ABBONATI

GreatPixel: l’evoluzione dell’artificial intelligence ha dato vita agli SmartBot

Autore:


Una nuova generazione di bot in grado di tenere conversazioni più naturali con gli utenti, aumentando la propria efficacia grazie all’incrocio di tecnologie che limitano i bias dei cosiddetti DumbBot. E gli internauti apprezzano la tecnologia sempre di più

I tempi non sono ancora maturi per scambiare quattro chiacchiere con un robot, e chissà se lo saranno mai. Intanto però l’artificial intelligence è in grado di svolgere molte funzioni con una certa scioltezza, facendosi scambiare in alcuni casi per un essere umano. Le applicazioni di questa tecnologia sono molto diverse. Già nel campo aziendale, la sua capacità di navigare nei dati per fare previsioni è sfruttata, per esempio, «da Fastweb per prevedere il carico del traffico sulla rete o da Candy tramite bot sulle lavatrici in modo che essi suggeriscano il tipo di cottura o di lavaggio», spiega Giovanni Pola, Founder e Ceo di GreatPixel. Ci sono poi realtà in cui l’utilizzo dell’AI è più consolidato, «come l’ecommerce, in cui il 30% delle entrate dei principali marketplace online proviene dai sistemi di raccomandazione che sfruttano gli algoritmi di artificial intelligence, capaci di promuovere prodotti, e ora anche esperienze e servizi», e altre che invece vi si stanno addentrando, «come il mondo dei media, dove stanno nascendo ottimizzatori in grado di accendere e spegnere campagne in tempo reale per ottenere il massimo rapporto tra costi ed efficacia», continua Pola.

Utenti e artificial intelligence

Dove la tecnologia è più radicata - nell’ecommerce - gli utenti sono in grado di riconoscere i servizi che ne usufruiscono. Tra i 13,5 milioni di italiani che comprano online almeno una volta al mese – secondo la seconda edizione della Ricerca Experience Matters, Polimi e GreatPixel - , il 64% considera positivamente la tecnologia, il 30% ne rimane indifferente, mentre solo il 6% ha maturato un’idea negativa. In generale, le aspettative verso l’AI sono molto alte: il 52% la associa ad una maggiore velocità, il 46% è convinto che porti più servizi e funzionalità, il 43% maggiore aderenza alle esigenze personali e il 37% maggior gradevolezza dell’interazione e della navigazione. Il 4% la definisce “inutile” e “finta”, mentre il 10% addirittura “pericolosa”. «Gli acquirenti più evoluti riconoscono spesso quando dietro a un servizio si nasconde l’artificial intelligenc e stanno diventando sempre più esigenti», commenta Pola. Non basta più, per esempio, un’assistenza incanalata in alberature rigide, ma deve sciogliersi in una dimensione più “umana”.

Dai DumbBot agli SmartBot

In questo senso, l’evoluzione dei bot procede spedita, e una seconda generazione è pronta a prendere il posto della prima. «I bot di prima generazione, che chiameremo DumbBot, fanno una cosa molto semplice: capiscono le intenzioni dell’utente e rispondono. Più le persone che vi interagiscono aumentano, più il chatbot sarà in grado di parlare in modo naturale, e così l’utente che vi si interfaccia utilizzerà lo stesso linguaggio che utilizzerebbe con un operatore umano. Il problema è che il chatbot non è altrettanto intelligente», spiega Pola. Il meccanismo di funzionamento dell’AI è sviluppato dall’uomo, e per questo porta con sé alcuni bias cognitivi. Non sempre infatti è facile farci capire da un bot, nonostante la sua capacità di interpretare il linguaggio naturale degli utentiu «Il passaggio ai bot 2.0, o SmartBot, si basa invece sull’aggancio di tecnologie diverse che tendono a superare alcuni degli attuali limiti. All’atto pratico, la chiacchierata con l’utente diventa la traccia di ciò che è stato detto in conversazioni precedenti - il bot è collegato all’ID utente e “ricorda” di cosa hanno parlato in passato - ma non solo: gli SmartBot saranno anche in grado di adattare il tono conversazionale e il gergo linguistico a quello dell’interlocutore, in modo da risultare chiari sia a un ragazzo con una certa esperienza nel tech, sia a un anziano che potrebbe fare più fatica a comprendere alcune indicazioni. Il passaggio definitivo che sono chiamati a compiere va nella direzione della chiusura di contratti: gli SmartBot dovranno essere in grado di prendere decisioni vincolanti, trascrivendo le conversazioni nella blockchain per certificare accordi con gli utenti che diventino ufficiali.

Il 2018 di GreatPixel

Dopo un primo semestre del 2018 che ha segnato una crescita del 30% sull’anno precedente, la società punta a chiudere l’anno con un bilancio superiore a quello del 2017 del 50%. Oltre il 40% dei ricavi sono dovuti all’ampliamento del porfolio clienti, che ha aggiunto alle conferme dello scorso anno - tra cui spiccano Sole 24 Ore, Sea Aereoporti, Cerved, POLI.design, Trussardi - nuovi nomi come Fattoria Scaldasole, Sperlari, aSmallWorld, Soulgreen (di proprietà del gruppo Percassi) ed Expert. «Il nostro 2018 è molto positivo e sta rispettando le nostre aspettative», ha commentato Pola.


img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 17/04/2024


VEKA Italia affida il rebranding a Gruppo Icat: dalla strategia alle declinazioni above e below the line

Semplicità e memorabilità: queste le due parole chiave attorno alle quali Gruppo Icat ha pensato bene di costruire il percorso di rebranding per VEKA Italia, leader del mercato mondiale nel settore della produzione di profili per serramenti in PVC, un gruppo che a livello internazionale opera attraverso le sue 46 sedi distribuite in ben quattro continenti. Quello dei serramenti rappresenta, infatti, un mercato particolarmente complesso e ricco di competitor, contesto all’interno del quale fare la differenza con una comunicazione in grado di arrivare al pubblico in maniera chiara e diretta rappresenta una tappa fondamentale. Il DNA razionale di VEKA, il suo know-how, la sua affidabilità costituiscono d’altro canto il potenziale attraverso cui l’azienda può fornire - ed essere essa stessa - la risposta perfetta ai bisogni del consumatore italiano, in un background valoriale che le permette di essere riconosciuta in tutto il mondo per la sua qualità, sicurezza e fiducia. Un potenziale scandito dalla stretta collaborazione con Icat, a cui già da tempo è stata affidata la comunicazione del marchio, in maniera sempre più ampia, coordinata e completa. La comunicazione A partire dal 2021, Gruppo Icat ha ideato per questo cliente campagne di comunicazione integrate - che si sono aggiudicate premi di settore tra cui due importanti riconoscimenti Mediastars - basate sul concept “La Migliore Vista sull’Italia”, elevando la comunicazione di marca e ponendo l’accento sugli aspetti emotivi e tecnici dei serramenti del network di esperti artigiani italiani che utilizzano i profili firmati VEKA, un brand che è la sintesi della tecnologia tedesca e dell’artigianalità Made in Italy. All‘interno del piano di comunicazione l’idea è stata poi declinata nella campagna multisoggetto OOH e DOOH, in cui gli infissi si presentano come la cornice perfetta e inaspettata per mostrare le viste più iconiche del nostro Paese. Attraverso questa strategia comunicativa, VEKA ha iniziato a rivolgersi in maniera diretta e trasparente al consumatore finale, per mostrare senza mezzi termini la qualità e la longevità dei propri prodotti; oggi la multinazionale è pronta per compiere un ulteriore e importante passo, rendendo ogni Premium Partner, oltre che un garante della costante qualità con cui VEKA si mostra alle persone, un vero brand ambassador dal punto di vista valoriale e professionale. Si tratta infatti di un marchio di fabbrica che, sin dalle sue origini, ha saputo collocare e diffondere nel mondo del design la propria value proposition, imperniata prima di tutto su Made in Italy, artigianalità e tailor made, gli stessi valori condivisi da tutti i partner VEKA. I commenti “Essere scelti e riconfermati dai clienti per guidare la loro comunicazione a 360° è per noi sempre un onore, ancor prima che un onere - spiega Claudio Capovilla, Presidente Gruppo Icat -, soprattutto nelle fasi salienti dell’evoluzione di un marchio che sono le più delicate e importanti sotto molteplici punti di vista. Per questo abbiamo pensato di partire dall’essenza di questo brand, indiscusso protagonista nel mondo dei serramenti, e del suo bagaglio valoriale, per sfrondare l’approccio comunicativo rendendolo essenziale e diretto. Siamo partiti da qui per elaborare il nuovo logo, rinnovare l’imprinting grafico e conferire freschezza agli stilemi narrativi, che andremo poi ad adattare a tutti gli strumenti di comunicazione online e offline”. Graziano Meneghetti, Direttore Commerciale VEKA Italia, aggiunge: “Il momento di svolta che stiamo vivendo all’interno del mondo VEKA testimonia il fervore che ha sempre caratterizzato il brand sin dalle sue origini e che fa parte del nostro DNA, perché la nostra è un’azienda in continua evoluzione, capace non soltanto di plasmarsi in base alle mutevoli esigenze del mercato ma anche di diventare un vero e proprio leader del cambiamento. Una capacità di innovazione che trova espressione in una fitta rete di partner altamente professionali con cui condividere i valori che ci identificano. Un network d’eccellenza che, da oggi, diventa ‘Veka Premium Partner’ su tutto il territorio nazionale. Stiamo progettando un futuro ricco di novità, di cui questa rappresenta soltanto l’inizio”.  

LEGGI
img
spot

Autore: V Parazzoli - 09/04/2024


Lorenzo Marini Group firma “Il divino quotidiano” di Amica Chips, con una versione più “rispettosa” in tv e una più trasgressiva sui social

È on air la nuova campagna tv Amica Chips, realizzata, dopo aver vinto la relativa gara, da Lorenzo Marini Group, che propone una comunicazione fuori dagli schemi tradizionali con un linguaggio ironico, forte e trasgressivo, destinato a colpire un target giovane non abituato a messaggi “televisivi tradizionali” ma a stilemi narrativi social. Non a caso, dello spot sono state approntate una versione più “provocante” appunto per i social e una più rispettosa di un target tradizionale per la tv, con planning sempre di Media Club. Il film Le protagoniste dello spot sono delle novizie, riprese in fila sotto al chiostro del monastero mentre si apprestano ad entrare in chiesa. In sottofondo si sente la musica dell’“Ave Maria” di Schubert, eseguita con l’organo che accompagna questo ingresso. Le novizie sono in fila verso l’altare e la prima sta per ricevere la comunione dal prete celebrante…In quel momento si sente il suono della croccantezza della patatina, un “crunch” amplificato in perfetto sincrono con il momento in cui la prima novizia ha ricevuto l’ostia. Le altre in fila, al sentire il “crunch”, sorridono divertite e guardano nella direzione da cui proviene il rumore “appetitoso e goloso” della patatina croccante. La Madre Superiora infatti è seduta in sagrestia e, rilassata in un momento di pausa, sta mangiando con gusto le Amica Chips prendendole da un sacchetto che tiene in mano. Pack shot con le patatine Amica Chips e in super appaiono logo e claim di campagna “Il divino quotidiano”. Obiettivi e target L’obiettivo principale della comunicazione è quello di riaffermare il ruolo da protagonista di Amica Chips in comunicazione, da sempre protagonista di campagne forti e distintive con un tono da leader, per aumentare la percezione del suo valore di marca e consolidare la sua brand awareness. La campagna, che vuole sottolineare l’irresistibilità del prodotto ed esaltare la sua croccantezza superiore, sarà sviluppata con un sistema di comunicazione integrato teso a massimizzare l’impatto e la copertura di un target 18–54 anni, con particolare focus per la parte più giovane (18-35) sui canali digital e social. Un target che, in chiave psicografica viene descritto come composto da persone che nella loro vita ricercano ironia, divertimento e simpatia e che hanno un atteggiamento sociale aperto ed evoluto, con una ricerca continua di uscita dagli schemi convenzionali. Il messaggio vuole esprimere, con forte ironia “british”, un contenuto di prodotto legato al momento dello snack e, attraverso una descrizione iperbolica e provocante, esprimere il valore della croccantezza irresistibile della patatina Amica Chips. Si vuole rappresentare, in modo palese e senza fraintendimenti di tipo religioso, una situazione “chiaramente teatrale e da fiction”, tratta da citazioni del mondo ecclesiastico già abbondantemente trattate nella cinematografia mondiale, nelle rappresentazioni teatrali e nella pubblicità. Lo spot 30” verrà programmato sulle reti Mediaset, Cairo e sulle CTV, oltre che sui canali digitali. Il commento «Le patatine sono una categoria mentale compensativa e divertente – spiega Marini a Dailyonline -.. Hanno bisogno di comunicazioni ironiche, giovani e impattanti. L’area semantica della serietà è noiosa, funziona per prodotti assicurativi o farmaceutici. L’area del divertimento e della giocosità si sposa benissimo invece con questo settore». Credits Direzione creativa: Lorenzo Marini Copywriter: Artemisa Sakaj  Planning strategico e direzione generale: Ezio Campellone Account service: Elma Golloshi Casa di produzione: Film Good Executive producer: Pierangelo Spina Regia: Dario Piana Direttore fotografia: Stefano Morcaldo Producer: Sara Aina Musica: “Ave Maria” di Schubert – esecuzione di Alessandro Magri  

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy