home AGENZIE TIM: definitiva la vittoria di Havas Media nella gara da 75 mln
Stefano Spadini
0

TIM: definitiva la vittoria di Havas Media nella gara da 75 mln

A breve l’ufficializzazione dell’incarico per la centrale guidata da Stefano Spadini, che subentra a Maxus al termine del pitch cui hanno partecipato anche OMG e Dentsu Aegis Network. Domenica primo spot del format “ballo”

Alla fine, la notizia sta per diventare ufficiale, con la nota emessa da Telecom Italia attesa a ore. E la notizia è che Havas Media è diventata la nuova centrale di TIM. Un budget di 75 milioni di euro annui che la struttura guidata da Stefano Spadini ha in realtà già iniziato a gestire da inizio anno, avendo ottenuto l’incarico al termine di un lungo processo di selezione che, oltre all’uscente Maxus, ha visti coinvolti anche OMG e Dentsu Aegis Network.

Il cambio di partner per il planning avviene dopo 9 anni di rapporto con la sigla di GroupM e – anche se è inevitabile pensare al fatto che Vincent Bolloré, con Vivendi, controlla Havas Group e, di fatto, con il 24%, anche l’operatore italiano di tlc – al termine di un processo di valutazione in cui Havas Media avrebbe prevalso per la miglior offerta sia sul fronte tecnico che su quello economico. I vantaggi per Telecom Italia in termini di ottimizzazione deriveranno anche dalle sinergie con Havas Milan che, notoriamente, si occupa della creatività di TIM.

A questo proposito, c’è da segnalare che già per domenica prossima è atteso l’on air, in tv e su altri mezzi, della prima campagna commerciale del nuovo format ideato appunto dall’agenzia guidata da Dario Mezzano legato al ballo che ha fatto il proprio esordio lo scorso 26 dicembre in tv con lo spot istituzionale caratterizzato dal claim “E’ bello avere tutto” e da una sequenza travolgente di persone che danzano insieme a Just Some Motion, il ballerino tedesco star del web con oltre 35 milioni di visualizzazioni, sulle note del neoswing di “All Night” di Parov Stelar. La regia è sempre di Matthaus Bussman, così come la produzione di Nonpanic e il mix audio di Ferdinando Arnò.