home MERCATO Twitter e Snap, l’anno comincia in modo opposto
0

Twitter e Snap, l’anno comincia in modo opposto

Per la prima stime positive da parte di Bank of America Merrill Lynch, la seconda scende in Borsa dopo i giudizi di Jefferies Group

L’inizio dell’anno è tempo di bilanci, ma anche di stime per il futuro. Lo sanno bene le società quotate in questi giorni oggetto dei giudizi degli analisti, con sorti alterne.

Twitter

Twitter, per esempio, ha guadagnato circa il 2% nelle contrattazioni a Wall Street nella mattinata di ieri grazie a previsioni positive da parte di Bank of America Merrill Lynch. Il giudizio cita un aumento dell’utilizzo della piattaforma da parte dei giovani e un incremento dell’engagement degli user. Bank of America Merrill Lynch ha alzato il target per le azioni da 31 a 39 dollari mentre il giudizio è passato da “neutrale” a “compra”. “Il tasso di abbandono rimane elevato, ma il miglioramento delle metriche per il target demografico 18-29 suggerisce che gli utenti più giovani si stanno rivolgendo a Twitter – ha detto la banca in una nota inviata ai clienti, citando un sondaggio tra gli utenti dei social media -. Il 9% degli utenti ha dichiarato di aver pianificato di utilizzare Twitter con maggior dedizione l’anno prossimo, rispetto al 6% del nostro sondaggio relativo al Q2″. Oggi Twitter registra tempi di fruizione significativamente più bassi di quelli di Facebook, ma, secondo Bank of America Merrill Linch, la piattaforma dell’uccellino potrebbe incrementare il ricavo medio per utente, avvicinandosi progressivamente ai livelli del rivale.

Snap e le altre piattaforme

Chi invece se la passa peggio è Snap, che mercoledì scorso ha perso quota sui listini finanziari statunitensi. Il motivo? Jefferies Group ha abbassato le stime, tagliando il target per il prezzo delle azioni da 8 a 9 dollari. Nella  stessa giornata Snap ha lasciato per strada il 5,5%, bruciando parzialmente  quanto di buono fatto nelle tre sedute precedenti. Ai livelli attuali, segnala Bloomberg, il titolo di Snap vale il 70% in meno rispetto a febbraio dell’anno scorso. Al contrario di Bank of America Merrill Linch, Jefferies ha abbassato le stime per Twitter e per Facebook. “Stiamo abbassando le stime per ogni piattaforma in un contesto in cui sono impegnate in iniziative per aumentare la loro sicurezza”, ha scritto l’analista Brent Thill.