ABBONATI

Cannes Lions: come Gimlet Media ed eBay hanno trasformato i branded podcast in un media di successo

Autore: Redazione


Quali sono le caratteristiche che rendono un podcast uno strumento di comunicazione di qualità? Lo hanno spiegato Matt Lieber, president e co-founder di Gimlet Media e Claire Dixon, vp global communications di eBay

dalla nostra inviata a CANNES, Anna Maria Ciardullo
Il podcasting è riemerso come un media popolare per lo storytelling e la comunicazione, l’audience è in crescita del 23% dal 2013 e i brand lo stanno prendendo sempre in maggiore considerazione per le loro content strategy con una costante crescita degli investimenti. Il gigante del retail online eBay ha recentemente stretto una partnership con l’agenzia Gimlet Creative, fondata dai veterani di This American Life e NPR e di recente nominata da Fast Company come una delle dieci media aziende più innovative del mondo ad aver creato uno dei co-branded podcast ad aver ottenuto il maggior successo nella categoria. A inizio di settimana scorsa, Dentsu Aegis Network ha anche annunciato di aver rilevato una quota della sigla londinese. Il podcast Open for Business di eBay, infatti, ha rotto le barriere su ciò che potrebbe essere lo storytelling di marca e lo ha dimostrato scalando quasi immediatamente le charts. Al Festival Internazionale della creatività Cannes Lions, un incontro moderato da Jeff Beer, staff writer di Fast Company, Matt Lieber, president e co-founder di Gimlet Media e Claire Dixon vp, global communications di eBay hanno spiegato la loro ricetta per un podcast di successo, un misto di storie autentiche e un sottile lavoro di sponsorizzazione come modo per evidenziare la propria posizione sul mercato. «eBay è un brand saldo nell’immaginario collettivo che vanta un alto grado di riconoscibilità, si potrebbe tranquillamente dire che chiunque abbia qualche ‘eBay story’ da raccontare ma, nonostante ciò, c’è ancora molto la percezione che tutto ciò che si vende sulla nostra piattaforma rientri nella sfera del second hand o delle aste. Al contrario, l’80% di ciò che vendiamo è brand new e abbiamo pensato di usare i podcast per far passare questo messaggio soprattutto ai brand», spiega Dixon. «Quando eBay ci ha chiesto la partneship abbiamo pensato che fosse una piattaforma perfetta per raccontare le storie dei piccoli business e abbiamo studiato un narrative creative show rivolto principalmente a loro. Volevamo che fosse interessante ma con un messaggio utile e che avesse altrettanto un risvolto pratico per le imprese», continua Lieber. Le storie che animano i podcast devono essere rilevanti sia per i brand sia per chi le ascolta, non tutti i brand, infatti, sono necessariamente adatti per la creazione di storie audio brandizzate. I podcast possono avere successo solo se interessanti e adatte a questo media. Tutte le audicence sono difficili da raggiungere ma raccontando storie avvincenti con un punto di vista concreto e facilmente comprensibile (che nel caso dei podcast sono anche servite on demand e non in modo intrusivo) il livello di engagement sale vertiginosamente. «Ci vuole il coraggio di fare cose interessanti perché la chiave di volta per il successo di un podcast è il word of mouth che è capace di attivare», aggiunge Lieber prima di spiegare quali sono le caratteristiche principali a rendere un podcast un prodotto di successo. Secondo il creativo sono tre: la qualità dello storytelling, la capacità di offrire una companionship experience, letteralmente di farci compagnia come se fosse un passeggero che chiacchera con te in auto e, infine, deve insegnare qualcosa. Il time spent degli utenti si è spostato e anche i dollari si stanno spostando in questo momento di flessione del mercato positiva per i branded content, le percentuali di persone che segue i podcast in USA, ad esempio, è raddoppiata rispetto all’anno scorso. Il podcast stimola l’immaginazione perché non vedi nulla e questo è un’ottima opportunità per i brand di umanizzare il loro messaggio da servire rendendolo più efficace. «All’inizio dell’esperimento con questo nuovo media abbiamo pensato che sarebbe stato difficile, che forse avremmo dovuto parlare di più di eBay in modo promozionale tradizionale, altrimenti non avrebbe funzionato, ma abbiamo scelto di rischiare e i risultati sono stati moltissimi download che hanno portato tantissimi nuovi iscritti», continua DixonBeer, moderando la conversazione pone allora una domanda ai due speaker intervenuti: un podcast non può certo essere un semplice spot di 20 minuti, che promuove eBay in questo caso, ma ci vuole un equilibrio tra promozione e contenuto, qual è? «Nella prima stagione non abbiamo inserito alcuna ads - spiega Dixon -, ma abbiamo imparato che gli ascoltatori non sono disturbati da messaggi rilevanti così nella seconda stagione abbiamo aggiunto alcuni annunci audio ma solo di brand connessi con il nostro come FedEx ad esempio e ha funzionato, l’audience non ne ha risentito. Da una stagione all’altra abbiamo imparato molto», ha risposto la portavoce di eBay. Infine, prima di congedarsi i due hanno dispensato dei consigli per i brand che stanno considerando di usare i branded podcast nella loro content strategy: «Non puoi solo fare uno show bello, ma deve essere anche rilevante», risponde Lieber. «Credo sia una sfida che ha senso intraprendere solo se si trovano le giuste partnership, credo che siano la chiave di volta se non si ha un team interno dedicato». Anche la sua interlocutrice concorda, «raccomando caldamente i podcast ma serve un team forte per creare contenuti strutturati, non è sufficiente il solo team marketing, ci vogliono expertise dirette come la creazione di contenuti, serve tecnologia, microfoni, piattaforme, software e i tool sono importanti quanto l’expertise. I podcast non sono un contenuto che si presta bene al fai da te. Il valore dell’audience, però, è molto più alto rispetto a quello della radio perché è esattamente l’audience a cui tu vuoi parlare e che sceglie di fare opt in di sua spontanea volontà», conclude Dixon.

img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: S Antonini - 04/12/2019


"Fatti furbo", investi con TD Ameritrade

Toni ironici e sofisticati da spy story degli anni 60 e un protagonista che nel look (e nell'auto) rimanda vagamente a James Bond: così la nuova creatività "Get smarter" firmata Havas New York comunica il brand e i servizi della società di trading TD Ameritrade.

LEGGI

Correlati

img
eventi

Autore: V Parazzoli - 04/12/2019


UNA, assegnati i premi de “L’Italia che Comunica”: 7 ori, tra cui è stato scelto il vincitore assoluto, 12 argenti, 13 bronzi e 6 riconoscimenti speciali

Si è tenuta lunedì  la serata di premiazione de “L’Italia che Comunica”, il premio promosso da UNA – Aziende della Comunicazione Unite - che riconosce il valore di creatività, strategia e risultati delle campagne realizzate dalle agenzie italiane. In tutto sono stati assegnati 7 ori, 12 argenti e 13 bronzi. Per ogni categoria, 14 in totale, sono state premiate le campagne che hanno raggiunto il punteggio minimo in linea con gli standard di qualità internazionali definiti con IMC sulla base della votazione di una giuria composta da rappresentanti delle aziende investitrici, esperti del settore e del mondo accademico. Il Premio Assoluto 2019, scelto tra gli ori, è stato assegnato attraverso una modalità di voto live durante l’evento. Sono stati assegnati anche 6 premi speciali, 3 dedicati alle aziende e 3 rivolti a ospiti speciali che si sono distinti nel corso dell’anno. Baby K ha ricevuto il premio “L’Italia che comunica con la musica” per la sua capacità di comunicare, ispirare e trasmettere ideali, mantenendo e custodendo la sua unicità; al maestro Vince Tempera il premio “L’Italia che Comunica tra le Stelle 2019” per le mille emozioni che ha saputo accendere con estro e sensibilità artistica, mentre Urbano Cairo ha ricevuto il premio “L’Italia che comunica con l’innovazione” per la forza di volontà, la determinazione e l’intelligenza che sono le basi per coltivare e inseguire i propri sogni e le proprie ambizioni ed essere sempre Innovativo. A corredo sono stati anche assegnati gli IMC Awards 2019, premio internazionale a cui avranno diretto accesso tutti i vincitori de “L’Italia che Comunica” di quest’anno per l’edizione 2020. Si tratta dell’oro a TLC, cliente Fastweb, per la campagna: “LiveFAST” nella Categoria Loyalty Marketing Campaigns; dell’argento vinto da True Company per Alfasigma con la campagna: “Neoborocillina Gola Junior” nella Categoria Brand building, del bronzo vinto dalla stessa agenzia nella stessa Categoria per Almond Board of California con la campagna: “Recharge your day”; e, infine, dell’altro bronzo vinto da Black & White Comunicazione per Consorzio Ricrea Acciaio con la campagna “Capitan Acciaio” nella Categoria: Charity/ Non-profit. Il medagliere Categoria L’Italia che Comunica con la Comunicazione Integrata: ORO Agenzia: Proforma Campagna: Antonio Decaro Sindaco di Bari Cliente: Antonio Decaro ARGENTO: Agenzia: True Company Campagna: Giver Viaggi in Norvegia Cliente: Giver Viaggi in Norvegia; Innovation Norway BRONZO: Agenzia: Exprimo Campagna: Piastrelle in Ceramica Cliente: Confindustria Ceramica Agenzia: Publione Campagna: Vecchio Amaro del Capo Cliente: Caffo Group 1915   Categoria L’Italia che Comunica la prima volta: ORO Agenzia: Comunico Group Campagna: Hide Cliente: Italy Innovazioni ARGENTO: Agenzia: Canali & C. Campagna: Healthy-Etno Food Cliente: Sagami Italia Agenzia: True Company Campagna: California Almonds Cliente: Almond Board of California BRONZO: Agenzia: True Company Campagna: Neoborocillina Gola Junior Cliente: Alfasigma Categoria L’Italia che Comunica con l’Italia: ORO Agenzia: Inrete Campagna: Dreaming Together – Milano Cortina 2026 Cliente: CONI BRONZO: Agenzia: Inside Campagna: Camere Boutique Hotel 4 stelle Cliente: CKI Categoria L’Italia che Comunica con gli eventi esperienziali: ORO Agenzia: Young Digitals Campagna: Carne al fuoco Cliente: AIA ARGENTO: Agenzia: Don’t Movie Campagna: Video case history Cliente: Padania Acque Agenzia: Zero Campagna: istituzionale Cliente: Slam BRONZO: Agenzia: FMedia Campagna: Parco divertimento Cliente: Gardaland Categoria L’Italia che Comunica con il B2B: ARGENTO: Agenzia: True Company Campagna: Repower Cliente: Repower Vendita Italia BRONZO Agenzia: Plus Communications Campagna: VOG products Cliente: VOG products Agenzia: Inside Campagna: Seduta “Folha” Cliente: Albaplus – Metalmeccanica Alba Categoria L’Italia che Comunica con le promozioni: ARGENTO: Agenzia: Incentive Promomedia Campagna: Calendario Coop Cliente: Coop Italia BRONZO Agenzia: TLC marketing Campagna: Assicurazione auto, moto, van Cliente: Facile.it Categoria L’Italia che Comunica con il digitale: ORO: Agenzia: Social Content Factory Campagna: Finestre per tetti Velux Cliente: Velux Italia BRONZO Agenzia: Integra Solutions Campagna: New Flexadin Advanced Cliente: Vetoquinol Categoria L’Italia che Comunica con piccoli budget: ARGENTO: Agenzia: Creativa Campagna: Campagna istituzionale Cliente: Coalvi Consorzio allevatori vitelli razza piemontese Agenzia: Creativa Campagna: Campagna digitale Cliente: Turismo Torino e provincia Categoria L’Italia che Comunica con i social media: ORO: Agenzia: William Wallace Campagna: Control Cliente: Artsana ARGENTO: Agenzia: Young Digitals Campagna: Carne al fuoco Cliente: AIA BRONZO: Agenzia: True Company Campagna: Orbi Cliente: Netgear International Inc. Italy Categoria L’Italia che Comunica con il no profit: ORO: Agenzia: Acqua Group Campagna: Pubblicità Progresso Acra Aics Cliente: Pubblicità Progresso Acra Aics BRONZO: Agenzia: Black & White Comunicazione Campagna: Sostenibilità ambientale e raccolta differenziata Cliente: Consorzio Ricrea Categoria L’Italia che Comunica con i PR events media: ARGENTO: Agenzia: True Company Campagna: My contraception Cliente: Bayer BRONZO: Agenzia: Net in Progress Campagna: (T)here. Lavoriamo al futuro di Roma Cliente: Unindustria, Gruppo giovani imprenditori Categoria L’Italia che Comunica con il branded content: ARGENTO: Agenzia: True Company Campagna: My contraception Cliente: Bayer BRONZO: Agenzia: Inside Campagna: Servizi per l’e-commerce Cliente: DHL Express Italy Premio speciale - L’Italia che Comunica con la radio: Agenzia: Armando Testa Campagna: Istituzionale Cliente: Banca Mediolanum Premio speciale - L’Italia che Comunica con la TV: Agenzia: Beulcke and partners Campagna: Ultrainternet Fibra Cliente: Tiscali Premio speciale - L’Italia che Comunica con l’outdoor: Agenzia: COO’EE Italia Campagna: Mela Val Venosta Cliente: VIP Mela Val Venosta I commenti "Il tema dell’efficacia legato a strategia e creatività è a noi di UNA molto caro e siamo orgogliosi di poter contare sul Premio “L’Italia che Comunica” come sua perfetta sintesi – ha commentato il Presidente dell’associazione, Emanuele Nenna -. Quest’anno abbiamo compiuto un importante passo verso l’internazionalità, fondamentale per supportare la creatività e l’eccellenza italiana anche oltre i confini nazionali. Uno degli obiettivi primari della nostra associazione è farsi promotrice di valori di mercato che spronino le agenzie a realizzare campagne creative, strategiche e misurabili e questo premio guarda proprio in questa direzione. In questo progetto sono state coinvolte aziende, agenzie e istituzioni ed è stato emblematico vedere come questo ecosistema abbia funzionato perfettamente: un esempio virtuoso da continuare a sviluppare e espandere. È questo ciò per cui lavoriamo ogni giorno". “Uno dei principali obiettivi di quest’anno era elevare la qualità dei progetti. È stata un’edizione molto competitiva, dove sono stati valutati lavori di pregevole fattura: la giura ha, infatti, premiato l’eccellenza, con un sistema di valutazione che ha conferito solo ai migliori in assoluto i premi delle relative categorie in gara” ha dichiarato Salvo Ferrara, coordinatore UNA LIVE HUB con delega al Premio. “Con questa edizione UNA ha inaugurato il proprio Premio che si iscrive in un percorso di continuità con il passato e guarda in maniera prospettica oltre confine agevolando la visibilità della creatività italiana in Europa, incentivando occasioni di reale misurazione e volto a educare il mercato della comunicazione – ha aggiunto Davide Arduini, Vice Presidente di UNA e Presidente della giuria -. Il tema dell’efficacia legato a strategia e creatività è a noi di UNA molto caro ed è pertanto fondamentale, come associazione, sostenere l’eccellenza italiana anche in chiave internazionale”.

LEGGI
img
eventi

Autore: Redazione - 02/12/2019


Presentate le shortlist per Eurobest, tre i lavori italiani in gara

Sono state presentate le shortlist degli Eurobest 2019 nelle categorie Brand & Experience Activation, Creative Data, Creative eCommerce, Creative Effectiveness, Creative Strategy, Design, Digital Craft, Digital, Direct, Entertainment, Film, Film Craft, Glass, Healthcare, Grand Prix for Good, Innovation, Integrated, Industry Craft, Media, Mobile, Outdoor, PR, Print & Publishing, Radio & Audio, Special Awards, Young Creatives. I premi saranno annunciati il 12 dicembre. Italiani in gara Sono tre le campagne che si sono aggiudicate una possibilità di vincere il premio finale nella categoria di riferimento. Per Brand Experience & Activation, è in shortlist “Home for books”, il lavoro di STV BBD Milano per Ikea realizzata dagli Executive Creative Directos Luca Cortesini e Gabriele Caeti in collaborazione con la cdp Bedeschi Film. Questo lavoro mirava a trasformare il percorso in negozio da IKEA in un'opportunità per riscoprire la passione per la lettura. Per farlo, l'agenzia ha approfittato di quello che è sempre stato nei negozi IKEA: le librerie, naturalmente. La famosa Billy in particolare, oggetto della campagna. In Italia, la cultura della lettura è in crisi, perché non iniziare il cambiamento da un luogo frequentato ogni anno da milioni di italiani? Per la prima volta i visitatori hanno scoperto non solo nuove collezioni, ma anche nuove storie e nuovi autori. Per la categoria entertainment, una shortlist va a Dude Milano con la campagna tv Stranger80s, realizzata per Netflix in occasione del lancio dell’amatissima serie Stranger Things. Doppia shortlist Per le categorie Digital e Film, porta a casa due shortlist McCann Milano con la cdp Think Cattleya grazie alla campagna “Beer Heroes”, realizzata per Ubrew, birrificio artigianale londinese dove ognuno ha la possibilità di produrre la propria birra scegliendone gli ingredienti. Dopo aver dedicato più di due anni alla ricerca degli “eroi della birra” più famosi di internet, il birrificio li ha finalmente trovati e ha celebrato le loro imprese con una birra pensata e prodotta per loro.

LEGGI
img
eventi

Autore: Redazione - 26/11/2019


Seconda edizione per EICMA 2019: un successo on e off line con Moto.it

EICMA 2019, ci si aspettava un grande riscontro, è avvenuto. Oltre le classiche aspettative. Ecco nel dettaglio cosa è accaduto Sul fronte redazionale sono stati prodotti 78 video, 140 articoli e 52 interviste. Tanti gli ospiti di eccezione allo stand, come i piloti Tony Cairoli, Luca Marini e Celestino Vietti di VR46, gli youtuber Noisy Boy e Freccia Verde e il rapper Vegas Jones. In città le vetrine di Rinascente a tema fumetto viste da oltre 1 milione e 600 mila persone e all’interno dello Spazio Annex il format “Sembra Moto.it” con 13 puntate registrate per IGTV e più di 20 ospiti, tra cui gli attori Francesco Montanari e Ernesto D’Argenio, Federico Russo di Radio Deejay, l’influencer Irene Saderini, il pilota youtuber Luca Salvadori e il campione paralimpico di sci nautico Daniele Cassioli. Durante EICMA inoltre è stata presentata la partnership con il canale Alpha che ha trasmesso la serie in 10 puntate Moto.it stories che è stata un successo di share. Record L’account Facebook ha registrato una copertura di oltre 900.000 views, le Instagram stories hanno totalizzato quasi 600.000 views e circa 700.000 impression e i post oltre 148.000 views e 7.264 likes. La 77esima edizione di EICMA dal 5 al 10 novembre 2019, la fiera moto più importante al mondo, si è chiusa con un incremento record del 43,7% di brand presenti rispetto al 2018 e 800.000 presenze. Moto.it, media leader del settore, con la seconda edizione del Moto Festival www.motofestival.it - sempre dal 5 al 10 novembre - ha curato una serie di appuntamenti, eventi e talk tra la fiera di Rho, Rinascente in Piazza Duomo e altre location nella città di Milano. Dentro EICMA Come ogni anno tutta la redazione di Moto.it, capitana da Nico Cereghini, ha seguito EICMA minuto per minuto, producendo 78 video e 140 articoli. Cuore dello stand è stata l’arena, un piccolo teatro dove sono stati intervistati oltre 50 personaggi del mondo delle due ruote, tra cui spiccano Alberto Bombassei di Brembo, Massimo Doris  di Mediolanum, Timo Resch di BMW e tanti piloti, tra cui Tony Cairoli, Jonathan Rea, Joan Mir, Luca Marini e Celestino Vietti di VR46, Sam Sunderland, Alessandro Botturi, Alex De Angelis, Lorenzo Savadori, Alessandro Del Bianco, Massimo Roccoli, Andy Short, Nicola Dutto, Stefano Manici, Iacopo Cerutti, Benjamin Melot e l'olimpionico Marco Aurelio Fontana. Non solo, l’arena è stata anche lo spazio dove la redazione si è raccontata in delle interviste speciali, in cui i giornalisti hanno intervistato i loro colleghi di scrivania, per svelare tutti i retroscena di chi dà vita a Moto.it. Inoltre allo stand di Moto.it, animato dal simulatore di Mototrainer, dalle scuole BikerX e Scuola di Motociclismo, nonché dalle moto customizzate da Mr. Martini e Unit Garage, è stata presentata con successo la partnership con il canale Alpha del gruppo De Agostini Editore, visibile sulla numerazione 59 del digitale terrestre. Durante EICMA è andata in onda “Moto.it Stories”, la serie in 10 puntate con i migliori format di Moto.it che è stata un successo di pubblico con un peak share dello 0,40% e una permanenza di visione media che ha superato il 55% del contenuto, raggiungendo oltre 200.000 individui. A dicembre sarà la volta di un contenuto originale in prima tv prodotto da Moto.it in collaborazione con uno dei customizer più geniali in circolazione, Mr. Martini, nel quale il pubblico assisterà alla creazione di una moto brandizzata Alpha 59. Il traffico del sito ha premiato il lavoro di tutta la squadra con 9,5 milioni di pagine viste e 1,1 milioni di utenti unici nella sola settimana di EICMA. Anche gli account social hanno registrato numeri record: l’account Facebook ha raggiunto una copertura di oltre 900.000 views, le Instagram stories hanno totalizzato quasi 600.000 views e circa 700.000 impression e i post oltre 148.000 views e 7.264 likes. Le vetrine della Rinascente e i talk di “Sembra Moto.it” Per il quarto anno consecutivo durante la settimana di EICMA, le moto hanno invaso il centro di Milano diventando le protagoniste delle vetrine della Rinascente Milano Piazza Duomo con l’evento Love To Ride.Moto.it ha curato l’art direction delle 8 vetrine della Rinascente, ognuna delle quali ha raccontato una storia stile fumetto, grazie alla collaborazione con la Scuola del Fumetto di Milano, la fumettista Marianna Pescosta e i coloristi Annalisa Ferrari e Alessandro de Fornasari. Protagonisti delle vetrine, importanti marchi del settore moto come BMW, Energica, Piaggio, MV Agusta, V-HELMETS e Continental per le vetrine dello store di Milano Piazza Duomo, e Cellularline, Mansutti, Onedesign, Rev’it, Shark, TCX per le vetrine dello Spazio Annex. Durante la settimana oltre 1 milione e 600 mila persone sono passate davanti alle vetrine. Moto.it, inoltre, al secondo piano Annex della Rinascente ha registrato - con Moreno Pisto, Brand & Content Manager e Alberto Capra, Special Projects Manager di Moto.it - il format “Sembra Moto.it”, 13 puntate pensate per il canale IGTV con interviste divertenti e irriverenti a influencer, youtuber, campioni delle due ruote e attori, come Vanni Oddera e Vicky Piria, Federico Russo, Daniele Cassioli, Francesco Montanari e Ernesto D’Argenio, Caterina Manzini, Freccia Verde, Noisy Boy, Luca Salvadori e Alessandro del Bianco, Irene Saderini e tanti altri. I mobility partner In partnership con il Gruppo Fassina, Moto.it ha organizzato un contest che ha premiato i tre vincitori con un tour da EICMA fino alla Rinascente, a bordo dell’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio messa a disposizione da Gruppo Fassina, con tre compagni di viaggio d’eccezione, il pilota Niccolò Canepa e i due youtuber Freccia Verde e Noisy Boy. BMW invece ha fornito ai giornalisti e ambassador di Moto.it gli scooter 2C400GT e 2C400X con i quali per tutta la settimana di EICMA si sono spostati dalla fiera in città, documentando sui social i loro impegni e gli eventi a cui hanno partecipato. In città Insieme al broker assicurativo Mansutti invece Moto.it ha lanciato Moto con garanzia, la garanzia tra chi vende e acquista moto tra privati, nuovo servizio di Moto.it e Upgrape, la piattaforma innovativa di Mansutti, promuovendola con una operazione di guerriglia marketing nel centro di Milano, con un party alla Pesa Pubblica e un talk nello stand in EICMA con ospiti Matteo Bevilacqua, amministratore delegato di Mansutti, l’attore Ernesto D’Argenio e il rapper Vegas Jones.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy