ABBONATI

Festival di Cannes 2017: un oro, un argento e tre bronzi per Young&Rubicam tra Mobile e Creative Data per Italia Longeva; bronzi anche per Havas Milan e McCann

Autore: V Parazzoli


Per il nostro Paese 8 shortlist nei Media, 3 in Design e 5 in Entertainment. Buona giornata, quella di ieri, per i nostri colori con, in particolare, l’exploit dell’agenzia di cui è cco Vicky Gitto. 

Dall'inviata a CANNES, Anna Maria Ciardullo e Vittorio Parazzoli
Cyber
Tre Grand Prix, rispettivamente, a Svezia, Australia e Stati Uniti, e nessun premio per l’Italia, nella categoria Cyber, di cui sono stati comunicati ieri i vincitori. 1) Il Grand Prix svedese l’ha vinto RBK Communication per The bank of Aland, che ha attivato True cost of comsuption, iniziativa nata per portare un cambiamento positivo nell’impatto ambientale e attivare il coinvolgimento attraverso i social, anche se il medium più efficace è stata la carta di credito: 350 i milioni di persone coinvolte. 2) Impegno sociale che coinvolge diverse tecniche - arte, dati, ricerca medica e creatività - in un processo per rendere la sicurezza stradale un dato di fatto per le persone con un impatto positivo globale, anche per il Grand Prix di Clemenger BBDO Melbourne per Transport Accident Commission Victoria, intitolato Meet graham the only person designed to survive on our roads. 3) Terzo Grand Prix: Cyber dentro MailChimp: pop culture e ironia per campagne disruptive che prendono spunto dagli sbagli che la gente compie facendo ricerche sui motori online: è la campagna Did You Mean MailChimp, ideata dalla sede di New York di Droga5 appunto per MailChimp e appositamente progettata per ottenere alti livelli di frequency e reach integrate. Il bronzo tricolore porta la firma di Havas Milan ed è stato ottenuto con un lavoro per Figli della Shoah e Fondazione CDED (con produzione di Indiana, Upraising e Basement). «È stata una categoria davvero ampia, con molti esperimenti e ibridazioni di tecniche diverse che ha messo alla prova la giuria, ma è stata una sfida stimolante perché la tecnologia rende più attivi e smart e ci ha appassionati molto. I brand stanno cambiando tantissimo e di conseguenza cambiano le logiche per premiarli, ma l’idea alla base di una buona campagna resta sempre il consumatore e i premi sono stati assegnati in base a questa idea; esplorando i lavori, abbiamo capito che il futuro è l’experimental design, dove il consumatore è al centro e mette insieme il mondo reale con quello digitale», ha commentato la presidente della giuria Colleen DeCourcy, di Wieden+Kennedy Global.
Direct
È andato agli USA l’unico Grand Prix dei Direct e l’ha vinto l’agenzia David di Miami per Burger King, che ha già vinto l’analogo award in Print & Publishing. All’Italia un bronzo con McCann Worldgroup per la campagna Responsibly the beer per Ubrew: la stessa con cui ha già ottenuto un argento e un altro bronzo nei Promo & Activation. «Ricerca di soluzioni innovative di business che facciano la differenza: è stato questo il motto con cui ha lavorato una giuria solida ma difficile da mettere d’accordo perché composta da persone passionali; sono stati valutati i lavori più coraggiosi in modo diretto, probabilmente non è stato scelto il migliore ma sicuramente il più coraggioso, un video composto da un misto di user generated content e servizi giornalistici che dimostrano ironicamente come l’adv possa entrare nelle case e comunicare. Un altro fattore discriminante per la scelta è la scalabilità dell’idea», ha commentato il presidente della giuria, Ted Lim, di Dentsu Brand Agencies, APAC.
Mobile
Il Grand Prix del Mobile è andato a Dentsu Y&R Tokyo con la campagna The family way per Recruit Lifestyle Co. Ma, soprattutto, c’è una bellissima infilata – oro, argento e due bronzi - italiana di Young&Rubicam con la campagna Chat yourself per Italia Longeva, il network dedicato all’invecchiamento, creato da Ministero della Salute, Regione Marche e IRCCS-INRCA (rispettivamente, Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico e Istituto Nazionale Ricerca e Cura Anziani), per promuovere una nuova visione dell’anziano quale risorsa per la società, in buona salute, attivo e impegnato in compiti e ruoli adatti che valorizzino l’esperienza e la saggezza accumulata negli anni, ma anche fruitore di beni e servizi. Beni da inventare e servizi, soprattutto quelli socio-sanitari, da reinventare. L’anziano come elemento centrale di un sistema-Paese che offra opportunità di sviluppo economico e sociale, stimoli la ricerca e l’innovazione e favorisca l’implementazione di nuove tecnologie. La produzione è di Nextopera, BigMama e Sedici 9.
«Abbiamo cercato le idee più brillanti di questa categoria molto particolare e complessa, qualcosa che offrisse soluzioni ai problemi del mondo e creassero valore - ha commentato il presidente della giuria, Andy Hood, di AKQA UK -. Per quanto riguarda il Grand Prix, cercavamo qualcosa che ci ispirasse e ci siamo innamorati di un lavoro che ha messo al centro il problema dell’infertilità maschile e ha creato un dispositivo che può fare un esame dello sperma direttamente attraverso lo smartphone, cosa che mira anche a cambiare la percezione dell’infertilità della coppia causata dall’uomo che in molti Paesi è ancora un tabu e viene attribuito di default alle donne come problema”.
Creative Data & Innovation
Il Grand Prix nella categoria Creative Data - della cui giuria era presidente Eric Salama, di Kantar - è andato a DigitasLBI di Chicago con il lavoro Care counts per Whirlpool. E anche qui, Young&Rubicam con Chat yourself per Italia Longeva ottiene un bronzo. Parla svedese invece il Grand Prix degli Innovation Lions, vinto, per l’esattezza, dalle sigle di Stoccolma Hakestam Holst e Great Works, con il progetto The humanium metal initiative, per IM - Swedish Development Partner. La giuria, presieduta da Susan Lyne, di BBG Ventures, ha assegnato solo 12 premi, nessuno dei quali all’Italia.
Le shortlists di ieri
Nei Media, l’Italia conquista 8 shortlist. 3 per “Responsibly the beer” firmato da McCann per Ubrew (centro media Rapport Italy/ UM Milan); 2 per “Guardian Fans” di Publicis Italy per Heineken, pianificata da MediaVest/Spark Milan, che ha già vinto un Bronzo in Outdoor; e uno a testa per The Host”, firmato sempre da Publicis Italy per Leroy Merlin, con pianificazione a cura di Maxus“Dont' text and Drive” di Saatchi&Saatchi per Groupama (centro media Zenith Roma) e “Speak like the Patròn” di We Are Social per Netflix. Nella categoria Design si segnalano 3 shortlist: 2 per “Responsibly the beer'”, firmato da McCann per Ubrew, e uno per “Moleskine Café'” firmato da Leo Burnett Milan. In Product Design, invece, non entriamo in zona-medaglie. E, infine, altre 5 shortlist arrivano negli Entertainment Lions. 4 le ottiene il progetto “Speak like the Patròn” di We Are Social per Netflix, in particolare per promuovere la seconda stagione della serie “Narcos”, mentre una va a “Guardian Fan”, firmato da Publicis Italy per Heineken. Nessuna entry invece negli Entertainment Lions For Music.

img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 02/12/2022


Gruppo Siemens sceglie in forma diretta Mediaplus come sua principale agenzia media globale

Il Gruppo Siemens ha nominato Mediaplus come sua agenzia media globale principale con effetto immediato. L’incarico copre la strategia media, la pianificazione e l'acquisto di tutti i media tradizionali e digitali, ad eccezione della search. Uno dei punti focali del Gruppo Siemens, presente in 190 Paesi, è la consulenza strategica e la creazione di una campagna digitale innovativa. Il budget è stato assegnato senza gara. Il team di Mediaplus aveva già dimostrato la sua esperienza su base progettuale con la concezione e l'implementazione della campagna globale Xcelerator di Siemens. Nella nuova piattaforma di business aperta, è stato creato un portafoglio curato intorno alla trasformazione digitale dell'industria manifatturiera. In questo modo, Mediaplus ha avuto l'opportunità di mostrare le proprie competenze, dimostrando a entrambe le parti il successo della loro collaborazione. Il brief che ne è scaturito è di portata globale, inizialmente incentrato su Germania, Stati Uniti, Regno Unito e Svizzera. Oltre alla sede centrale di Siemens, Mediaplus fornirà consulenza ad altre divisioni del gruppo, tra cui Siemens Mobility, Siemens Digital Industries e Siemens Smart Infrastructure. I commenti L'agenzia ha convinto Siemens soprattutto per la sua consulenza strategica, la creatività dei media e la competenza digitale. Lynette Jackson, responsabile globale della comunicazione di Siemens, spiega: "Vogliamo lavorare in partnership con Mediaplus per beneficiare di un targeting intelligente dei gruppi target, dell'esperienza digitale e dei dati, ma anche per esplorare modi nuovi e innovativi per costruire la nostra reputazione e sostenere la crescita delle vendite". Arvid Boström, managing director di Mediaplus, aggiunge: "Siemens è stato ed è tuttora uno dei marchi più forti ed entusiasmanti del mercato internazionale. Siamo assolutamente felici di poter continuare ad accompagnare la trasformazione di questa azienda tradizionale con la nostra esperienza. Questo si baserà sulla progettazione di una comunicazione digitale globale in tempo reale, sulla creazione di una rete più stretta tra business, tecnologia e comunicazione e sul continuo sviluppo dei requisiti di comunicazione in modo sempre agile. Ora che abbiamo dimostrato con successo le nostre capacità con Siemens Xcelerator, vogliamo creare dei capolavori nelle prossime campagne".

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 30/11/2022


Lines si schiera contro la violenza sulle donne con lo spot tv di Armando Testa, online e su Spotify

Anche quest’anno, sulla scia della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, Lines, in qualità di partner di WeWorld, prende posizione contro ogni forma di discriminazione e violenza di genere riportando on air una campagna, firmata da Armando Testa, che non passa di certo inosservata. Dal sexual harrassment, al catcalling, per finire con la violenza domestica, attraverso la voce di un’ambasciatrice eccezionale - Emma Marrone - il video vuole sensibilizzare il pubblico sulle forme che la violenza di genere può assumere andando a combattere quei pregiudizi che alimentano il modo in cui la società vede le donne, le giudica e di conseguenza le fa sentire. Il messaggio è importante: “Se una donna è gentile con un uomo, non significa che stia cercando le sue avances. Se si veste in modo più sexy non è colpevole di essersi andata a cercare molestie, verbali o fisiche. Se è innamorata non diventa proprietà del partner, l’amore è libertà, non possesso. Basta pregiudizi, basta violenza sulle donne. Cambiamo gli schemi. Rompiamo il silenzio”. Questa campagna rappresenta perfettamente il purpose di Lines: impegnarsi per un mondo in cui ogni donna possa essere sé stessa, libera da ogni condizionamento, combattendo gli stereotipi, i pregiudizi e la discriminazione di genere. La pianificazione della campagna TV con testimonial Emma Marrone è affidata a Media Italia. L’impegno del brand Lines ha anche lanciato una nuova campagna su Spotify con annunci audio adv incentrati sulla condivisione di strumenti e risorse utili alle donne a rischio di violenza. In Italia il 1522 è il numero di pubblica utilità per il sostegno alle donne vittime di violenze e stalking. Per molte donne che subiscono e/o sono a rischio di violenza, questo servizio di assistenza fornisce un'importante rete di supporto e spesso rappresenta l'unica via d'uscita. Ecco perché Fater ha scelto di cogliere l’opportunità di collaborare con Spotify per raggiungere quante più donne possibili grazie anche alla potenza dell’audio. Con testimonianze condivise da WeWorld, la campagna, “Unseen Stories”, mette in luce le storie vere di quattro donne italiane vittime di abusi e che si sono sentite isolate, impotenti e spaventate. L’adv si chiude con l'invito a chiedere aiuto, chiamando il 1522 oppure recandosi presso gli Spazi Donna WeWorld distribuiti su tutto il territorio nazionale. WeWorld infatti è presente nelle principali città italiane, con operatori che accolgono le donne in situazioni di fragilità, accompagnandole attraverso progetti di empowerment e percorsi di sviluppo della consapevolezza di sé e delle risorse personali. Tra questi ci sono anche lo Spazio Donna di Bologna e quello di Pescara inaugurati rispettivamente nel 2021 e a novembre 2022, aperti entrambi con il sostegno concreto di Lines. Il commento “Noi di Lines siamo da sempre in prima linea per contribuire a creare un mondo libero da stereotipi e discriminazione di genere, in cui ogni donna possa essere se stessa. Insieme a WeWorld vogliamo utilizzare tutti i canali possibili per parlare con le donne ed essere concretamente al loro fianco, per combattere la violenza che in Italia conta ancora purtroppo troppi casi. Per questo motivo sosteniamo gli Spazi Donna presenti sul territorio, dialoghiamo con i giovani all’interno delle Scuole attraverso il programma DomandeScomode@School e sollecitiamo l’attenzione sulla tematica attraverso le nostre campagne media in tv, online, ora anche su Spotify, con l'obiettivo di arrivare al maggior numero possibile di persone”. dichiara Ione Volpe, FemCare & AdultCare Marketing Director di Fater. Credits Direttori Creativi Esecutivi: Georgia Ferraro, Nicola Cellemme Team Creativo: Chiara Panattoni, Carlotta Gilardi Cdp Think Cattleya Regia: Francesco Calabrese  

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy