home PROGRAMMATIC Rocket Fuel potenzia l’offerta native grazie a inventory di qualità e predictive marketing
0

Rocket Fuel potenzia l’offerta native grazie a inventory di qualità e predictive marketing

Attraverso le partnership con DoubleClick Ad Exchange, Nativo Open, PubNative, Sharethrough e TripleLift e la sua tecnologia di Artificial Intelligence, la società permette ai clienti di raggiungere le audience di riferimento quando sono più ricettive
Di Carlo Marrone

Rocket Fuel ha annunciato l’estensione della sua proposta legata al native advertising, concepita per aiutare agenzie e brand a ottimizzare le campagne di digital marketing. Attraverso le partnership esistenti con supplier come DoubleClick Ad Exchange, Nativo Open, PubNative, Sharethrough e TripleLift, Rocket Fuel è ora in grado di consegnare un accesso senza soluzione di continuità alle inventory native di alta qualità, permettendo, così, ai suoi clienti di raggiungere le proprie audience di riferimento nel momento in cui sono al massimo della ricettività. “Agenzie e brand lottano per anticipare i bisogni dei consumatori e consegnare un’esperienza autentica e rilevante agli utenti, e quindi abbiamo pensato che sarebbe stato utile offrire ai nostri clienti uno strumento che riuscisse a trasformare il native in un’estensione delle loro campagne già esistenti – commenta John Genna, Vice President of Product Marketing di Rocket Fuel – . Da noi, il native è semplice, scalabile; e ha un effetto molto forte quando si tratta di rendere ancora più efficace la nostra piattaforma di predictive marketing e la qualità delle inventory dei nostri partner”.

La richiesta aumenta

La richiesta di native advertising sta crescendo velocemente e BI Intelligence prevede che, entro il 2021, il 74% del totale delle revenue display negli Usa passerà da questi formati. Rocket Fuel sta affrontando questo bisogno integrando la sua piattaforma di predictive marketing all’interno dei suoi supplier partner per il native, per consentire l’accesso alle migliori inventory relative all’in-feed e ai recommendation widget. Questa tecnologia permette ai marketer di farsi largo tra la folla di ads e catturare l’attenzione dei consumatori su diverse destinazioni e device nel momento in cui questi prestano maggiore attenzione.

L’evoluzione

“Grazie all’integrazione nel TripleLift Native Exchange, i clienti di Rocket Fuel possono accedere a oltre 30 miliardi di in-feed native ads mensili su centinaia tra i migliori publisher del mondo. La piattaforma basata sull’AI di Rocket Fuel è capace di identificare il momento opportuno per effettuare il bid sulle inventory native, e combinata con la grande efficacia del native rappresenta l’evoluzione del programmatic”, spiega Ari Lewine, Co-Founder e Chief Strategy Officer di TripleLift. “Siamo contenti di dare agli advertiser operativi sulla piattaforma di Rocket Fuel la possibilità di associare il sofisticato utilizzo dei dati real time con lo strumento di performance sugli oltre 1200 siti e app che fanno parte dello Sharethrough Exchange”, dichiara Alex White, Vice President Product Marketing di Sharethrough. Attualmente l’offerta Rocket Fuel Native è in open beta per i clienti che hanno intenzione di aggiungere contenuti coinvolgenti e di rilevanza contestuale alle loro campagne.