home AZIENDE Teads, outstream è nuova inventory di qualità
Dario Caiazzo
0

Teads, outstream è nuova inventory di qualità

Il managing director Dario Caiazzo discute dell’offerta della società francese, che ha inventato l’inRead, e commenta l’andamento del mercato

C’era anche Dario Caiazzo, fresco managing director di Teads, ieri all’incontro “Internet Media: il dato è tratto”. DailyNet lo ha incontrato per scambiare alcune interessanti riflessioni sul video oustream, il segmento del momento che la società sostiene di aver inventato creando il formato inRead.

Si è parlato del dominio dei grandi player nel digital advertising, ma il mercato presenta buone opportunità per il video. In che posizione vi trovate nei loro confronti?

Il loro modo di approcciare è diverso dal nostro. Ad esempio alcuni utilizzano formati in stream, che sicuramente presentano alcuni vantaggi, ma la nostra proposta punta a creare inventory dove non ce ne sono. E in più sono inventory premium. I nostri formati si collocano all’interno dei contenuti proposti dai publisher creando nuovi spazi pubblicitari all’interno del loro ambiente editoriale. Questo avviene grazie ai nostri formati inRead, utili anche a risolvere alcune sfide del video digitale come, ad esempio, la viewability. Massimizziamo gli investimenti dei nostri clienti garantendogli la visibilità, bloccando dunque l’inserzione quando questa rimane fuori dalla schermata.

Le proiezioni di crescita del digital advertising sono positive. Il mercato raggiungerà davvero il valore di 2,4 miliardi di euro per la fine dell’anno?

L’Italia resta un Paese tv-centrico. Raggiungere quel valore sarebbe davvero un grande stimolo per il mercato, e il traino saranno i millennials, che guadagnano sempre più potere d’acquisto. Certo, bisognerà essere capaci di raggiungerli. E per farlo ci vuole una svolta a livello creativo. I contenuti video diretti al mobile devono essere creati ad hoc. Snapchat funziona molto bene su questo target, all’estero per ora più che in Italia, e questa applicazione ha prodotto evidenze concrete riguardo all’efficacia dei video in formato verticale. È necessario che la faccia creativa dell’advertising rimanga aggiornata per catturare la loro attenzione.