home Tag "YouTube"

Durante la scorsa settimana la piattaforma di YouTube dedicata ai più piccoli, YouTube Kids, è stata al centro delle cronache per via della circolazione di video inappropriati e inquietanti rivolti ai bambini piccoli che usavano parole chiave e personaggi popolari per i bambini per eludere gli strumenti di controllo del sito. Nuovi filtri Nel frattempo, YouTube ha annunciato la messa a punto di un nuovo processo restrittivo, per arginare ulteriormente la circolazione di questi video nell’app principale di YouTube a partire dalle restizioni per età. Su Youtube Kids, invece, i contenuti vietati ai minori sono automaticamente vietati. Tuttavia, la nuova policy, consentendo agli utenti di contrassegnare questo tipo di contenuti inappropriati nell’applicazione principale, ha implicazioni anche per l’applicazione Kids. Infatti, la piattaforma ha confermato che i contenuti caricati nell’app principale non vanno automaticamente nell’applicazione Kids ma che ci vogliono diversi giorni per farli approdare anche lì. La nuova politica dovrebbe, dunque, aggiungere un ulteriore livello di protezione oltre ai filtri già esistenti. Maggiori garanzie YouTube ha precisato che il cambiamento non nasce in diretta risposta alla recente vicenda, ma che aveva formulato questa nuova politica già da po’ di tempo. Una cosa è chiara, YouTube Kids ha bisogno di molte più garanzie rispetto alla normale app YouTube per proteggere i bambini e filtrare in maniera efficace tutti i contenuti inadatti.

Redazione
La nuova policy sarà attiva sulla piattaforma principale, ma aggiunge un ulteriore filtro anche per ciò che passa sul canale YouTube Kids dove di recente sono circolati filmati inappropriati anche camuffati da cartoni animati

I video inappropriati circolano anche su YouTube Kids

Redazione
Il sistema di controllo della piattaforma video di Google ha dimostrato ancora una volta di non riuscire a contenere del tutto i player fraudolenti, persino nella versione del servizio dedicata ai più piccini, scatenando le ire dei genitori

Affaire YouTube: una ricerca spiega come ha inciso sulla digital ad spending di P&G

Redazione
Secondo un recente report di MediaRadar, tra gennaio e agosto 2017, l’azienda ha pubblicato il 20% in meno di annunci pubblicitari web rispetto all’anno precedente

Mediaset, Rai e Discovery a confronto sulle nuove strategie in tema di video on demand

Redazione
Confindustria RadioTv e IULM indagano su usability e user experience delle piattaforme web dei principali operatori televisivi del mercato italiano; presentata, ieri, una ricerca inedita a Milano

Google rilascia una ricerca sulla viewability dei video ads e alcuni aggiornamenti su Active View

Redazione
A livello globale il 95% degli annunci video su YouTube sono visti e uditi. E uno su tre dei grandi inserzionisti, ha adottato i bumper ads per potenziare il messaggio