ABBONATI

Facebook, 50 milioni a editori e celebrities per usare Live

Autore: G Broggi


Il social punta sul video e sullo streaming. Sono 140 le realtà coinvolte: BuzzFeed la più pagata

Facebook ha siglato contratti con 140 tra media company e celebrities per la creazione di video da veicolare attraverso il suo servizio Live. Una mossa, peraltro già emersa, che fa comprendere come anche in questo segmento il social faccia davvero sul serio: forte di oltre 1,6 miliardi di utenti al mese, la piattaforma potrebbe presto trovare il modo per monetizzare il video live streaming . La cifra sborsata per tutti gli accordi si aggira intorno ai 50 milioni di dollari, riporta il Wall Street Journal. Tra i partner: CNN, New York Times, Vox Media, Tastemade, Mashable, Huffington Post e BuzzFeed per quanto riguarda i brand editoriali; Kevin Hart, Gordon Ramsay, Deepak Chopra e il quarterback Russell Wilson sul fronte delle celebrities. Le intese rappresentano un modo per incoraggiare i publisher a produrre video di alta qualità nell’attesa di trovare una soluzione economica che soddisfi i content creator. Banalmente questa potrebbe essere la condivisione delle entrate pubblicitarie. L’entità dei contratti è variabile ma l’editore più pagato è BuzzFeed, cui Facebook ha dato oltre 3 milioni per un periodo che va da marzo 2016 allo stesso mese dell'anno successivo.

Facebook e la centralità del video

Non è un mistero né una novità che Facebook è fortemente focalizzato sul video: ogni giorno sulla piattaforma vengono fruite 100 milioni di ore di filmati. Nicola Mendelsohn, vp Emea del social, ha detto qualche giorno fa che gli elementi testuali e fotografici sono destinati a sparire dalla timeline di Facebook per lasciare spazio ai video. Zuckerberg, invece, punta forte sul Live Streaming come strumento di engagement e, perché no, come fonte di ulteriori revenue. In questo campo Facebook è arrivata in ritardo ma la sua dimensione dovrebbe aiutare a colmare il gap accumulato. Se non è già così.

img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 25/03/2021


Diesel lancia la nuova collezione celebrativa con una campagna irriverente online

Diesel lancia una collezione che potrebbe essere definita enciclopedica, riassuntiva, ma anche celebrativa, che unisce passato e presente. Un marchio che ha sempre fatto dell’irriverenza la sua cifra stilistica. Il denim è il suo motore nonché il pilastro della moda globale. Che si tratti di sovversione, ironia o talvolta audacia assoluta, c'è sempre qualcosa in più da dire di un capo Diesel. Ci sono connessioni con una specifica epoca, e ci sono riflessioni sul momento. Guardando da vicino le collezioni Diesel, si può trovare questo approccio ovunque. Con questo in mente, il fondatore del sogno Diesel, Renzo Rosso, ha creato una capsule con tanti elementi diversi, una collezione che rievoca e celebra i pezzi Diesel vintage aggiornandoli al 2021, un anno in cui il mondo sembra profondamente diverso da come era negli anni 80. L’ha chiamata Diesel x Diesel. Per celebrare questa collezione, è stata lanciata una nuova campagna. Si chiama "Fake Smiles", e la frase ha più a che fare con l'esagerazione che con l’artificio. Partendo dal mantra Diesel del "For Successful Living", "Fake Smiles" parla della nostra costante ricerca della felicità. Le immagini della campagna presentano soggetti in scenari ordinari quotidiani, tutti mascherati con espressioni estremamente gioiose, immagini surreali che evocano un senso di nostalgia e catturano lo spirito dei decenni che hanno ispirato questa collezione.  L’attività viene pianificata sui social media, su YouTube e in rete in generale. Nel piano sono incluse Snapchat, Tik Tok, Facebook e Instagram.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy