ABBONATI

Red Carpet: il business è sempre incentrato sui talent, nel 2018 punta a un fatturato di 3 milioni

Autore: S Antonini


La società fondata da Ellida Bronzetti e Fabrizio Carratù cresce nell’ambito produttivo e nella comunicazione social in ottica integrata per i broadcater; in vista anche l’apertura a Milano

Parte oggi su Alpha il nuovo programma “Campi di battaglia”, sei puntate dedicate alle storie di vittorie personali di altrettanti sportivi di successo, da Martin Castrogiovanni ad Aldo Montano, da Marco Materazzi a Flavia Pennetta, Ivan Zaytsev e Gennaro Gattuso. Un progetto interamente pensato e costruito per il canale maschile della De Agostini Editore dalla Red Carpet, azienda specializzata nella gestione della presenza di talent in progetti televisivi e di comunicazione. «Con “Campi di battaglia” si avvera la nostra ambizione di raccontare il fattore “C” che contraddistingue il campione dal semplice talentuoso, un mix di capacità e mentalità vincente che si trasforma in successo». A parlare è l’amministratore delegato Ellida Bronzetti, nel 2008 fondatrice di Red Carpet insieme a Fabrizio Carratù. «Oltre a questo volevamo raccontare le battaglie personali che questi sportivi hanno affrontato e vinto, ispirati dal libro “Bambini infiniti” di Emanuela Audisio».

Red Carpet oggi

Oggi, la Red Carpet è una realtà da dieci collaboratori - in azienda lavorano anche le sorelle di Ellida Bronzetti, Letizia ed Elisabetta - a cui si aggiungono i due fondatori e un consulente all’estero, con un fatturato di 2,4 milioni di euro, che cresce a un ritmo del 32% annuo, e un obiettivo, per quest’anno, a quota 3 milioni di euro.

Al centro ci sono i talent

Inizialmente, la Red Carpet si occupa di fornire servizi vari ai calciatori che vanno in televisione. Da quando la Nazionale italiana ha vinto i Mondiali in Germania, nel 2006, questi ultimi sono diventati delle vere e proprie star. Bronzetti se ne occupa già da tempo, così come delle partecipazioni dei vip in trasmissioni tv, lavorando nella gestione delle risorse artistiche di RTI guidata da Giorgio Restelli, dove cura i casting di “Paperissima”, “Buona domenica”, “La Fattoria”, “Matrix”, tanto per citarne alcuni. Carratù viene dal mondo della comunicazione e della consulenza. «Mio padre lavorava nel calcio - spiega ancora Ellida Bronzetti - perciò è stato naturale per me rivolgermi con successo a quel mondo. Una volta aperta la società, abbiamo continuato a collaborare con Mediaset, e la svolta arriva con “C’è posta per te” e “Amici” e l’approdo di David Beckam in Italia».

I protagonisti in tv

Nelle proprie trasmissioni, Maria De Filippi è pronta a ospitare i grandi nomi, e il campione inglese è una star internazionale rappresentata dalla società americana CAA. Questo apre alla Red Carpet le porte di Hollywood e di Los Angeles, dove oggi ha anche un collaboratore in pianta stabile, il che permette di contattare personaggi del calibro di Charlize Theron (Festival di Sanremo, “C’è posta per te”), Sharon Stone (“Amici”), Jude Law (“C’è posta per te”) o Matthew McCounaghey (“Amici” e “C’è posta per te”) all’indomani della vittoria agli Oscar, solo per citarne alcuni.

Posizione di consulenza

«Siamo diventati un punto di riferimento per i broadcaster grazie alla fitta rete di contatti nel mondo dello sport, del cinema italiano e straniero, ma anche in altri ambiti. A suo tempo abbiamo scelto di non essere un’agenzia di rappresentanza dei talent, la nostra è una posizione di consulenza per progetti che coinvolgono personaggi celebri». La lista dei nomi che la Red Carpet ha portato nella tv italiana è molto lunga, ma oltre a quelli citati vale la pena ricordare star quali Dustin Hoffman, Robert De Niro, Michael Douglas, Al Pacino, Kevin Spacey, Sean Penn, Keanu Reeves, Patrick Dempsey, Matt Dillon, Bradley Cooper, Gerard Butler. Inoltre ci sono i palloni d’oro: Cristiano Ronaldo, Ronaldinho, Kakà, Fabio Cannavaro, Andriy Shevchenko, Gianni Rivera. La Red Carpet lavora con Mediaset, Rai (“Che tempo che fa”, Festival di Sanremo), Discovery Italia (Dmax, Real Time), De Agostini Editore, Fascino, Endemol, Bolton, Warner Bros., Electronic Arts, Procter&Gamble e Trollobeads.

Fabrizio Carratù
Lo sviluppo del business

Con il tempo, le attività di Red Carpet si allargano alla produzione di format e alla gestione di progetti di comunicazione, soprattutto digital e social, che coinvolgano questi personaggi. «Il nostro focus è, e rimane, sui talent - spiega Carratù -, sia come protagonisti di partecipazioni televisive, sia come testimonial in attività social sviluppate attraverso i loro profili, che funzionano da amplificatori e con risultati perfettamente misurabili. In questo contesto, GroupM e Mediacom sono stati i primi centri media a credere nella nostra esperienza nell’individuazione di talent da integrare in progetti speciali di comunicazione». Un esempio per tutti, la campagna social di M&M’s con Gigi Buffon in occasione degli Europei 2016 che ha generato 1,5 milioni di interazioni.

La partnership con Warner Bros.

Red Carpet collabora anche con Warner Bros., per cui cura progetti editoriali sempre incentrati sull’utilizzo di testimonial. Questi progetti di comunicazione sono gestiti da un team dedicato di quattro persone, guidato da Manuela Nunnari, che crea campagne ad hoc intorno ai talent.

Gli obiettivi strategici del 2018

Nel decimo anno di vita, Red Carpet punta a sviluppare ulteriormente il settore produttivo e la comunicazione social in ottica integrata. «Il mercato degli artisti in tv è maturo, e in questo ambito siamo leader - commenta Ellida Bronzetti -. Quest’anno puntiamo a sviluppare per i broadcaster contenuti originali che includano già talent e brand che si associano a quei volti e a quei format».

Dieci anni

Per il decimo compleanno, oltre a una degna celebrazione - «pensiamo a una festa da intitolare “Yes, we ten”» - la Red Carpet si vuole regalare una nuova sede milanese oltre a quella romana attuale. E chissà, realizzare un sogno nel cassetto: sbarcare nel mercato cinematografico con un film o un documentario sempre a tema sportivo.


img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 01/03/2024


Sky apre una gara media europea: in Italia il budget da 70 milioni di euro è gestito da Wavemaker per l’offline e l’online

Il Gruppo Sky ha indetto un pitch per il suo account media europeo, attualmente gestito da EssenceMediacom. I mercati in esame comprendono Regno Unito, Irlanda, Italia e la regione DACH (Germania, Austria e Svizzera). The Aperto Partnership starebbe gestendo la revisione, ma ha rifiutato di commentare quando è stata contattata da Campaign, che ha pubblicato ieri la notizia. Si ritiene che Sky abbia incontrato i principali gruppi di holding. Nel 2022 la spesa europea per i media era stimata in circa 470 milioni di sterline all’anno. L’ultima revisione dell’account media di Sky ha avuto luogo nel 2017, la prima in 13 anni, quando EssenceMediacom, allora MediaCom, ha mantenuto l’account in una gara a tre contro Zenith di Publicis Groupe e Carat di Dentsu. L’agenzia gestiva già il Regno Unito, l’Irlanda, la Spagna e l’Austria, ma in seguito alla revisione ha rilevato la search del Regno Unito da iProspect e ha assunto la responsabilità esclusiva del mercato tedesco, che prima condivideva con Mindshare. La revisione non ha incluso l’Italia, dove Sky investe 70 milioni di euro, gestiti attualmente da Wavemaker sia per l’offline che per l’online. Nel 2022, MediaCom ha ampliato le sue competenze e ha rilevato il pay-per-click, il programmatic e l’ottimizzazione dei motori di ricerca da Merkle di Dentsu. Anche Wavemaker, agenzia di GroupM, ha ampliato le sue competenze in Italia includendo i media digitali. Questa revisione rappresenta una sfida per EssenceMediacom, che per la prima volta difende uno dei suoi account più importanti dopo la fusione tra Essence e MediaCom. Alla fine del 2022, l’agenzia ha mantenuto un altro dei suoi maggiori clienti, Tesco, con la sua proposta di fusione. Un portavoce di Sky ha dichiarato: “Nei prossimi mesi Sky indirà una gara per i servizi di media planning e buying in tutto il Gruppo Sky. L’ultima gara per questi servizi è stata indetta da Sky nel 2017”. Secondo fonti industriali, Sky ha speso circa 250 milioni di sterline per l’acquisto di media nel Regno Unito nel 2022 e 183 milioni di sterline nei primi nove mesi del 2023. EssenceMediacom non ha voluto commentare.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 23/02/2024


ENPA insieme a TBWA\Italia per la nuova campagna multisoggetto prodotta dalla cdp Doc Artist

È online la campagna Imperfetti cercasi, realizzata da TBWA\Italia per ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali), un progetto che vuole invitare le persone ad adottare animali abbandonati. Una gattina tra i gomitoli, un cane seduto a tavola, un coniglio che saltella tra le scatole: protagonisti indiscussi della campagna sono proprio gli animali da compagnia che amano in modo incondizionato noi e le nostre imperfezioni. Così, nei 5 soggetti e nel video di lancio, Onda, felice che il padrone sia pigro a sparecchiare, può gettarsi indisturbata sugli avanzi; Sweety gioca con i gomitoli lasciati in giro dal padrone “vecchio dentro” appassionato di cucito; Max salta fra le scatole di vestiti nuovi che il padrone “fashion victim” ordina in continuazione...  La campagna, che inaugura la collaborazione tra TBWA\Italia ed ENPA è pianificata su stampa, digital, social e radio. Un invito agli “imperfetti” di tutta Italia: adottate con ENPA e avrete al vostro fianco qualcuno che saprà apprezzarvi senza se e senza ma. Hanno lavorato al progetto Alessandro Monti (copywriter) e Yara Saad (art director) con la direzione creativa di Vittoria Apicella e Frank Guarini. Chief Creative Officer: Mirco Pagano. La produzione è di Doc Artist, con regia e fotografie di Gabriele Inzaghi.  Post produzione audio di SuoniLab. Hanno prestato le proprie voci al progetto Flavia Altomonte, Luca Appetiti, Stefano Mondini e Valentina Tomada. I protagonisti dello spot sono: Calma, Ofelia, Onda, Loulou, Max, Shy e Sweety.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy