home GARE ALDI: FCB Milan in pole position nella gara indetta dall’insegna
0

ALDI: FCB Milan in pole position nella gara indetta dall’insegna

L’agenzia guidata dal Ceo Giorgio Brenna con Fabio Bianchi e Francesco Bozza rispettivamente Managing Partner e Chief Creative Officer, che già si sono occupati di questo cliente in Leo Burnett, risulta essere vicina alla vittoria nel pitch creativo partito lo scorso dicembre

Si starebbe concludendo a favore di FCB Milan la gara indetta da ALDI, filiale italiana della nota insegna tedesca della gdo, per la definizione del suo nuovo partner creativo. Secondo quanto risulta a DailyMedia, infatti, l’agenzia guidata dal Ceo Giorgio Brenna con Fabio Bianchi e Francesco Bozza rispettivamente Managing Partner e Chief Creative Officer sarebbe in pole position per l’assegnazione dell’incarico relativo alle attività atl della catena, che è arrivata recentemente a quota 50 quanto a p.v., concentrati soprattutto nel Nord del Paese. Il pitch era partito lo scorso dicembre, a distanza di oltre un anno dal precedente incarico a Leo Burnett, dove operavano i tre succitati manager poi passati nella sigla di Interpublic. La citata sigla di Publicis Communications (che ha seguito quindi l’ingresso dell’insegna di cui è Direttore Marketing e Comunicazione Paola Polesel nel nostro mercato a partire dallo scorso marzo) non ha peraltro voluto partecipare al nuovo pitch che, tra le altre, dovrebbe aver visto coinvolta invece anche Grey.

I social

Parallelamente, prosegue anche la revisione sul fronte dei social, dove ALDI sta notoriamente avvalendosi anche dello chef Alessandro Borghese, in particolare nell’iniziativa dedicata alla cucina italiana “RegionALDI”, per la quale sono state messe a punto una serie di video-pillole nelle quali le nostre Regioni e le loro tradizioni culinarie sono le protagoniste di una sfida ai fornelli che, grazie all’intervento appunto di Borghese, si trasforma in un incontro di ispirazioni e sapori. Successivamente, è stata lanciata anche la campagna digital e quindi televisiva “Chiedi a chi l’ha provato”, in cui l’insegna ha giocato sull’omonimia con alcune famiglie italiane – che di cognome si chiamano proprio ALDI – per raccontare l’autenticità, la trasparenza e la vicinanza ai consumatori del brand. Le “famiglie ALDI”, diventate ormai delle vere e proprie star del mondo social, hanno raccontato – anche nel recente flight natalizio – la nuova idea di spesa dell’insegna attraverso una serie di spot pianificati da GroupM, che gestisce un budget stimabile in 5 milioni di euro e il cui relativo incarico non risulta in discussione. Del resto, ALDI punta, per il suo sviluppo nel nostro mercato, proprio sull’italianità del proprio format, in logica di convenienza, e su un’attenzione particolare al fresco nella propria offerta.