ABBONATI

#PensieroCritico: miti e verità nel mondo della pianificazione media

Autore:


La seconda edizione del format editoriale di DailyMedia e DailyNet, realizzato in collaborazione con Facebook per stimolare il confronto tra i player del settore, si è tenuta ieri a Milano

La seconda edizione di #pensierocritico, appuntamento del ciclo “Nuove frontiere digitali: miti e verità sulla pubblicità online”, si è conclusa ieri a Milano. L’evento nasce da un approfondimento editoriale curato, lungo tutto il 2018, da DailyNet e DailyMedia in collaborazione con Facebook, come momento di congiunzione dei topic affrontati e al fine di comprendere meglio gli strumenti pubblicitari messi in campo dal social network.

Confronto costruttivo

Pensiero Critico, come suggerisce il nome stesso, nasce con l’intento specifico di stimolare il confronto tra i player del settore, dove emerge la necessità di fare sistema e di valorizzare i vantaggi offerti da un dialogo aperto e “critico”, non solo tra collaboratori, ma anche tra competitor diretti. Per questo, la platea dell’evento è composta da addetti ai lavori e decision maker, chiamati non solo ad ascoltare il parere dei relatori, ma soprattutto a porre quelle domande, a volte scomode, che spesso vengono taciute, elevando la qualità del dibattito a un vero e proprio laboratorio di idee, come a noi piace definirlo.

Pianificazione al centro

Durante la prima edizione, che si era tenuta a maggio scorso, si era parlato di creatività, nuovi linguaggi della comunicazione e, in particolare, di video e delle sue molteplici declinazioni. Il video, rimane al centro anche di questa nuova discussione, dedicata al tema della pianificazione media. Tra gli ospiti in platea di Pensiero Critico, che hanno partecipato attivamente al confronto, sono numerosi i centri media, ma non solo. Consumatore, nuove abitudini di fruizione mediale, evoluzione delle attività di planning, ma anche dell’offerta al mercato, in un contesto caratterizzato da nuove piattaforme e tecnologie, sono stati i principali argomenti dibattuti. In un contesto dove la creatività riveste ancora un ruolo chiave. Senza dimenticare il consumatore, vero e proprio perno della nostra industry.

Il mercato

Giacomo Broggi, Content Manager di DailyNet, come di consueto, ha aperto i lavori  di Pensiero Critico introducendo il primo relatore, Mariano Di Benedetto, Agency Lead di Facebook Italy, chiamato a inquadrare lo stato attuale del mercato. Emerge la crescita di un mezzo in particolare, il mobile. Secondo l’eMarketer Global Index: gli italiani che possiedono uno smartphone sono il 95,4%, contro le Smart tv, ad esempio, che hanno raggiunto un livello di diffusione di appena il 39,3%. Eppure, il tempo speso su questi mezzi potrebbe sorprendere, se mobile e tv totalizzano in media rispettivamente 2 ore e 21 minuti il primo e 2 ore e 18 la seconda, il desktop viene utilizzato per una media di ben 3 ore e 36 minuti al giorno. 

La “formula” del planning

Il tempo, che oggi è una risorsa scarsa, è al centro delle sfide per chi pianifica e deve individuare il momento più adatto per servire una comunicazione affinché risulti efficace e gradita. Questo, secondo Di Benedetto richiede una “formula” che prevede la somma di tre variabili: qualità, creatività e tempestività. Ovviamente, il contesto è in continua evoluzione, nuovi device, nuovi contenuti, nuove aziende che nascono, e tutto quello che abbiamo visto ieri non sarà necessariamente valido domani. «La moltitutine dei device che utilizziamo ha un impatto sul livello di attenzione, variabile che oggi dovrebbe diventare uno dei principali aspetti da prendere in considerazione quando si realizza un planning. Oggi, è molto importante condividere le esperienze tra attori della filiera, in quanto, stiamo affrontando un momento caratterizzato da cambiamenti che non hanno regole scritte alla base, e dove il confronto potrebbe essere il vero ago della bilancia per imparare e capire meglio come parlare alle persone e incontrare al meglio le loro abitudini per valorizzare il consumer journey», commenta Di Benedetto.

Gli italiani

Di Benedetto ha poi partecipato a una tavola rotonda di Pensiero Critico insieme a Federica Setti, Chief Research Officer di GroupM Italy, Michela Colamussi, Head of Marketing presso CorrieredellaSera.it e Guido Mazzoccola, Audience Sales Director di Nielsen, moderata da Antonella Rocca, giornalista di DailyMedia. L’enorme quantità d’informazioni proprietarie relative al comportamento di navigazione degli italiani ha consentito a Group M di rileggere l’Italia attraverso i dati. Come spiegato da Federica Setti, la media holding del gruppo WPP ha analizzato i dati raccolti e ha dato vita a una segmentazione della popolazione italiana suddivisa in otto cluster: dai segmenti più avanguardistici nell’utilizzo della rete (le élite digitali, ma anche le mamme digitali), a quelli più mainstream che fanno un uso semplice e meno assiduo del digitale; in mezzo diverse realtà che differenziano le loro navigazioni in base ai loro interessi predominanti (economia familiare, socializzare, vita privata ecc.). I diversi segmenti sono stati definiti in base alla quantità del tempo speso online e sulla eterogeneità degli interessi navigati, a dimostrazione del fatto che il fattore tempo e l’interesse di navigazione rappresentano oggi caratteristiche peculiari per capire l’individuo italiano. «Bisogna partire dalla consapevolezza che noi stessi siamo consumatori, e sicuramente oggi vogliamo immediatezza, omnicanalità ed esperienza e tendiamo a rifiutare la pubblicità che non risponde a queste esigenze. Il consumatore va sempre più verso la costruzione del suo palinsesto personale, ingabbiare la dieta mediatica in cluster, non è possibile, in quanto caratterizzati tutti da forti sovrapposizioni. Non bisogna, dunque, inseguire il precision marketing a tutti i costi, ma sfruttare lo sguardo privilegiato che i dati consentono di avere valorizzando il ruolo centrale del contenuto ingaggiante». Proprio su questo terreno si giocherà il successo delle piattaforme.

Il fattore qualità

La discussione di Pensiero Critico si è spostata, dunque, su questa variabile di estrema importanza, il rapporto tra la qualità dei contenuti e il contenitore dove sono veicolati. Se da un lato, la relazione tra editori premium e piattaforme è un po’ di odio amore, come spiega Michela Colamussi descrivendo i progetti digitali del Corriere.it, il futuro va cercato senza dubbio in una sintesi tra peculiarità e necessità degli uni e delle altre. «La diffusione del digitale ha raggiunto una sua maturità ma la conoscenza delle piattaforme è ancora in fase embrionale - spiega Mazzoccola - in tale contesto è necessario, dunque, approfondire tale conoscenza, cosa per cui è richiesto il coraggio degli investitori sia in termini di pianificazione sia di creatività». Se da un lato, il problema si pone in termini di ritorno di valore, portando l’esempio della dispendiosità dei contenuti premium contro spesso la velocità e l’economicità di quelli social, spesso user generated, dall’altro, emergono due fattori che vanno oltre i costi. Il primo è la qualità di un’idea, che come suggerisce il pubblico dell’evento durante il dibattito, non deve essere necessariamente difficile e dispendiosa da realizzare, e la seconda è l’uso di un linguaggio comprensibile e vicino agli utenti, con il quale possano entrare in sintonia, identificarsi e, di conseguenza, comprenderlo, che sicuramente è peculiare delle piattaforme social. Questo, non toglie l’importanza di una certa autorevolezza, più tipica di altri contenitori. La quadra non è ancora dato sapere dove si trovi, ma, forse è necessario fare un po’ di education, provando a mettere in discussione il ruolo spesso stereotipato di agenzie, clienti e aziende, il modo di guardare al funnel dall’alto in basso, anziché come uno specchio, riconsiderando il ruolo del digitale anche per fare branding, definire il rapporto tra algoritmi e creatività, ripensare le relazioni tra editori e piattaforme, e così via. In questo mare magnum, è necessario trovare un “senso” nuovo che dia linfa al settore, come conclude Giulio Ravizza, Responsabile Marketing di Facebook, intervenuto per i saluti finali.

Grazie a tutti

L’auspicio di DailyNet e DailyMedia resta lo stesso: protrarre questo dialogo costruttivo anche al di fuori delle pareti di una sala conferenze, trasferendolo negli uffici, sul web, e nelle mani dei player del settore prima e dei clienti dopo, affinché nascano nuovi stimoli e occasioni di crescita per la nostra industry. Per capirsi bisogna parlare la stessa lingua, anche quando i linguaggi cambiano e le modalità di comunicazione si evolvono.  


Tag:

img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 05/10/2022


iProspect di Dentsu vince la gara per il media offline europeo di BMW Group e consolida in Italia l’incarico da 30 milioni

BMW Group ha nominato iProspect di Dentsu come agenzia per i media offline per i suoi marchi BMW e MINI in Europa. L'incarico fa seguito a una gara aperta lo scorso maggio, che comprendeva nella fase finale anche Wavemaker di GroupM. Grazie a questa vittoria, iProspect è stata nominata agenzia media offline di riferimento per la regione, dove BMW e MINI consolidano la loro strategia media offline, la pianificazione e l'acquisto in un'unica rete di agenzie. Grazie alla partnership a lungo termine con BMW Group, l'agenzia che fa parte del gruppo guidato in Italia dal CEO Paolo Stucchi, si occuperà di media offline in 24 mercati EMEA, tra cui Regno Unito, Spagna, Italia, Francia, Svezia, Polonia e Germania. Per il nostro Paese, dove il budget 2021 era stimabile in 30 milioni di euro, si tratta di una conferma. iProspect, infatti, si occupava già del media di nove mercati in Europa: Italia, Francia, Spagna, Paesi Bassi, Svizzera, Svezia, Danimarca, Norvegia e Finlandia. Lavorando con BMW Group in questi Paesi, i team dell'agenzia in Europa hanno capito cosa serve per accelerare la crescita del marchio. Con l'ampliamento dell'offerta e l'ingresso in 15 nuovi territori, iProspect continuerà a dimostrare il valore della costruzione del marchio basata sulle performance attraverso i canali media offline per BMW e MINI. iProspect lavorerà in stretta collaborazione con The Marcom Engine come agenzia media online partner, che sta già lavorando con BMW Group in Europa. Nella fase iniziale della gara c’era anche Mediaplus, che gestisce il digitale nel contesto di The Engine, il progetto di marketing integrato in 26 Paesi europei che la casa automobilistica tedesca ha affidato anche a MediaMonks di S4 Capital, Berylls Strategy Advisors, sigla tedesca di consulenza manageriale specializzata nell’industria automobilistica, e Gruppo Serviceplan, cui fa capo appunto Mediaplus come responsabile di componenti tecnologici e dati nonché della gestione delle interfacce locali a supporto delle responsabilità di marketing-as-a-service. Il commento "Sono orgoglioso della partnership a lungo termine che abbiamo stretto con BMW Group in molti mercati europei negli ultimi dieci anni e sono entusiasta di espandere questo rapporto in nuovi mercati. La passione per i suoi marchi e l'impegno a creare un valore commerciale misurabile attraverso i media sono una parte essenziale di questo incarico. Non vediamo l'ora di portare un pensiero più progressista, approfondimenti sui consumatori e un modello di servizio altamente collaborativo per aiutare BMW e MINI a far progredire il loro business", ha dichiarato Thomas Le Thierry, CEO EMEA, Media, dentsu international. La creatività Sul fronte creativo, l’agenzia di riferimento globale, che si chiama TheGame Group, è stata appositamente costituita dal raggruppamento che ha vinto a fine febbraio 2021 la relativa gara e che comprende Jung von Matt e Experience One. Questa sigla si occupa anche delle relazioni pubbliche del cliente automobilistico, avvalendosi inoltre, per la comunicazione corporate e i social media, della collaborazione con Looping Group, sigla anch’essa appositamente costituita in Inghilterra da Looping Group International. Sulla marca, in Italia, opera creativamente anche M&C Saatchi.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 06/10/2022


Digitouch Marketing vince la gara di Eurobet.live per la sua prima adv multicanale con Luca Toni testimonial

Eurobet.live, la piattaforma su cui mantenersi costantemente aggiornati su risultati, statistiche e classifiche sportive, affida a Digitouch Marketing la realizzazione della campagna multichannel. L’obiettivo è quello di consolidare l’awareness e diffondere la conoscenza del brand presso uno specifico segmento di pubblico, individuato in giovani e adulti appassionati di sport. Il merito del team di Digitouch Marketing sta nell’aver saputo ideare un concept altamente calzante attorno a cui costruire contenuti destinati a canali diversi ma perfettamente integrati tra di loro, quali la tv, il digital e i social del brand, oltre che nell’aver individuato un testimonial coerente e in linea con il target individuato. “Tira fuori l’esperto che è in te.”, infatti, sarà il messaggio che guiderà l’intera campagna, grazie al contributo dell’ex calciatore della nazionale Luca Toni. Il campione del mondo è protagonista dell’ironico spot tv on air da domenica 2 ottobre, nonché di una serie di podcast di prossima realizzazione. Il team Digitouch Picture, la casa di produzione interna di Digitouch Marketing, si è inoltre occupato della realizzazione dello shooting propedeutico alla produzione dei visual per gli asset digital, i social e per le campagne media. Il media planning è interno. “Questo è un ottimo esempio di utilizzo intelligente e sensato di un testimonial, non solo credibile per il target ma anche perfettamente contestualizzato al messaggio di comunicazione del brand con un interessante insight”, afferma Sergio Spaccavento, Chief Creative Officer di Digitouch. “La realizzazione di questa nuova campagna multichannel con Digitouch Marketing rafforza il nostro legame con gli appassionati di sport – dichiara Alexis Grigoriadis, Marketing Director di Entain Italia –. La scelta di Luca Toni in qualità di testimonial è inoltre sinonimo di competenza, esperienza e credibilità per un progetto legato all’immediatezza e alla puntualità nella comunicazione in real time”. Credits Chief Creative Officer: Sergio Spaccavento Managing Partner: Marco Boschian-Pest Senior Account Executive: Alessandra Masseroni Senior Copywriter: Andrea Bomentre Senior Art Director: Paolo Montanari Supervisor Digitouch Picture: Eugenio Rinaldi Casa di Produzione: Visionaria Film Regia: Riccardo Paoletti

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy