home MERCATO comScore fornisce una fotografia del settore internet in Italia
0

comScore fornisce una fotografia del settore internet in Italia

È di 2,3 ore al giorno il tempo trascorso online dagli italiani, sempre più utilizzate le app su smartphone, con WhatsApp al vertice davanti a YouTube e Google Search a ottobre. Cresce la fruizione dei contenuti d’intrattenimento

Per la fine dell’anno la società americana comScore ha messo sotto l’albero una ricerca che fotografa i cambiamenti nella fruizione di internet da parte degli italiani negli ultimi 12 mesi, confrontandoli con quelli registrati negli altri Paesi digitalmente più evoluti.

Penetrazione di Internet

Sono 39,3 milioni gli italiani che a ottobre 2018 accedono a Internet almeno una volta al mese; la penetrazione dell’utilizzo di internet della sola popolazione maggiorenne è pari al 70%; tale livello registra un aumento del +5% (vs. ottobre 2017) ma evidenzia un potenziale di crescita ancora rilevante se confrontato con quello dei Paesi digitalmente evoluti (Stati Uniti 86%; UK 84%; Francia 82%). Il differenziale è interamente riconducibile alle generazioni più adulte (un italiano su tre oltre i 35 anni non accede a Internet) mentre i giovani mostrano un livello di utilizzo costantemente superiore al 90% allineato a quello dei Paesi più avanzati.

La spinta arriva dal mobile

La crescita nella fruizione di internet continua a essere trainata dai device mobili: sono 31,5 milioni gli italiani che si connettono da dispositivi mobili e, tra questi, sono ben 12,6 milioni (il 32% del totale) coloro che lo fanno esclusivamente attraverso uno smartphone o un tablet. I paesi digitalmente più sviluppati continuano a mostrare tassi di accesso in modalità multi-piattaforma (ovvero sia tramite desktop che tramite device mobile) più alti rispetto all’Italia dove tale valore si attesta al 48% a fronte, ad esempio, del 68% registrato in Germania e del 67% negli Stati Uniti. Considerato che l’ingaggio degli utenti su alcune categorie di contenuti particolarmente evoluti come il Finance o molto interessanti per gli investitori come l’Automotive continua ad avvenire prevalentemente tramite Desktop, l’audience che naviga in modalità multi-piattaforma è tendenzialmente quella più pregiata e avanzata

Tempo speso in rete

Nel 2018 gli italiani maggiorenni hanno trascorso sulla rete in media circa 72 ore ciascuno, con differenze significative tra i segmenti demografici. Mentre infatti i giovani nella fascia d’età 18-24 arrivano a 90 ore/mese, oltre i 35 anni il tempo speso si riduce a 67 ore mese. Le donne maggiorenni, inoltre, con 78 ore medie mese sono connesse più a lungo degli uomini maggiorenni (66 ore mese). Il 71% del tempo speso complessivo è trascorso su device mobili e di questo il 62% sulle app. L’ecosistema delle app è completamente dominato dagli operatori stranieri che monopolizzano la classifica delle prime 15 app per numero di utilizzatori nel mese di ottobre.

La crescita dei contenuti di intrattenimento

La categoria di contenuti più visitati e con la più alta crescita in termini di tempo speso è quella dell’intrattenimento; 443 milioni di ore mese a settembre 2018 pari a 12 ore medie per utente in aumento del 29% rispetto all’anno precedente; valori ormai allineati a quelli registrati dai social network.

Soprattutto i giovani (18-24) trascorrono il 31% del loro tempo in rete fruendo di contenuti di intrattenimento, nelle fasce d’età mediane (25-34) social e intrattenimento si equivalgono mentre i segmenti più adulti vedono ancora una prevalenza del tempo speso sui social rispetto all’intrattenimento (13 ore medie mese contro 9,7). Anche il genere è una variabile importante nel determinare la tipologia dei contenuti fruiti: mentre gli uomini maggiorenni spendono più tempo sui contenuti di intrattenimento rispetto ai social (a settembre 13,2 ore medie mese contro 9,7), per le donne maggiorenni vale il contrario con i social (15,6 ore medie mese a prevalere sull’intrattenimento 11,5 ore mese). Tale mutamento di abitudini è confermato dal ranking delle prime 10 entità per tempo speso dove insieme ai social compaiono siti di fruizione di video on line e siti di giochi.

 

“Assistiamo ad una discontinuità nella fruizione della rete caratterizzata dall’aumento esponenziale del consumo dei contenuti di intrattenimento – afferma Fabrizio Angelini Ceo di Sensemakers che rappresenta in esclusiva Comscore in Italia -. Tale fenomeno è particolarmente evidente nei giovani e segnala un cambiamento radicale nel sistema complessivo di consumo dei mezzi con significativi impatti economici e sociali nel settore dei media”.