ABBONATI

Sorgenia torna in tv con Bebe Vio e la creatività firmata RED Robiglio & Dematteis. Budget 2017 a oltre 3 milioni

Autore: V Parazzoli


La compagnia, di cui è a.d. Gianfilippo Mancini, lancerà la nuova campagna il 26 marzo, con la campionessa paralimpica che resterà on air per sei settimane, determinando un forte incremento dell’investimento per i dodici mesi, intorno al 30%

Sorgenia ha ufficializzato ieri quanto anticipato il 3 marzo da DailyMedia e, cioè, di aver scelto - con il suo consolidato partner creativo RED Robiglio & Dematteis - la campionessa di scherma Bebe Vio come testimonial della sua nuova comunicazione 2017. La campagna, che la compagnia di cui è presidente Chicco Testa inizierà a pianificare dal 26 marzo in tv con la consulenza di Tailor Made Media (che si occupa anche degli altri mezzi classici, in questo caso anche, a seguire, radio e quotidiani) e su web - curato, invece, da Bootique, la sigla di Gruppo Triboo che sviluppa tutto il digitale dell’azienda - mira ad affermare i valori del brand e raccontare la voglia di affrontare con energia e determinazione le sfide di ogni giorno. Di qui, la scelta della campionessa paralimpica, che li incarna perfettamente: appena ventenne, è già un personaggio popolare e coinvolgente, giovane, proiettato verso il futuro, capace di affrontare le difficoltà e vincerle. Un modello positivo, con una grande carica di energia e una forte impronta social. «Bebe racconta la più bella storia sportiva di questi anni e, con Sorgenia, ha in comune la grande energia e la determinazione a guidare il proprio destino, osando e indirizzando quell’energia verso la realizzazione di un sogno.  Si tratta di un ragazza straordinaria che tutti gli italiani hanno imparato a conoscere e ad amare - ha detto Gianfilippo Mancini, a.d. di Sorgenia -. Quando abbiamo pensato a lei come nostra testimonial, due mesi fa, l’idea ci ha immediatamente entusiasmato. Bebe porta con sé una straordinaria energia positiva ed è riuscita a costruire una relazione speciale con il pubblico grazie ai suoi valori sportivi e umani, a partire dalla sua innata spontaneità. Cercavamo una testimonial per la nuova Sorgenia che fosse forte, simpatica e nativa digitale. Bebe incarna i valori in cui crediamo e siamo molto orgogliosi che anche lei abbia sposato il nostro progetto».

Del resto, come hanno spiegato i due manager, Sorgenia, ora controllata dalle prime cinque banche nazionali, sta uscendo dalle difficoltà degli scorsi anni, con relativi debiti e, al di là del fatturato di oltre un miliardo di euro raggiunto (che, però, è un dato lordo comprendente anche le attività non di sua spettanza, come i ricavi per i pagamenti dei canoni Rai), nel 2016 ha registrato un mol di 120 milioni di euro, ha raggiunto l’utile operativo e ha reso disponibili 350 milioni di cassa. I clienti sono attualmente circa 200.000, equamente suddivisi tra residenziali e partite Iva, con l’obiettivo di aggiungerne altri 100.000 in due anni e di arrivare a quota 500.000 in 4 o 5, grazie al suo modello full-digital e al successo del programma “member get member”.

La market share di Sorgenia è oggi del 3%, ma quella dove vuole soprattutto crescere, anche oltre il 20%, è quella degli utenti digitali, segmento che vale oggi il 10% del mercato, ma che è in continua crescita. Ovviamente, l’aspettativa è che tutti questi target vengano accelerati dalla campagna con Bebe Vio, anche se per ora, quest’ultima, è stata contrattualizzata solamente per quest’anno. Intanto, come ha spiegato il market & Ict director Simone Lo Nostro, viene colta l’opportunità di incrementare la notorietà del brand anche attraverso il ricorso alla tv, che si aggiunge al digital, determinando già ora un incremento del budget - che, nel 2016, è stato di 2,5 milioni di euro - del 30%. E non è escluso che, se ci sarà un positivo ritorno del primo flight di 5-6 settimane, non si possano generare risorse per un successivo, secondo, on air. Tornando alla creatività, “energia” e “sfida” sono le due parole chiave della nuova campagna, come recita il claim scelto per gli spot soprattutto da 30 ma, anche, da 15”, che Bebe Vio chiude affermando: “Non conta quanto è difficile la sfida. Quello che conta è l’energia che ci metti”. Si tratta di una dichiarazione d’impegno rispetto al futuro, che si sintetizza nel pay off “Your next energy”, scelto dall’azienda nel luglio del 2016 in coincidenza con il lancio della propria innovativa offerta per le famiglie. La produzione è stata curata da Mercurio Cinematografica con la regia del duo Sāmen, tutti confermati dopo la collaborazione positiva della scorsa estate. Post produzione audio/video affidata a Peperoncino.


Tag:

Tv

img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: V Parazzoli - 15/11/2021


“Umbria. Cuore verde d’Italia” a Natale con Armando Testa e Marco Bocci

“Come sarebbe l’uomo senza il suo cuore? Sarebbe l’Italia senza l’Umbria”: è questo il nuovo concept, creato da Armando Testa, per la nuova campagna promozionale per il turismo invernale della Regione Umbria che ha preso il via ieri dopo la presentazione di venerdì, a Palazzo Donini di Perugia, dalla Presidente della Regione Donatella Tesei, dall’Assessore regionale al turismo Paola Agabiti e da Raffaele Balducci, Direttore Creativo dell’agenzia. Il concept L’idea del concept – è stato spiegato - è nata da un’osservazione semplice e vera: per l’essere umano il cuore ha una posizione centrale, sia geograficamente che emotivamente. Perché il cuore è il luogo dove risiedono emozioni, passioni, intuizioni. Allo stesso modo l’Umbria, da tempo riconosciuta come cuore verde d’Italia, ha una posizione centrale non solo geograficamente, ma anche come crocevia di emozioni, passioni, accoglienza, calore umano. Ecco quindi un parallelismo tra l’importanza che ha il cuore per l’essere umano e quella che assume l’Umbria per l’Italia: un ruolo centrale e fondamentale, anche perché racchiude nella sua area tutti i valori di bellezza e accoglienza della nostra nazione. Per il ruolo di ambassador, la scelta è ricaduta su un personaggio profondamente legato al territorio, sia per le sue origini sia per i suoi valori: Marco Bocci. “Cosa sarebbe l’uomo senza il suo cuore?” ci chiede e si chiede l’attore all’inizio di ogni soggetto. La risposta è nelle storie, nei luoghi e nella gente dell’Umbria, di cui ogni volta decanta bellezza, autenticità e valori. Gli spot Protagonisti dei diversi soggetti on air sono i turisti e la gente umbra, che accoglie i visitatori con calore e forte senso di ospitalità. Sullo sfondo: paesaggi, borghi e sfumature autunnali e tutta l’ampia offerta della Regione, tra cui enogastronomia, arte, jazz festival, anche a Natale. Nicola Belli, Consigliere Delegato di Armando Testa, ha sottolineato: “Quest’estate, con il claim “Io amo il mare dell’Umbria”, ne abbiamo mostrato la vastità di esperienze, arte e sapori che offre. In questa stagione, fatta di raccoglimento e festività natalizie, ne sveliamo anche i valori più intimi, come l’accoglienza e il calore umano della sua gente”. La campagna sarà on air nei cinema, in tv, su stampa, radio e web. In particolare, sui social si parte con una fase teaser su Facebook e Instagram, per poi proseguire aumentando la risonanza dei messaggi per promuovere luoghi, eccellenze, eventi, tradizioni, usi e costumi della Regione Umbria e del portale www.umbriatourism.it”.   Credits Cliente: Regione Umbria Agenzia: Armando Testa Direzione creativa: Raffaele Balducci Creative team: Raffaele Balducci, Davide Cortese, Elisa Infante Casa di Produzione: Goood Strategia Media: The Gate Communication

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy