home AZIENDE il manifesto completa il rilancio con il restyling oggi in edicola. Stabili le diffusioni, in crescita la raccolta
0

il manifesto completa il rilancio con il restyling oggi in edicola. Stabili le diffusioni, in crescita la raccolta

Lo storico quotidiano “comunista” diretto da Norma Rangeri ha messo a posto i conti dopo la crisi di tre anni fa e, ora, arricchisce la lettura e l’offerta di contenuti. Buoni riscontri anche per il sito e i social, mentre la pubblicità, curata da Poster PR, dovrebbe aumentare alla fine dei 12 mesi. La tiratura speciale di oggi ammonta a un totale di 40mila copie

Per il manifesto, come hanno preannunciato i teaser apparsi fino a ieri sullo storico quotidiano diretto da Norma Rangeri, parte oggi l’ennesima “rivoluzione” che permetterà ai suoi lettori di beneficiare di un restyling che rende la lettura e lo sfoglio più agili e in maggior sintonia con gli inserti di approfondimento. La nuova grafica – che è stata studiata internamente – è un omaggio a talenti come Giuseppe Trevisani e Piergiorgio Maoloni, che hanno firmato le ultime due, precedenti, revisioni del giornale ora controllato da Il Nuovo Manifesto Società Cooperativa Editrice e, insieme, un assecondamento del posizionamento “scomodo” di una testata che continua a incorporare con orgoglio le parole “quotidiano comunista” nel nome.

il manifesto

Tiratura speciale

Non a caso, il percorso di avvicinamento all’uscita di oggi che, per l’occasione, beneficerà di una tiratura speciale di circa 40.000 copie, è stato un post-it speciale, con lo slogan della campagna: “La tua rivoluzione quotidiana”, con la richiesta ai lettori di completare i memo con i loro suggerimenti sulle priorità da affrontare. I caratteri più grandi porteranno a una maggior selezione delle notizie e un incremento della sintesi e delle analisi. il manifesto ha una diffusione media stabile intorno alle 13.000 copie – con il contributo di 2-3.000 copie in più quando ci sono gli inserti, sempre gratuiti – ma una comunità abbastanza ampia che lo segue sul web e i social, con oltre 256.000 like su Facebook, che esplodono però in occasioni di accadimenti di particolare rilievo socio-politici, e 150.000 iscritti al sito (che è stato tra i primi a proporre il paywall, ancora tre anni fa), 360.000 utenti unici e una media di 1,2 milioni di pagine viste/mese.

 

il manifesto global

Buon riscontro anche per l’edizione digitale in inglese “il manifesto global”, dedicata a un pubblico internazionale. Oltre ai citati inserti tematici spot (Asia, tecnologia, nuovi media, etc.), escono inoltre regolarmente quattro supplementi: Alias (dedicato a musica, cinema, arti, videogame, sport e ozio, esce il sabato a 1 euro); Alias Domenica (dedicato a libri e letteratura, senza sovrapprezzo); Le Monde diplomatique edizione italiana (mensile di politica internazionale ed europea curato dal manifesto e dalla storica editrice francese, il 15 del mese a 2 euro); e in movimento (mensile dedicato all’outdoor, esce il primo giovedì del mese a 1 euro).

 

Aumento delle entrate complessive

Buoni segnali anche sul fronte della raccolta, seguita da Poster PR che, essendo cresciuta rispetto al 2014, ha raggiunto il mezzo milione di euro nel 2015, con la prospettiva di migliorare ulteriormente quest’anno grazie appunto al restyling, mentre il trend aggiornato fino a settembre è stabile sullo stesso periodo degli scorsi 12 mesi. In ogni caso, anche se non è molto elevato, l’inserito contribuisce all’andamento positivo delle entrate complessive della Cooperativa che, dopo la crisi di tre anni fa, si è ripresa e ha visto i ricavi 2015 arrivare a 7 milioni di euro con oltre 500.000 euro di utili (che restano all’interno della Cooperativa stessa, composta da giornalisti e poligrafici).