ABBONATI

Seo e tanta formazione: Ale Agostini illustra tutte le attività di Bruce Clay Europe

Autore:


Il partner della storica sigla americana a colloquio con DailyNet. Tra aziende che diventano media company e nuovi canali per raccontarsi e distinguersi online, spicca la necessità di adottare una strategia ampia, diversificata e coerente con i propri obiettivi

La Search Engine Optimization (SEO) è una delle discipline più longeve e consolidate nel panorama di internet, ma le sue miriadi di applicazioni impongono una riflessione più articolata sul tema. Non più semplice indicizzazione, bensì modalità gratuita di distribuzione dei propri contenuti nel mare magnum della rete, per tutti i tipi di attività, in particolare di editori e aziende. In questo mutevole contesto s’inserisce il lavoro di Bruce Clay, agenzia specializzata nel SEO nata in California nel 1996, per intenderci prima ancora che Google facesse il suo debutto sul mercato. DailyNet ha incontrato Ale Agostini, partner di Bruce Clay Europe, con l’obiettivo di meglio inquadrare le operazioni svolte dalla sigla nel vecchio continente e, naturalmente, in Italia.

Forse oggi la parola SEO non basta più per racchiudere i significati di una materia tanto complessa quanto necessaria.

Effettivamente la SEO sta abbracciando nuovi campi. Non si tratta più del solo posizionamento sui motori di ricerca, ma è un’attività di fondamentale importanza per più canali: dalle app a YouTube, senza dimenticare Amazon. Oggi tutte le aziende sono diventate produttrici di contenuti, in altre parole media company, e internet garantisce una ghiotta opportunità per aumentare la propria visibilità, in modo gratuito.

Quali sono le caratteristiche principali di Bruce Clay?

Innanzitutto il nostro know how affonda le sue radici all’alba di internet. Nel 1996, Google ancora non esisteva e il lavoro dell’agenzia si concentrava su Altavista ed Excite. In oltre vent’anni il mondo è cambiato, e di molto, ma non la nostra capacità e volontà di fornire servizi, consulenza e formazione ai nostri partner, ragionando attraverso la lente dell’algoritmo alla base dei processi SEO. Proprio questo approccio è l’elemento distintivo del lavoro che quotidianamente ci affianca a clienti di vario genere. Per noi è necessario fornire una visione completa ed esaustiva ai nostri interlocutori, assistendoli nella realizzazione delle proprie strategie SEO.

Bruce Clay ha da sempre riposto grande attenzione alla formazione, ci può dire qualcosa in più?

La formazione è uno dei pilastri dell’attività di Bruce Clay, insieme a Search Engine Optimization, Search Engine Marketing (SEM) e Web Analytics. Siamo costantemente impegnati ad aggiornare il mercato su queste tematiche, per raccontarne le diverse sfaccettature. In sintesi per noi la questione non è lo strumento, ma la capacità di renderlo operativo, in modo fruttuoso, all’interno dell’azienda.

A proposito di strumenti: in Italia la parola SEO è spesso sinonimo di Google, specialmente in ragione della quota di mercato del motore di ricerca. È d’accordo?

Non si può negare il ruolo di leadership che oggi Google riveste in Italia e nel resto del pianeta. Tuttavia pensiamo che occorra adottare una visione articolata, in grado di comprendere tutti i canali, per rispondere pienamente alle necessità di comunicazione declinabili attraverso la SEO. Bing, per esempio, può essere una grande occasione di business e visibilità specialmente sul mercato USA, visto che la concorrenza rispetto a Google è meno elevata. Eppure, in molti tendono a non tenerne conto.

Torniamo a Bruce Clay, qual è il presidio geografico dell’agenzia?

Come ho già detto l’attività negli Stati Uniti è ormai consolidata da più di vent’anni. Dal 2011 abbiamo avviato le operazioni in tutta Europa, mentre nell’ultimo biennio abbiamo cominciato a lavorare a Dubai e in Brasile. A oggi non siamo fisicamente presenti solo in Russia e Cina, dove troviamo comunque spazio operativo attraverso il supporto per Yandex (il principale motore di ricerca russo, ndr) e, nel Paese asiatico, attraverso le nostre filiali in India e Giappone, che garantiscono il presidio di un mercato enorme. E anche la stessa India è per noi un Paese ricchissimo e pieno di opportunità.

Mobile, video e applicazioni, come si relazionano questi macro-trend alle attività di Bruce Clay?

Parto dal primo: il mobile è sicuramente un dato di fatto. Oggi Google ha aggiornato il suo algoritmo per renderlo mobile-first, ben sapendo, attraverso l’analisi dei suoi dati, che il mobile è ora. Nel giro di tre o quattro anni, questa supremazia del mobile sarà chiara a tutti, implicando un netto cambio di prospettiva i cui effetti non riguardano la sola SEO. Per quanto concerne l’ambito del video, anche in questo caso c’è stata una vera e propria esplosione. In ogni caso per noi video significa opportunità SEO, per questo assistiamo i nostri clienti nella veicolazione di piani strategici su piattaforme come YouTube o Vimeo. Tipologie di siti che noi consideriamo al pari di tutti gli altri motori di ricerca, ossia come una finestra dove è possibile valorizzare i propri contenuti, la propria storia e fare business. Infine, disponiamo di un’offerta di App Indexing dedicata alla declinazione della SEO su questo fronte. Anche in questo caso spesso l’approccio aziendale si rivela non sufficiente: molte imprese sviluppano un’app ancor prima di definirne le modalità di indicizzazione e a quel punto la frittata è fatta.

Una domanda su Amazon, quanto è importante la SEO sulla piattaforma ecommerce?

Qualche mese fa ho scritto che gli ecommerce devono difendersi da Amazon. L’azienda di Bezos, allo stesso modo di Google, possiede un algoritmo proprietario in continua trasformazione. Trattandosi, poi, di una piattaforma di vendita - in cui avviene un’azione di vendita e non di pura pubblicità come Adwords - il SEM può essere di grande aiuto nel processo di crescita organica dell’Amazon store di un’impresa. Non dimentichiamoci però quali siano le intenzioni di Amazon: diventare l’unico, o almeno il principale touchpoint commerciale di internet che offre il prezzo migliore. E qui il rischio è che la sua solidità danneggi il business delle imprese, distruggendone i canali ecommerce o rendendoli superflui. Per questo occorre grande consapevolezza al momento della creazione di una presenza, scelte di pricing che tengano conto dell’online e offline.

Concludiamo con l’Italia, qual è l’importanza dello Stivale per Bruce Clay?

L’Italia è nella top tre dei mercati europei e di questo siamo orgogliosi. Nell’ultimo periodo abbiamo intensificato la nostra presenza e dal 2011 accresciamo il fatturato annuale tra il 20 e il 30% grazie alla crescita sui clienti attivi che ci considerano un partner strategico con cui lavorare nel medio termine. Vorrei citare, in particolare, la collaborazione con 2 aziende: Finstral, leader italiano nella commercializzazione di finestre al mercato business e Booking.com per cui facciamo formazione sul SEO da diversi anni.


img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 05/10/2022


iProspect di Dentsu vince la gara per il media offline europeo di BMW Group e consolida in Italia l’incarico da 30 milioni

BMW Group ha nominato iProspect di Dentsu come agenzia per i media offline per i suoi marchi BMW e MINI in Europa. L'incarico fa seguito a una gara aperta lo scorso maggio, che comprendeva nella fase finale anche Wavemaker di GroupM. Grazie a questa vittoria, iProspect è stata nominata agenzia media offline di riferimento per la regione, dove BMW e MINI consolidano la loro strategia media offline, la pianificazione e l'acquisto in un'unica rete di agenzie. Grazie alla partnership a lungo termine con BMW Group, l'agenzia che fa parte del gruppo guidato in Italia dal CEO Paolo Stucchi, si occuperà di media offline in 24 mercati EMEA, tra cui Regno Unito, Spagna, Italia, Francia, Svezia, Polonia e Germania. Per il nostro Paese, dove il budget 2021 era stimabile in 30 milioni di euro, si tratta di una conferma. iProspect, infatti, si occupava già del media di nove mercati in Europa: Italia, Francia, Spagna, Paesi Bassi, Svizzera, Svezia, Danimarca, Norvegia e Finlandia. Lavorando con BMW Group in questi Paesi, i team dell'agenzia in Europa hanno capito cosa serve per accelerare la crescita del marchio. Con l'ampliamento dell'offerta e l'ingresso in 15 nuovi territori, iProspect continuerà a dimostrare il valore della costruzione del marchio basata sulle performance attraverso i canali media offline per BMW e MINI. iProspect lavorerà in stretta collaborazione con The Marcom Engine come agenzia media online partner, che sta già lavorando con BMW Group in Europa. Nella fase iniziale della gara c’era anche Mediaplus, che gestisce il digitale nel contesto di The Engine, il progetto di marketing integrato in 26 Paesi europei che la casa automobilistica tedesca ha affidato anche a MediaMonks di S4 Capital, Berylls Strategy Advisors, sigla tedesca di consulenza manageriale specializzata nell’industria automobilistica, e Gruppo Serviceplan, cui fa capo appunto Mediaplus come responsabile di componenti tecnologici e dati nonché della gestione delle interfacce locali a supporto delle responsabilità di marketing-as-a-service. Il commento "Sono orgoglioso della partnership a lungo termine che abbiamo stretto con BMW Group in molti mercati europei negli ultimi dieci anni e sono entusiasta di espandere questo rapporto in nuovi mercati. La passione per i suoi marchi e l'impegno a creare un valore commerciale misurabile attraverso i media sono una parte essenziale di questo incarico. Non vediamo l'ora di portare un pensiero più progressista, approfondimenti sui consumatori e un modello di servizio altamente collaborativo per aiutare BMW e MINI a far progredire il loro business", ha dichiarato Thomas Le Thierry, CEO EMEA, Media, dentsu international. La creatività Sul fronte creativo, l’agenzia di riferimento globale, che si chiama TheGame Group, è stata appositamente costituita dal raggruppamento che ha vinto a fine febbraio 2021 la relativa gara e che comprende Jung von Matt e Experience One. Questa sigla si occupa anche delle relazioni pubbliche del cliente automobilistico, avvalendosi inoltre, per la comunicazione corporate e i social media, della collaborazione con Looping Group, sigla anch’essa appositamente costituita in Inghilterra da Looping Group International. Sulla marca, in Italia, opera creativamente anche M&C Saatchi.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 05/10/2022


Europa Donna Italia lancia la campagna “Una voce per tutte” con Coo’ee e Havas Media

Europa Donna Italia, il movimento che tutela i diritti alla prevenzione e alla cura del tumore al seno, lancia in occasione della giornata nazionale di sensibilizzazione sul tumore metastatico, la campagna “Una voce per tutte”, con più di 500mila euro di investimento, tutto pro bono. È declinata su vari mezzi, a partire da ieri 4 ottobre: tv, radio, cinema, stampa e affissioni con l’obiettivo di sensibilizzare il numero più alto di persone. In Italia solo 1 italiano su 10 si sente correttamente informato sul tumore al seno metastatico: un dato preoccupante che sottolinea quanto sia necessaria questa campagna multimedia. L’immagine che caratterizza la campagna è quella di un vero e proprio muro di donne: alcune guardano in camera, altre voltano le spalle, ma tutte hanno lo stesso desiderio: farsi ascoltare. A parlare è solo una voce fuori campo, che rappresenta il pensiero di ognuna di loro. La stessa immagine è declinata anche sugli altri mezzi con il claim “Esserci è importante, essere ascoltate è fondamentale”. La particolarità della campagna, che chiede ascolto per tutte le donne affette da tumore al seno metastatico, è che le protagoniste sono pazienti vere, metastatiche e non, che sostengono realmente le richieste del manifesto. Promossa da Europa Donna Italia con il supporto di A.N.D.O.S., IncontraDonna, Favo Donna e Oltre il Nastro Rosa, ha ricevuto il patrocinio di Pubblicità Progresso. E' stata creata e prodotta da Coo'ee Italia, realizzata dalla fotografa Carolina Amoretti, pianificata e distribuita da Havas Media Italia: tutti questi partner hanno supportato Europa Donna Italia pro bono. Sarà pianificata su Rai, Mediaset, Sky, La7 e Discovery che hanno concesso gratuitamente gli spazi, così come su carta stampata, coinvolgendo Cairo e Mediamond. La diffusione coinvolge anche il web, co spazi offerti da Mediamond, Cairo e Manzoni, e la radio grazie a Advertising e Open Space. Completeranno la diffusione anche gli spazi OOH, concessi da Clear Channel e Urban Vision in posizioni centrali di Milano e Roma e una programmazione dedicata nei cinema italiani.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy