ABBONATI

Webranking entra a far parte del programma Elite di Borsa Italiana

Autore: Redazione


Nuovo percorso legato a Borsa Italiana per la società guidata da Nereo Sciutto, che ha da poco festeggiato i primi 20 anni e un fatturato 2017 di 11 milioni di euro

Per Webranking è iniziato un nuovo percorso: è stata scelta per entrare a far parte di Elite, il programma internazionale di Borsa Italiana. “Una grande opportunità che vogliamo sfruttare al meglio. L’ambizione di continuare a crescere, dopo 20 anni di fatturato in attivo, è stimolata dal percorso che faremo insieme a un gruppo selezionato di aziende leader e dal confronto che avremo con i loro manager. Tutto questo ci ricorda che possiamo continuare a fare la differenza nel nostro settore essendo ancora più consapevoli del nostro valore e delle possibilità che abbiamo di fronte”, ha commentato Nereo Sciutto, ceo di Webranking.

Andrea Storchi e Nereo Sciutto (Facebook)
I festeggiamenti per i 20 anni

La società ha da poco festeggiato i suoi primi venti anni con una campagna #lamiastoriaconinternet, con il dichiarato di raccontare come la Rete abbia cambiato le vite delle persone, delle opportunità che ha creato, delle occasioni di crescita e di lavoro che permette di avere e condividere ogni giorno. Una campagna capace  di raccogliere oltre 450 storie nelle prime 72 ore, coinvolgendo alcuni tra i principali influencer italiani, tra cui Carlo Gabardini, Daniela Farnese, Antonio Pavolini, e mettendo insieme più di 400 mila visualizzazioni spontanee sui social media.

Gli ultimi traguardi

Con un fatturato sempre in attivo nei 20 anni di attività e che nel 2017 ha raggiunto gli 11 milioni di euro, Webranking è stata recentemente inserita dal Financial Times nella classifica FT1000 come una delle 1.000 aziende a più alta crescita  -  fra quelle presenti in Europa - nell’ultimo triennio.


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 22/03/2019


The Lift

La più classica delle scene cinematografiche diviene il centro del nuovo spot di Bianco, brand di calzature danese nato nel 1987. L’ascensore - The Lift - è il luogo ideale per raccontare una storia, una storia che come tante vede protagonisti un ragazzo e una ragazza che non hanno il coraggio di parlarsi e di rivelarsi l’attrazione reciproca. “Esci fuori dalla tua testa”, è questo l’invito finale del commercial da quasi 5 minuti, realizzato dall’agenzia &Co.. Uno spot davvero davvero emozionante che ci fa immedesimare con i protagonisti.

LEGGI

Correlati

img
agenzie

Autore: Redazione - 25/03/2019


The Van Group e L45 presentano il progetto Drums

Nei nuovi spazi di via Cucchiari 27, The Van Group e L45 hanno presentato Drums, un progetto che unisce arte e comunicazione e vedrà succedersi di volta in volta esposizioni di artisti diversi, “purché amici, partner, collaboratori di The Van Group: una micro-galleria d’arte, permanente e in costante cambiamento, uno stimolo a cercare sempre idee nuove”, spiega Steven Berrevoets, partner e direttore creativo di The Van Group. Un nome evocativo Ma perché Drums? “Cercavamo un nome evocativo, non razionale, capace di rendere il senso che il progetto ha per noi più che le sue caratteristiche tecniche: oggi Drums è fotografia, ma in futuro potrà essere grafica, pittura, video-art, ma anche poesia o storytelling, purché generi un’emozione – chiarisce Luca Villani, partner e amministratore delegato di The Van Group –. Quindi Drums, tamburi, come la prima forma di comunicazione: percuotere una superficie, ottenere una vibrazione che si fa battito, ritmo, sequenza. Assomiglia molto al nostro nostro modo di lavorare: partire da un’idea molto semplice e riconoscibile, contaminarla, riprodurla in un format di comunicazione, ascoltarla, ricominciare». Mappe arboree La prima mostra è dedicata alle serie di fotografie Mappe arboree di Alessandro Vicario, che ha già esposto le sue opere in spazi pubblici, gallerie private e fiere d’arte, in Italia e all’estero. La metà delle fotografie esposte sono state scattate in Kenya a gennaio 2017, quando Vicario ha fatto parte della prima missione italiana andata a visitare e conoscere le attività dell’organizzazione non governativa Action for Children in Conflict. Per questo motivo la vendita delle stampe fotografiche è finalizzata a sostenerne le attività.

LEGGI
img
agenzie

Autore: Redazione - 25/03/2019


DDB Worldwide lancia una nuova brand identity che celebra l’eredità e il futuro

DDB Worldwide ha svelato una nuova identità di marca durante la sua ultima Global Conference che si è tenuta a Miami mercoledì scorso: un logo rinnovato composto da due "D" una sopra l'altra - una gialla e una nera - per formare una "B", che contiene il nome esteso: Doyle Dane Dane Bernbach. La nuova identità visiva cattura l'essenza dell'agenzia e rappresenta un aggiornamento senza tempo e tempestivo per uno dei marchi pubblicitari più longevi e celebrati. Simbolo dei valori aziendali L'uso del nome completo dell'agenzia, all'interno del marchio, è stata una decisione deliberata. Mentre altre agenzie stanno mercificando i nomi delle loro agenzie e allontanandosi dai principi e dalle loro visioni fondanti, DDB raddoppia i valori su cui Doyle Dane e Bernbach hanno fondato la loro agenzia: creatività e umanità. Ancora oggi Bill Bernbach rimane una delle persone più creative e di impatto che abbiano mai lavorato nel settore pubblicitario. Il suo pensiero, le sue idee e le sue parole colorano le presentazioni dell'agenzia, le aree di lavoro e, soprattutto, il lavoro che DDB produce. Eredità e futuro Evidenziando la creatività e l'interconnettività del team mondiale del DDB, il logo evoluto è stato creato internamente dal team di progettazione di DDB North America - un grande esempio delle capacità di progettazione dell'agenzia. Citando la nuova identità visiva, Wendy Clark, CEO, DDB Worldwide, ha dichiarato: "I grandi marchi hanno un piede nel loro passato e un piede nel futuro. Questa identità visiva cattura perfettamente il nostro patrimonio e la nostra eredità, il pensiero e il lavoro contemporaneo cui siamo conosciuti, e ci posiziona per il futuro che intendiamo presidiare".

LEGGI
img
agenzie

Autore: Redazione - 25/03/2019


Ogilvy di nuovo nominato leader nel Magic Quadrant di Gartner per le agenzie di marketing globale

Ogilvy è stata nominata leader nel rapporto Magic Quadrant for Global Marketing Agencies di Gartner per il quarto anno consecutivo. Gartner, azienda leader mondiale nella ricerca e nella consulenza informatica, raccoglie i suoi risultati sulla base di una valutazione di 15 criteri che comprendono sia la completezza di visione sia la capacità di esecuzione. "Per noi, questo riconoscimento da parte di Gartner è una vera e propria testimonianza del potere della creatività di Ogilvy unita alla nostra profonda esperienza digitale", ha dichiarato Carla Hendra, Chief Digital Officer, The Ogilvy Group. " Crediamo che il nostro lavoro con clienti come British Airways, IBM e Samsung dimostri come siamo concentrati nel rendere i marchi dei nostri clienti importanti pensando a ogni aspetto della customer experience - perché i marchi che contano creano più valore per tutti gli stakeholder". L’importanza dei leader I Magic Quadrant di Gartner si basano su un'analisi rigorosa e basata sui fatti, supportata da una metodologia altamente strutturata. Come descritto dalla società di ricerca: "I leader possiedono ampie e profonde capacità in tutte le competenze, in particolare per quanto riguarda i servizi strategici (che includono la strategia di business e le capacità di trasformazione del business digitale). I leader implementano soluzioni complete ed efficaci che sfruttano notevoli investimenti in talento creativo e tecnologia di marketing per orientare il mercato. Di conseguenza, i leader sono i fornitori da osservare nella continua evoluzione e trasformazione del marketing in un mondo digitale".  Nel 2018, Ogilvy ha annunciato la sua rifondazione e ha introdotto una nuova identità di marca e una nuova struttura organizzativa volta a semplificare le relazioni con i clienti. Ogilvy Consulting, nello specifico, si concentra sulla trasformazione digitale come capacità centrale che opera orizzontalmente in tutta Ogilvy.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy