home EVENTI Upgrade Mobile Summit affronta la sfida del nuovo Darwinismo digitale il 9 novembre
0

Upgrade Mobile Summit affronta la sfida del nuovo Darwinismo digitale il 9 novembre

Tutto pronto per il nuovo evento nel quale saranno affrontate tendenze e tecnologie che si stanno impnendo sul mercato e senza le quali è difficile sopravvivere

Tutto è pronto per la seconda edizione del convegno di Upgrade Italia. Protagonista della giornata sarà, come sempre, il mobile e le intense trasformazioni tecnologiche e sociali che sta imponendo nel business delle aziende. Una rivoluzione alla quale è possibile sopravvivere solo sfruttando le opportunità di monetizzazione che le nuove tecnologie mettono a disposizione delle aziende. Appuntamento il 9 novembre, dalle ore 14, negli spazi del Pirellone

Seguire il nuovo utente iperconnesso

A dieci anni esatti dal lancio del primo iPhone la rivoluzione è tutt’altro che finita. Il nuovo utente digitale, mobile, iperconnesso e selettivo immaginato da Steve Jobs è arrivato in massa e oggi le aziende fanno sempre più fatica a “seguirlo” nel suo dinamico mutare. Una sfida, quella di comunicare con il mobile user, destinata a modificare ancora molto lo scenario competitivo moderno, favorendo un’evoluzione di carattere Darwiniano: le aziende in grado di adattarsi alle nuove regole che il mercato richiede, saranno le uniche a sopravvivere nel lungo periodo. Per le altre, come la natura ci ha insegnato, sono destinate all’estinzione.

Lotta per la sopravvivenza

È questo il tema dell’edizione 2017 dell’Upgrade Mobile Summit, il convegno organizzato da Upgrade Italia che cerca di fornire alle aziende gli strumenti e le conoscenze tecnologiche per dominare la trasformazione digitale, in particolare nel settore della comunicazione. Non a caso, il tema di quest’anno del Summit sarà il nuovo Darwinismo digitale, la vera e propria lotta per la sopravvivenza che le aziende del mondo della comunicazione hanno ingaggiato nel tentativo di inseguire i vorticosi cambiamenti tecnologici in atto. Attore principale di tali cambiamenti è il nuovo utente mobile, sempre iperconnesso grazie allo smartphone ma allo stesso tempo difficile da raggiungere perché costantemente in mutazione nel suo digital behaviour.

Nuove tendenze

Il Summit di quest’anno si soffermerà su alcune delle nuove tendenze che si stanno affermando a seguito della diffusione delle tecnologie legate al mobile e che costituiscono per le aziende un’opportunità e al contempo una minaccia. In particolare, si parlerà di: Publishing audio, un ambito che si è arricchito grazie all’enorme sviluppo di applicazioni, servizi e novità introdotte di recente che svelano un interessante trend e numerose opportunità; dati, un argomento divenuto ormai imprescindibile, così come un loro corretto trattamento, si analizzeranno i modi per gestirli, ottimizzarli e valorizzarli al meglio; nuove forme e strumenti di monetizzazione, un tema fondamentale per le aziende e gli editori, che hanno visto i propri utenti e clienti trasformarsi rapidamente e, contemporaneamente, erodersi grosse porzioni dei loro ricavi. Si parlerà quindi di come valorizzare le campagne, i contenuti e gli investimenti fatti sul mobile; mobile payment, con un’analisi sulle nuove forme e i nuovi strumenti per finalizzare il rapporto con il cliente, ossia il pagamento. Tra le centinaia di metodologie diverse nate negli ultimi anni, quali risultano più affidabili?

Interventi e nerworking

Ad analizzare questi temi saranno, come di consueto, alcuni tra i migliori professionisti del settore del digital insieme a ospiti e testimonianze delle aziende italiane più innovative sul fronte digital. Ciascuno fornirà il proprio contributo condividendo dati, esperienza e best practices. Ma come sempre il Summit sarà anche una grande occasione di networking. Il convegno vedrà il suo coronamento nel party finale realizzato in cima al Grattacielo Pirelli in collaborazione con Billboard Italia. Un’occasione unica di ammirare Milano dall’alto tra musica e spettacolo, dopo aver assistito a un convegno altrettanto unico.