home SOCIAL Facebook e le PMI: «Puntare sulla formazione e sulle logiche del mobile»
Francesca Mambretti
0

Facebook e le PMI: «Puntare sulla formazione e sulle logiche del mobile»

Francesca Mambretti, SMB Lead – Italy at Facebook, illustra a DailyNet l’impegno del social – e della sua family of apps – nel supportare questa tipologia di società. Con una bella case: Fratelli Saraceni

Le PMI sono il tessuto dell’economia italiana e dal 2015 Cerved ha rilevato una ripresa numerica delle società di questa tipologia. Un’inversione di rotta, dopo anni di crisi, che proietta le PMI in un mondo totalmente nuovo, caratterizzato da innovazioni tecnologiche e dalla richiesta di competenze sempre più digitali. Un tema che è stato al centro del Forum dell’Economia Digitale, organizzato settimana scorsa da Facebook Italia e Giovani Imprenditori Confindustria. A margine dello stesso, DailyNet ha incontrato Francesca Mambretti, SMB Lead – Italy at Facebook, per fare il punto sull’impegno del social in materia.

Family of apps

«In questi anni abbiamo visto una crescita esponenziale del numero di PMI presenti sulla piattaforma: stiamo parlando di circa 80 milioni di Pagine Business nel mondo, ossia di società che utilizzano la nostra “family of apps” (Facebook, Instagram, Messenger e WhatsApp, ndr). Le nostre piattaforme vengono usate come biglietto da visita online, sono gratuite e hanno una forte potenzialità mobile», dichiara Francesca Mambretti. Il processo per creare una pagina Facebook è lo stesso sia per una grande azienda, sia per una piccola attività: «Non c’è alcuna barriera d’accesso, mentre altre operazioni per rafforzare la presenza in rete, come per esempio la creazione di un sito, hanno dei costi», prosegue.

Fari puntati sulla formazione

In questo contesto, Facebook punta ad aiutare le imprese a sviluppare le skills più adatte per controllare e gestire la propria presenza sul social e sui relativi asset. «Per questo abbiamo strutturato un’offerta formativa per supportare i nostri interlocutori, il cui desiderio principale è quello di attrarre nuovi clienti. E questo vale sia per le operazioni organiche sia per quelle sostenute da investimenti pubblicitari». Francesca Mambretti è fortemente convinta che il plus, nell’attuale panorama, sia rappresentato dal mobile, un media dove Facebook (e la sua family of apps) è molto forte. La formazione di Facebook varia per grado, si parte da elementi base come la creazione di una pagina Facebook, fino all’implementazione di strumenti più complessi. Anche le modalità variano: chi lo desidera può accedere a corsi online attraverso il portale Blueprint, mentre il social organizza periodicamente, e in diverse zone dello Stivale, incontri sul campo. E, ora, dall’educazione sui propri strumenti Facebook è impegnata a sostenere lo sviluppo di digital skills. È il caso dell’iniziativa #SheMeansBusiness, lanciata anche in Italia insieme a Fondazione Mondo Digitale e volta a formare circa 3.500 imprenditrici.

 

Fratelli Saraceni

Tra gli esempi virtuosi di utilizzo delle piattaforme di Facebook citati da Francesca Mambretti, figura la società toscana Fratelli Saraceni. Il marchio Saraceni Wines nasce nel 2012 da un’idea di due giovani fratelli imprenditori, che hanno deciso di sperimentare «un’idea inedita di impresa in un settore iper-competitivo, quello del vino, scegliendo di lavorare sulla sperimentazione e sul proporre il prodotto a un target diverso, anche non amante dello stesso», ci spiegano. Saraceni Wines commercializza anche vini blu, come si può vedere dal profilo Instagram e dalla foto qui sopra. «Abbiamo anche provato a saltare gli importatori andando a parlare al target dei consumatori, e oggi la vendita diretta rappresenta la gran parte del business». Saraceni Wines ha poi approcciato il mercato b2b. La società è cresciuta tantissimo attraverso Facebook e Instagram, «usati non solo in logica di awareness, ma per la vendita». Tra gli strumenti più usati da Saraceni Wines, ci sono Carousel e Video, mentre l’azienda mira ad ampliare lo sfruttamento delle opportunità delle Stories.

Alcuni numeri

Grazie al Pixel di Facebook, alle opzioni di targetizzazione (in particolare Pubblico personalizzato e Pubblico simile) e alla diffusione di video e foto del mondo Saraceni, l’azienda ha venduto più di 300.000 bottiglie in tutto il mondo e aumentato le vendite del 400% in soli due anni.

4X di incremento delle vendite in due anni.

Più di 300.000 bottiglie vendute in tutto il mondo.

Apertura di una sede commerciale in USA.

Più del 90% di vendite realizzate all’estero.

Più di 3.000.000 di potenziali clienti raggiunti nell’ultimo anno.

Le particolari caratteristiche, il packaging ed il gusto dei prodotti ispirano poi le persone a condividere e dare sfogo alla propria originalità mostrando i propri “Saraceni Moments” da tutte le latitudini.