ABBONATI

Branded entertainment, sempre più complementare ai formati tradizionali, vale 350 milioni nel 2017

Autore: Redazione


Secondo lo IAB Seminar dedicato, il settore è in crescita del 17% rispetto ai 300 milioni del 2016 ed è una leva fondamentale per attirare e coinvolgere l’utente, mixando dati, creatività e contenuti di qualità

Di Antonella Rocca e AnnaMaria Ciardullo

Il mercato del Content & Native Advertising cresce a doppia cifra e nel 2017 in Italia toccherà i 350 milioni di euro. È quanto è emerso ieri a Milano dallo IAB Seminar “Content Strategy: From Advertisers to Media Companies”, organizzato presso il MiCo, che ha accolto oltre 1100 partecipanti. A fare gli onori di casa il neoeletto presidente del capitolo italiano dell’Interactive Advertising Bureau, Carlo Noseda, che ha condiviso brevemente la prossima scaletta di appuntamenti organizzati dall’associazione. «Al seminar del 4 luglio su Programmatic e Marketing Automation - ha detto - seguirà la Digital Week, settimana prevista a settembre e pensata insieme a Roberta Cocco, assessore della trasformazione digitale del Comune di Milano per essere dedicata alle tecnologie che stanno cambiando la nostra vita e amplificano il nostro lavoro. Dopo un momento più strategico sulla industry dell’automotive con Internet Motors sarà la volta di una versione più internazionale di Iab Forum, a novembre, che, diventato ormai il 4° evento digitale in Europa, vuole essere a tutti gli effetti lo Iab Forum del Mediterraneo coinvolgendo altri Paesi nella sua organizzazione».

Elena Grinta

Il consumatore al centro

La Content Strategy sarà sempre più centrale per lo sviluppo d’iniziative capaci di raggiungere e coinvolgere i consumatori, in un contesto web ormai molto affollato di informazioni e contenuti pubblicitari. «Oggi per le aziende è molto difficile riuscire a ottenere l’attenzione dei consumatori, quotidianamente sommersi da molti più messaggi pubblicitari di quelli che riescono a mettere a fuoco», ha poi raccontato Roberto Zanaboni, consigliere di IAB Italia e head of digital advertising RCS MediaGroup. «La chiave per il successo è la capacità di realizzare una comunicazione che metta il consumatore al centro e lo coinvolga emotivamente: la Content Strategy risponde a questa necessità, risultando vincente sia per gli investitori sia per i consumatori. Gli strumenti del content marketing, infatti, sono in grado di accontentare tutti: gli editori e le concessionarie hanno l’opportunità di allargare il proprio ambito di azione; le agenzie creative e le aziende possono elaborare operazioni di storytelling emozionanti e coinvolgenti; gli utenti, infine, potranno avere a disposizione contenuti più vicini alle informazioni che cercano», ha concluso Zanaboni.

Can it deliver?

Per rispondere a questa domanda è salita sul palco Jennifer Hubber, ceo Ipsos Italia, che ha presentato una ricerca realizzata con Oxford University e con BCMA, Branded Content Market Association. Lo studio ha dimostrato come il branded content abbia solo pochi secondi per catturare l’attenzione del consumatore. I dati rivelano che la soglia media di attenzione è oggi inferiore ai 7 secondi, contro i 10 secondi del 2000. Nel 75% dei casi le pubblicità su Facebook non vengono viste per più di 3 secondi e ben l’80% degli annunci di YouTube viene saltato. Ma, se si riesce a vincere questa sfida e a entrare in comunicazione con il consumatore, il branded content è in grado di generare un ROI potenziale a due cifre e avere un effetto positivo sul brand. «Le marche esistono nella nostra mente come reticolo complesso di emozioni che ci consentono di prendere decisioni in modo rapido. La maggior parte delle decisioni sono intuitive e prese in frazioni di secondo. I brand devono lavorare sulla salienza a lungo termine e su quella di breve periodo, usando i touch point per costruire rilevanza nel momento esatto della scelta del consumatore. Poi, una volta stabilito quello che una strategia di content marketing deve ottenere è altrettanto importante scegliere la giusta metrica per misurarne i risultati». Qualità, trasparenza, autenticità, creatività e pertinenza dei contenuti possono ridare importanza all’utente/consumatore, portandolo ad avere una relazione positiva con il brand.

I numeri del mercato

Elena Grinta, direttore generale Osservatorio Branded Entertainment, ha illustrato i dati relativi al mercato italiano del branded entertainment, evidenziando come il fatturato di questo settore sia in crescita del 17% rispetto ai 300 milioni del 2016. Nel 2015 valeva 240 milioni, mentre nel 2017 arriverà a toccare i 350 milioni. L’OBE realizza dal 2014 un’indagine sul territorio nazionale con l’obiettivo di descrivere la filiera e i suoi principali attori, raccogliere dati relativamente a strategie, investimenti, propensione all’uso di attività di branded entertainment nel futuro. L’indagine ha coinvolto 69 delle 143 realtà italiane attive nel branded entertainment attraverso interviste Cawi e Cati tra gennaio e febbraio 2016. Il 24% delle aziende intervistate ha creato una unit dedicata al branded entertainment, mentre il 27% ne ha affidato la realizzazione alla direzione creativa, segno dell’importanza assunta da questo tipo di comunicazione. Guardando alle tipologie di progetti realizzati, dominano i video su internet (54,5%), seguiti dalla brand integration (40%) e dalla coproduzione di programmi tv (31%). Gli obiettivi per cui i clienti realizzano questi progetti riguardano al 56% identità e valori di marca, seguiti dalla volontà di realizzare qualcosa di davvero alternativo alla pubblicità classica (51%), dal desiderio di entrare in contatto con i propri clienti (47%), dalla necessità di costruire awareness (44%), dalla voglia di intrattenere il consumatore (35%). Alimentare, Automotive e Tecnologia sono i settori che investono di più in branded entertainment, mentre Beverage e Abbigliamento stanno decelerando. Il 42% degli intervistati sostiene comunque che nei prossimi tre anni i progetti aumenteranno “probabilmente”, mentre il 49% “certamente”.

Parola alla creatività

Successivamente, a proporre i propri punti di vista e la propria esperienza d’eccellenza sono stati  quattro tra i massimi esperti del mondo della creatività italiano: Vicky Gitto, presidente & chief creative officer di Young & Rubicam Italia; Nicola Lampugnani, chief creative officer di TBWA Italia; Giuseppe Mastromatteo, chief creative officer di Ogivily Italia e Luca Scotto Di Carlo, partner & chief creative officer di M&C Saatchi Milan. Dalla tavola rotonda è emerso come la categoria del branded entertainment mutui forme strutturali di comunicazione dal mondo dell’entertainemnt, sbilanciandosi verso un aspetto molto più consumer. Il branded content invece è una forma di comunicazione più ibrida, dove l’advertising si mescola con logiche editoriali. Qualità, autenticità e innovazione sono, oggi più che mai, elementi imprescindibili per stupire gli utenti e coinvolgerli in una relazione empatica con il brand. I creativi hanno sottolineato come una relazione empatica tra agenzia, cliente e consumatore sia imprescindibile nella realizzazione di un progetto efficace, soffermandosi sulla necessità di prendersi dei rischi. Infine, è stato ribadito come la tecnologia non debba essere confusa con l’idea creativa di cui è al servizio.

Now Tv

Alessandro Pastore, content & innovation director di MEC, e Antonella Dominici, head of Now Tv marketing & customer base, hanno poi presentato la case history della internet tv di Sky come esempio del successo di come i dati possano guidare le scelte creative nei territori del content. Attraverso lo strumento proprietario di MEC, Visual Content Insights, sono stati analizzati gli elementi visivi dei contenuti social del brand. Uno stile colorato pop, l’illustrazione grafica, i talent di Sky iconizzati e un linguaggio ironico e real-time hanno alimentato una content strategy per raccontare elementi funzionali ed emozionali, trasformando Now Tv in un provider del divertimento.

Il contributo del contesto di prossimità

Walter Bonanno, direttore generale Gruppo Editoriale Citynews, ha proposto una riflessione su quanto sia importante valorizzare le iniziative di comunicazione in un contesto di prossimità per dare risalto alla relazione con il consumatore. 20 milioni di italiani leggono news online ogni mese e secondo uno studio Nielsen l’86% cerca informazioni legate al territorio e due su tre lo fa tutti i giorni. Sono più donne, concentrate tra i 18 e i 24 anni, abitanti in piccoli centri nel Nord Est e nel Sud del Paese. I lettori di news di prossimità scelgono in maniera forte gli editori e per loro sono meno rilevanti fonti come motori di ricerca e canali social. L’informazione locale acquista valore grazie a redazioni presenti sul territorio che la vivono e la raccontano. La news di prossimità è percepita come molto utile nella vita di tutti i giorni e attendibile. È fonte di condivisione e approfondimento sia di persona sia sul digital. Tema preferito dei lettori di news di prossimità è la cronaca per il 75%. Il 60% legge di eventi, manifestazioni e concerti, il 49% di politica territoriale. Tra gli argomenti da approfondire ci sono invece: i servizi al cittadino, tecnologia, shopping, sport amatoriali e animali domestici. I lettori di news di prossimità sono più sensibili a messaggi pratici di prodotti e offerte. L’impatto dell’advertising nelle news di prossimità è maggiore sotto l’aspetto del drive to store, in particolare dal digital al canale vendita. I lettori di prossimità preferiscono negozi specializzati, commercianti locali e internet. Sono shopper assidui: 3 su 10 acquistano tutti i giorni. Preferiscono i prodotti delle private label, hanno fiducia nelle banche italiane, e credono che la situazione economica migliorerà.

Il rapporto “nativo” tra editoria e contenuto

Rappresentanti di eccellenza del settore dell’editoria hanno dato vita ad una discussione sull’importanza dei contenuti per ovviare il problema della crescente mancanza di fiducia dei lettori: Filippo Arroni, country manager Blasting News Italia, Elia Blei, managing director Vice Media Italia, Andrea Santagata, vice Direttore Generale Periodici Italia Mondadori e Biagio Stasi, chief digital officer Hearst Magazine Italia, si sono confrontati sul rapporto “nativo” tra editoria e contenuto. Una buona operazione native si basa sulla coerenza tra formato, contenuto e contesto. In questo ambito è emersa la necessità di un rapporto di fiducia con il lettore, e la capacità di creare contenuti attorno alle sua passioni. Ben venga, quindi, un’informazione e un intrattenimento verticale, ma declinabile su più mezzi, addirittura a livello globale. È la rilevanza del contenuto ad essere davvero importante e non conta la piattaforma in cui viene trasmesso. Anche se all’editore è affidato l’arduo compito di adattare il contenuto al contesto, sia esso audience o piattaforma. Sono 211 milioni i contenuti prodotti ogni minuto in rete.

Il ruolo della concessionaria

Alberto Chiapponi, direttore crossmedia branded Mediamond, ha condiviso con il pubblico alcune riflessioni su come i brand possano costruire una content strategy di successo. «La concessionaria di oggi ha come necessità di andare molto in profondità nelle esigenze dei brand. Deve costruire un rapporto consulenziale con i clienti e per farlo servono nuove professionalità. La costruzione di un progetto di comunicazione è un percorso di relazione coi clienti che si sviluppa nel lungo periodo. A questo si aggiunge la garanzia di lavorare con un editore che fa della serietà il proprio marchio di fabbrica. Ha esperienza nella creazione e nella diffusione dei contenuti su tutte le piattaforme. La crossmedialità è la capacità di declinare il contenuto su più mezzi e noi ne abbiamo tanti. Oggi nel mondo del branded content dobbiamo elaborarne nuovi kpi che tengano conto sia della capacità di influenzare opinioni sia del comportamento dei relativo ai consumatori.

Francesca Romagnoli, head of operation di Ligatus, e Jean-Philippe Congnet, global head of digital di MSC, hanno parlato del valore dell’autenticità nel native advertising, presentando gli straordinari risultati raggiunti con la case history delle crociere. «Nel 2017 - ha spiegato Romagnoli - il native advertising cresce del 50% yoy. Ed è previsto uno sviluppo double digital per ogni anno successivo. Il mobile ha influenzato questa crescita rispondendo a una maggiore richiesta d’interazione con i contenuti e di integrazione nel look and feel della pagina. Il native porta a un ctr quattro volte superiore rispetto alla display classica. La sinergia tra utenti, publisher e brand produce un circolo virtuoso in cui il comune denominatore è la qualità. Un contenuto di qualità è determinante in qualsiasi tipo di strategia native. Anche il contesto è importante e deve essere allineato al brand. Così come i criteri di misurazione».

Nel futuro del native advertising Ligatus vede una nuova evoluzione degli in-feed formats, il passaggio dalle immagini ai video, e un maggiore focus sullo storytelling.

Content authenticity

Hanno chiuso i lavori della mattina Christina Lundari, general manager di AOL Italy, e Sara Pellachin, partner studio executive di AOL Italy.  Non poteva mancare un riferimento di Lundari alla prossima integrazione di AOL e Yahoo in Outh previsto per il prossimo giugno, ma poi l’intervento si è focalizzato su tecnologia e contenuto. «Metà del nostro mestiere è essere una media company. Insieme alle aziende sviluppiamo contenuti che siano al servizio del brand e dell’utenza. Ma un brand può arrogarsi il diritto di trasformarsi in una media company? - si è chiesta Lundari -. Coltivare una cultura in questa direzione è un’opportunità imperdibile. Il branded content è complementare allo spot tv e ai preroll digitali. Ma per sfruttarne appieno il valore è necessario muoversi dal concetto di “big idea” a quello di “mini idee”, in grado d’intercettare diversi segmenti di pubblico in momenti differenti sui media digitali. Inoltre, dove c’è percezione di qualità la gente è disposta a riconoscere il brand come autore del contenuto. Quando un brand entra nel territorio editoriale deve rispettare le regole. La sfida è riuscire a mettere in fila tutti gli elementi e farli percepire all’utente come credibili. Sfruttando le diverse piattaforme s’intercettano gli utenti aperti alla condivisione. Nelle nostre “mini idee” bisogna saper scegliere i momenti». Il riferimento è alla content authenticity, le regole del contesto in cui il brand si va a inserire».


Tag:

img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: D Sechi - 19/04/2019


Cadbury lancia in UK il nuovo Darkmilk con la firma nostalgica di VCCP

Una nuova barretta di cioccolato, dolcemente al latte, ma senza dimenticare l'amaro del cacao più vero. È il Darkmilk che Cadbury lancia in UK, con una campagna firmata da VCCP che gioca con i ricordi, con la nostalgia e, ovviamente, con l'ironia. Due filmati costruiti attorno ai visi invecchiati di due sex symbol della pop music britannica anni 80: Kim Wilde, subito in auge al principio degli eigthies con "Kids In America", brano più volte richiamato anche nello spot dalla protagonista, ormai divenuta una regina della botanica, e da Jason Donovan, tranquillo signore ripreso all'interno della sua casa, in compagnia di un cagnolino che pare quasi incredulo che il Donovan sia tornato sotto le luci dei riflettori.

LEGGI

Correlati

img
aziende

Autore: Redazione - 19/04/2019


PayClick porta ad AdWorld Experience la case di Optima Italia

Cosa permette di creare un media-mix perfetto, quando si parla di campagne di performance marketing? Questa domanda è stata il punto di partenza dello speech di PayClick allo scorso AdWorld Experience, uno dei maggiori appuntamenti italiani dedicati al mondo del digital adv, PPC e CRO. La società di Luca Formicola, acquisita da Cerved dal 2016 e oggi parte attiva del progetto Cerved ON_ Marketing Services, ha portato alla convention la propria esperienza nella gestione di campagne a performance, partendo proprio dal concetto di big data in senso deterministico, ossia un dato preciso, esclusivo e altamente profilabile, contrapposto ai più comuni dati probabilistici e statistici. Controllo dell’investimento “Realizziamo campagne digitali per clienti nazionali e internazionali dal 2006 – spiega Valeria Ausiello, Sales Manager di PayClick, nonché speaker dell’evento – i vantaggi del performance marketing per il cliente sono molteplici: in primis, efficienza diretta in tutte le azioni online con una conversione istantanea, possibilità di ottimizzare canali e audience in maniera rapida e continuativa, oltre alla massima trasparenza in termini di Cost Per Action e ROI, dato che la pianificazione programmata e puntuale delle attività permette un controllo dell’investimento in tempo reale”.  Optima strategia Intercettare i bisogni degli utenti nel momento ideale e attraverso il canale più adeguato è, quindi, la base della strategia customizzata per ogni utente: un media mix ad hoc, che tenga conto delle peculiarità di ogni industry. Un esempio concreto è la case presentata alla kermesse: quella di Optima Italia, multiutility italiana leader per l'offerta integrata B2B e B2C di Energia e Telecomunicazioni, per la quale l’agenzia ha strutturato una strategia efficace, proprio grazie alla scelta del corretto mix di canali e leve.

LEGGI
img
aziende

Autore: S Antonini - 19/04/2019


Mediaset: obiettivo raccolta in linea nel primo semestre 2019 al netto delle discontinuità nel palinsesto

Senza Serie A, Mondiali e Champions League i palinsesti di Mediaset puntano su autoproduzioni originali, cinema e serie, e anche le stime di raccolta pubblicitaria si adeguano a fronte di perimetri disomogenei tra l’anno scorso e quest’anno. Pier Silvio Berlusconi lo ha ricordato ieri a margine della assemblea degli azionisti per l’approvazione del bilancio 2018: «Il mercato è tosto, la visibilità è poca e su tutto pesano la situazione economico-politica e le imminenti elezioni europee. Con un’offerta molto diversa rispetto al 2018 noi facciamo del nostro meglio, speriamo di chiudere il semestre in pari». In effetti, nel primo bimestre di quest’anno i ricavi advertising di Mediaset sono scesi del 4,2% rispetto al primo bimestre 2018, a fronte di un calo complessivo del 3,6% nel settore televisivo. Spiega Stefano Sala, amministratore delegato di Publitalia: «Siamo in linea con il mercato e comunque scontiamo la mancanza del calcio che per noi rappresenta una “zavorra” mensile del -3% o -4%. Inoltre marzo, aprile e maggio sono mesi in cui la Champions pesa di più: ma non l’abbiamo». La concessionaria di Mediaset ha già annunciato che, senza il calcio, quest’anno vengono a mancare 70 milioni di euro alla raccolta (vedere DailyMedia del 7 marzo scorso). Nel 2018 il ridimensionamento è stato di 35 milioni, a seguito della chiusura in agosto delle attività pay sempre legate al calcio, e nonostante questo Publitalia ha registrato a fine anno uno scarto positivo dello 0,8% sul 2017. L’obiettivo quindi è «chiudere il primo semestre in linea, tolte le discontinuità» conclude Sala.  La tv paneuropea «Noi andiamo avanti con le nostre forze» ha ribadito Berlusconi in merito alla vicenda Vivendi, e a proposito del potenziale interesse dei francesi nella creazione di un broadcaster paneuropeo ha detto: «è un progetto di cui Mediaset è il motore e Vivendi non ha alcun ruolo. Attualmente è tutto da costruire: come ho già detto dobbiamo trovare un modello industriale che funzioni». Non c’è alcuna indicazione sulla forma da dare all’alleanza tra broadcaster, a cui potrebbero partecipare operatori come Mediaset España, ProSieben, Channel 4 e Tf1: «Stiamo lavorando per trovare una quadra, ancora non sappiamo come e con chi farlo» e ha indicato luglio come una possibile scadenza per una decisione. E ancora, relativamente al contenzioso con il gruppo guidato da Vincent Bolloré, l’amministratore delegato di Mediaset ha ribadito quanto affermato dalla sorella Marina Berlusconi il giorno precedente a margine dell’assemblea Mondadori, ossia che la questione è in mano agli avvocati e non ci sono novità. Per quanto riguarda il ritorno di una offerta calcio, Pier Silvio Berlusconi ha ribadito che Mediaset ha «un approccio opportunistico, ogni ipotesi deve avere un senso economico»; mentre il passaggio dell’offerta ex Premium sull’online è subordinato alla quantità di abbonati tutt’ora attivi. Tra le ultime novità, l’accordo con TIM Vision per la ritrasmissione dei canali free.  L’offerta commerciale di giugno Nel frattempo Publitalia ha presentato l’offerta commerciale relativa al mese di giugno, che tiene conto di una offerta editoriale tutta costruita sulla produzione originale Mediaset e sulla library di film e serie tv. In particolare, su Canale 5 ci saranno cinque prime serate a settimana e il preserale tutti autoprodotti, su Rete 4 raddoppiano le autoproduzioni delle news e dell’infotainment, mentre Italia 1 punta su cinema e serie per il target giovane. L’offerta dal 2 giugno al 6 luglio, articolata in due listini da tre e due settimane, non è confrontabile con l’anno scorso, quando Mediaset ha mandato in onda integralmente il Mondiali di calcio.  Nella settimana a cavallo tra giugno è luglio è prevista una promozione del 10%.  Approvato il bilancio 2018 L’assemblea degli azionisti di Mediaset ha approvato ieri il bilancio 2018 che ha registrato ricavi consolidati netti per 3.401,5 milioni di euro (3.550,1 milioni nel 2017) con un risultato netto di Gruppo in forte crescita a 471,3 milioni di euro rispetto ai 90,5 milioni del 2017. A proposito del progetto di un broadcaster paneuropeo il presidente Fedele Confalonieri ha commentato: «Prospettive di questa portata coinvolgono tutto il sistema: imprese, interlocutori politici e istituzionali». Confalonieri ha sottolineato la necessità di rivedere la legislazione e le norme antitrust relative alla creazione di grandi complessi industriali, che ne ostacolano la formazione. «Peraltro il livello di intervento antitrust non può che essere continentale: siamo alle prese con fenomeni giganteschi, pensiamo a Facebook che acquisisce Whatsapp e Instagram, e creano aggregazioni di miliardi di utenti. Tutelare la concorrenza non è più controllare con il bilancino la dimensioni delle imprese, ma dovrebbe sempre più riguardare i comportamenti concorrenziali delle imprese». L’assemblea ha anche deliberato di riportare l’utile a nuovo per rendere più solida la struttura del Gruppo, e avere risorse per cogliere le opportunità di mercato in ambito internazionale. Il CdA si riserva di esaminare nuovamente la decisione nel consiglio del 25 luglio 2019. Se il CdA valutasse di distribuire dividenti attingendo alle risorse disponibili, sottoporrà la proposta a un’eventuale nuova assemblea. 

LEGGI
img
aziende

Autore: Redazione - 18/04/2019


Grey Goose Vodka lancia Live Victoriously con due nuove agency: MullenLove U.S. e Publicis Sapient

Grey Goose Vodka lancia la sua nuova brand platform globale, Live Victoriously. L’ethos alla base della piattaforma è la risposta ai consumatori che ricercano marchi di lusso più autentici con cui relazionarsi: la realizzazione personale, infatti, non si ottiene semplicemente impressionando gli altri, ma celebrando i momenti che contano per ciascuno di noi - grandi e piccoli che siano. Nuovo sito e campagna a supporto La nuova brand platform globale sarà supportata olisticamente da una suite di risorse creative integrate, pensate per creare legami emotivi con i consumatori. Nel frattempo, il marchio rilancia anche il suo ecosistema digital e social a livello globale, trasformando www.GreyGoose.com in un sito web immersive e interattivo, arricchito con nuovi contenuti personalizzati. Il portale sarà lanciato anche in Italia questa estate insieme a una campagna social e digital dedicata ai messaggi di Live Victoriusly. Inoltre, l’introduzione della piattaforma Live Victoriously sarà supportata da esclusive media partnership, come il Guardian in UK, e con content hubs internazionali come Hulu, Spotify, The Skimm e HypeBeast. In Italia, durante l’estate, Live Victoriously prenderà vita con un tour dedicato nelle principali città e località turistiche, per coinvolgere e festeggiare con i clienti i piccoli e i grandi momenti di ciascuno. [fbvideo id=394184757980110] Le agenzie coinvolte MullenLowe U.S. è diventata la nuova agenzia creativa e ha curato il lancio della piattaforma Live Victoriously. Oltre a MullenLowe, l’azienda ha nominato coinvolto Publicis Sapient per la strategia digital e social globale, e per guidare la trasformazione digitale del brand business.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy