home MEDIA Febbraio, il mese dei record per Il Post con 44 mln di page views e 12 milioni di browser
Luca Sofri
0

Febbraio, il mese dei record per Il Post con 44 mln di page views e 12 milioni di browser

Un successo la campagna ideata dalla concessionaria System24 del Gruppo 24 Ore in occasione del lancio del film “The Post”

Febbraio è stato il mese dei record per Il Post, la testata fondata e diretta da Luca Sofri, che ha raggiunto il suo picco storico sia per pagine viste, superando i 44 milioni, sia per audience con oltre 12 milioni di browser unici (fonte Google Analytics); le visite sono aumentate del 99% rispetto allo stesso mese del 2017. L’exploit è stato dato da molteplici fattori: dagli interventi sulla campagna elettorale, molto condivisi sui social network, al picco di traffico del Festival di Sanremo, che ha portato Il Post ad avere oltre 12,5 milioni di Pagine Viste (+75% su anno precedente) nella settimana di svolgimento del Festival, a conferma di come la sempre più ampia e fedele community del sito viva Il Post non solo come un sito di news e attualità ma come una guida indispensabile anche per le tematiche più popolari e leggere.

Social e post virali

Sul fronte social l’ampia e sempre crescente community del Post (oltre 515mila follower su Twitter e 322mila su Facebook) è stata quella che ha portato il recente articolo del vicedirettore Francesco Costa “Guardiamoci negli occhi” a poter vantare “la palma del post più virale di questa campagna elettorale” per stessa proclamazione da parte di un concorrente come Repubblica (sul numero di martedì 27 febbraio). E altrettanto forte risonanza ha avuto anche lo scoop fatto dal Post sui plagi del programma del M5S, ripreso da tutti i media nazionali e anche esteri.

I video

L’altro fattore di crescita del sito è stato dato dall’inaugurazione dei “VideoPost”, le pillole video realizzate dalla redazione con il classico taglio spiritoso e chiarificatore della testata e dedicati ai più svariati argomenti: politica, news, curiosità, recensioni. La sezione è stata inaugurata dal video intitolato “Berlusconi e le tasse: a love story” che solo su Facebook ha superato i 2,6 milioni di visualizzazioni.

Il film omonimo, operazione di successo

Sempre su febbraio Il Post ha registrato un record di apprezzamenti per l’operazione di lancio del film “The Post”: i risultati della creativa promozione della pellicola di Steven Spielberg sulla homepage del Post sono stati ottimi sotto tutti i profili. Il progetto è stato ideato da System24 – Gruppo 24 Ore, la concessionaria pubblicitaria del Post, intuendo le opportunità dell’assonanza tra il titolo del film – relativo al Washington Post e a una storica vicenda che lo riguardò negli anni Settanta – e la testata del giornale online italiano fondato otto anni fa. Un lavoro che ha poi coinvolto concessionaria, redazione e inserzionista ha permesso di creare una speciale homepage del Post in cui la testata era sostituita da quella usata per la promozione del film e le notizie si riferivano alla storia dei “Pentagon Papers” raccontata nel film e ad altri eventi collocati negli stessi giorni del 1971. Il tipo di comunicazione – che integrava la promozione del film con contenuti giornalistici e un progetto grafico – è stato eccezionalmente apprezzato dai lettori, che potevano poi accedere alla normale homepage del Post con un clic.

Il progetto di Adform

Il progetto è stato presentato nella sua selezione delle migliori “creatività” da Adform, una delle maggiori società di tecnologia per la pubblicità