raccontato perché queste tecnologie rappresentino sempre più interessanti opportunità per le aziende. Tra gli speaker presenti anche MSC Crociere, Samsung e Thimus

di Anna Maria Ciardullo

Virtual Reality, Augmented Reality, Mixed Reality, Social VR, queste sono le tecnologie esplorate da WTFuture Immersive Realities Edition che si è tenuto ieri sera presso la sede milanese di We Are Social dopo le prime due edizioni che hanno approfondito il tema dei chatbot e quello dell’influencer marketing. Cosa succede al cervello quando si trova di fronte a contenuti in Realtà Virtuale o Aumentata? Le aziende stanno cogliendo le opportunità offerte da queste nuove forme di comunicazione? Come evolverà la fruizione dei contenuti sullo schermo o anche in assenza di esso? L’evento è stato l’occasione per confrontarsi su queste e ulteriori tematiche insieme ad alcuni brand che hanno già iniziato a lavorare in quest’ambito.

Una sfida per i brand

“La realtà aumentata aggiunge un layer alla realtà trasformando l’esperienza di fruizione visiva e di percezione. La realtà virtuale è, invece, un mondo completamente immersivo che permette di interagire con oggetti ed esperienze che non esistono nel mondo reale, ad esempio, attraverso un visore. Sono oltre 3,7milioni i device venduti nel 2017 per fruire di questa tecnologia e si tratta di un mercato in continua ascesa. La mixed reality è invece un insieme delle due e permette di interagire nella realtà con oggetti virtuali. Dunque, è facile comprendere le possibilità che si aprono per le aziende e per chi crea contenuti e le occasioni di engagement che queste realtà aggiungono ai touchpoint già esistenti; e siamo solo all’inizio della diffusione di queste tecnologie, che dovrebbero raggiungere una espansione di massa già entro i prossimi cinque anni. Per i brand è molto importante capire che impatto possono avere le realtà immersive in tutti gli step della customer journey”, spiega Luca Della Dora, Marketing & Innovation Director We Are Social.

Storytelling medium

La parte bassa del funnel è, al momento, quella che subisce un impatto minore da strategie di marketing che fanno uso delle tecnologie immersive, ma le applicazioni che si stanno sperimentando fanno intravedere molte nuove possibilità.  Ad esempio, attraverso la fotocamera di Snapchat è possibile inquadrare un prodotto e finalizzare l’acquisto di quest’ultimo direttamente su Amazon, un servizio che nasce da una partnership appena stretta dalle due aziende. Si tratta di una fase di sperimentazione di quelli che si possono definire nuovi “storytelling medium”, dove lo spettatore ha un ruolo attivo e decisivo.

Interazione social

Un altro aspetto delle tecnologie immersive che sta affrontando un’evoluzione è quello dell’interazione sociale. Il 77% degli utenti che utilizzano le tecnologie immersive dicono che vorrebbero più social engagement, per evitare che i momenti di fruizione diventino troppo individuali e solitari. Infatti, piattaforme come Facebook, ad esempio, stanno già sviluppando servizi che consentano di vivere esperienze immersive condivise con altri utenti.

I casi concreti

Oltre al punto di vista di We Are Social, WTFuture Immersive Realities Edition ha ospitato le voci di MSC Crociere (Andrea Guanci, Marketing Director) che ha sperimentato le tecnologie immersive nei suoi strumenti di comunicazione, come il nuovissimo catalogo immersivo, e Samsung (Antonio Bosio, Product & Solutions Director) che hanno offerto la loro visione sulle realtà immersive e sugli sviluppi previsti per i prossimi mesi sia a livello di applicazione sia di implementazione delle tecnologie. Al loro fianco il lavoro di ricerca neuroscientifica di Thimus (Mario Ubiali e Andrea Bariselli, Co-Founders) che attraverso il neuromarketing aiuta i brand a raccogliere dati per costruire “actionable insight” sulla customer experience e indaga l’esperienza dei consumatori “live dal loro cervello” per capire davvero in che modo queste tecnologie possono avere un impatto sulle emozioni e sui comportamenti delle persone.


img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 27/02/2024


GoGo Factory è stato scelto da Foletto Heritage per la gestione della strategia digital 2024

GoGo Factory, networked agency che si occupa di comunicazione digitale, ha acquisito un nuovo cliente: Foletto, azienda storica nel settore beverage a conduzione familiare. L’azienda trentina con sede in Val di Ledro, vicino al Lago di Garda, è giunta alla quinta generazione di farmacisti-speziali e ha da alcuni anni reclamato un posto di rilievo nella produzione italiana di liquori e alcolici di alta qualità. La nuova collaborazione vede GoGo Factory al timone della strategia digitale di Foletto per il 2024, in particolare sulla linea di fine spirits, con l’obiettivo di rafforzare la presenza online dell’azienda e di ampliare la sua portata a livello nazionale. “Dopo aver valutato attentamente molte proposte, abbiamo scelto di unirci a GoGo Factory perché fin dal primo momento hanno manifestato una condivisione completa dei nostri valori. Il progetto di sviluppo che ci hanno proposto si è dimostrato coerente, sostenibile e scalabile”, ha dichiarato Matteo Dal Bosco, Direttore Marketing & Commerciale di Foletto. L’approccio su misura di GoGo Factory combinerà una strategia di posizionamento e awareness sui social media, attraverso un gestione pianificata dei canali aziendali centrata sullo sviluppo di contenuti, oltre che ad attività di influencer marketing, social media advertising e un servizio di ufficio stampa dedicato. Lo storytelling sviluppa il concept di “Spirito Autentico”: nella società e nella cultura di oggi, in cui la distinzione tra cosa è reale e cosa è “fake” è sempre più labile, niente è più importante e ricercato dell’autenticità. 

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 23/02/2024


ENPA insieme a TBWA\Italia per la nuova campagna multisoggetto prodotta dalla cdp Doc Artist

È online la campagna Imperfetti cercasi, realizzata da TBWA\Italia per ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali), un progetto che vuole invitare le persone ad adottare animali abbandonati. Una gattina tra i gomitoli, un cane seduto a tavola, un coniglio che saltella tra le scatole: protagonisti indiscussi della campagna sono proprio gli animali da compagnia che amano in modo incondizionato noi e le nostre imperfezioni. Così, nei 5 soggetti e nel video di lancio, Onda, felice che il padrone sia pigro a sparecchiare, può gettarsi indisturbata sugli avanzi; Sweety gioca con i gomitoli lasciati in giro dal padrone “vecchio dentro” appassionato di cucito; Max salta fra le scatole di vestiti nuovi che il padrone “fashion victim” ordina in continuazione...  La campagna, che inaugura la collaborazione tra TBWA\Italia ed ENPA è pianificata su stampa, digital, social e radio. Un invito agli “imperfetti” di tutta Italia: adottate con ENPA e avrete al vostro fianco qualcuno che saprà apprezzarvi senza se e senza ma. Hanno lavorato al progetto Alessandro Monti (copywriter) e Yara Saad (art director) con la direzione creativa di Vittoria Apicella e Frank Guarini. Chief Creative Officer: Mirco Pagano. La produzione è di Doc Artist, con regia e fotografie di Gabriele Inzaghi.  Post produzione audio di SuoniLab. Hanno prestato le proprie voci al progetto Flavia Altomonte, Luca Appetiti, Stefano Mondini e Valentina Tomada. I protagonisti dello spot sono: Calma, Ofelia, Onda, Loulou, Max, Shy e Sweety.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy