home MERCATO Next 14 ha completato la trasformazione in SpA
0

Next 14 ha completato la trasformazione in SpA

L’azienda, che lo scorso aprile ha ricevuto capitali per 4,5 milioni di euro, conferma il target di revenue 2016 a quota 10 milioni e accoglie nel board Del Rio e Scotti

Dopo aver annunciato, ad aprile, il closing del suo primo round di funding con 4,5 milioni investiti nell’azienda da parte di investitori privati, Next 14 comunica che l’assemblea degli azionisti ha approvato la trasformazione in società per azioni e nominato il nuovo consiglio di amministrazione, in carica per il prossimo triennio.

 

Entrano nel board Mauro Del Rio e Alfredo Scotti
Ai fondatori Marco Ferrari (presidente), Marco Franciosa e Matteo Scortegagna si affiancano nel board Mauro Del Rio e Alfredo Scotti. Del Rio, fondatore del Gruppo Buongiorno e attuale Presidente dopo l’acquisizione della digital company da parte di NTT Docomo nel 2012, è una delle personalità più note del mondo digital italiano. Alfredo Scotti, fondatore e già Presidente del quotidiano online Linkiesta.it, in passato Chairman del colosso assicurativo Aon, ha maturato lunga e significativa esperienza come consigliere indipendente in numerose realtà quotate e non (tra cui Impregilo, Credito Lombardo Veneto, Recordati e Maffei).

 

Confermato l’obiettivo di 10 milioni di revenue per il 2016
Next 14 opera da due anni nell’emergente mercato del data-driven marketing & advertising, attraverso aziende verticali e specializzate nei settori sottoposti ai rapidi cambiamenti che l’impatto dei processi di automazione (Programmatic Advertising), dello sfruttamento dei dati (Big Data Management) e dei contenuti (Branded Content) sta portando nel modo di impostare e pianificare le iniziative di comunicazione da parte delle aziende. E si è dimostrata una delle start-up italiane a più alto tasso di crescita nel comparto digitale, con un fatturato di oltre 5 milioni registrato nel corso del 2015, con un incremento del 200% rispetto al 2014. Mentre le previsioni confermano una quota superiore ai 10 milioni di ricavi per quanto riguarda il 2016.