home MERCATO Per Italiaonline non solo IOL Advertising, curerà anche la raccolta di Fattore Mamma e 3bMeteo
0

Per Italiaonline non solo IOL Advertising, curerà anche la raccolta di Fattore Mamma e 3bMeteo

Nel corso di una serata esclusiva a Milano l’azienda ha anticipato anche il restyling di alcuni dei suoi verticali e di Libero Mail, oltre al varo di nuovi strumenti pubblicitari

Prodotto, qualità, innovazione. È questo il marchio di fabbrica di Italiaonline, l’internet company tricolore che può vantare numeri incredibili: 17 milioni di utenti mensili, con il 57% di market reach, 4,5 milioni a livello giornaliero, di cui 2,4 milioni da mobile per un tempo speso di 11 minuti e 32 secondi, una inventory di 4 miliardi di impression per due miliardi di pagine viste sempre su base mensile. E ben 10 milioni di accessi su Libero Mail nel corso degli ultimi 90 giorni. A fornire i dati è stato Domenico Pascuzzi, nel corso di una esclusiva serata presso i Bagni Misteriosi a Milano lunedì scorso cui hanno presenziato i vertici aziendali. L’head of marketing e advertising della società non ha snocciolato solo numeri, ma ha anche evidenziato l’approccio fortemente user-centrico di Italiaonline, che dopo l’accordo con Lettera 43 per la raccolta pubblicitaria, ha svelato l’ingresso di due nuovi siti nel suo portafoglio, Fattore Mamma e soprattutto 3bMeteo. Le novità sono state ufficializzate in occasione dello svelamento della nuova concessionaria nazionale, IOL Advertising, come riportato da DailyNet di ieri.

L’offerta pubblicitaria di Italiaonline

«Italiaonline offre una advertising experience coerente con il contesto editoriale», ha spiegato Pascuzzi, sottolineando la forte attenzione verso i temi della brand safety e della viewability. Oggi l’inventario di Italiaonline è disponibile su base dato, grazie ai dati di prima parte arricchiti dalla DMP proprietaria. «Il targeting è uno strumento che usiamo con l’obiettivo di andare incontro alle esigenze degli utenti», ha spiegato. Non solo, da qualche mese, forte del suo spirito innovativo, Italiaonline ha cominciato a usare l’header bidding, tra le tecniche più chiacchierate e in voga nel programmatic selling. Machine learning e profilazione in real time sono altre leve sfruttate dalla concessionaria per elevare la qualità della pianificazione dei clienti.

Le ultime novità

Nel corso dell’incontro, Pascuzzi ha anche anticipato i restyling di alcune properties verticali previsti per la fine dell’estate, con l’obiettivo di favorire l’esperienza utente e quella degli inserzionisti. Tra tutti la nuova Libero Mail, che vuole diventare un ecosistema di servizi sulla scia del modello del personal cloud. Rinnovato sia sul back-end sia per quanto riguarda le funzionalità, il tool vede l’aggiunta di nuovi widget personali, su cui potrebbe arrivare la pubblicità, e di inedite soluzioni di comunicazione impattanti sia native sia display.

Il mondo dei contenuti targati Italiaonline sviluppa un’audience di 6 milioni di utenti al mese. In questo caso la company prevede di lanciare il restyling di DiLei, Virgilio Motori, QuiFinanza e SiViaggia. Comune denominatore di tali operazioni è la semplificazione della navigazione, oltra al focus sugli speciali tematici e sul video. La società è pronta a varare anche tre nuovi formati promozionali: interstitial cross-screen; brandheader; e storyboard.

Prima di lasciare la parola a Massimo Crotti, national sales director della business unit Large Account, Pascuzzi ha posto l’attenzione su uno degli argomenti più discussi nel mondo dell’internet advertising, quello della trasparenza. «Il tema non sta a cuore solo agli inserzionisti, ma anche agli editori come noi», ha detto specificando come ciò impatti trasversalmente sulle diverse funzioni aziendali. «La trasparenza viene prima di tutto: le url pianificabili sono disponibili sul nostro sito», ha concluso.

Un nuovo inizio

«Un nuovo inizio». Così ha definito il lancio di IOL Advertising, Massimo Crotti. «Le concessionarie capaci di innovare devono sapersi reinventare e ogni anno rappresenta un nuovo inizio». La tesi del manager è che sul fronte dell’offerta sono emerse due categorie che sembrano strutturate per sopravvivere nel lungo periodo, i big size player e i super-verticali. Questo perché il mercato chiede l’opportunità di fare business con soggetti che possono vantare una grande audience, qualità, e contenuti safe e innovativi dal punto di vista tecnologico. Tutte caratteristiche incarnate da IOL Advertising, che ha costruito la sua filosofia operativa «sulla centralità del cliente», un tema legato allo sviluppo della capacità d’ascolto, di progettualità, leadership e proattività. «All’interno di un settore ormai liquido e frammentato, il ruolo della concessionaria è cambiato», ha aggiunto in conclusione Andrea Chiapponi, chief commercial officer Large Account, prima del party a bordo piscina, con un ospite davvero speciale, Nina Zilli, che ha intrattenuto gli ospiti con la sua voce.