home MEDIA Confindustria Radio Tv, assemblea a Roma senza Sky
Confindustria Radio Tv
0

Confindustria Radio Tv, assemblea a Roma senza Sky

La piattaforma guidata da Andrea Zappia, si è polemicamente dimessa criticando l’arretratezza su on demand e streaming

Si svolge a partire da questa mattina, al Centro Congressi Roma Eventi, l’assemblea generale di Confindustria Radio Tv. L’incontro ha per titolo: “Televisioni e Radio, broadcasting e oltre” e dopo la relazione introduttiva del presidente Franco Siddi prevede uno specifico approfondimento sulla radio digitale, con gli interventi di Francesco Dini, di Elemedia, Roberto Giovannini, presidente dell’Associazione Radio FRT, Nicola Sinisi, direttore di RadioRai e presidente di Ter – Tavolo Editori Radio, e Mario Volanti, presidente di Radio Italia.

Mario Volanti, presidente di Radio Italia
Mario Volanti, presidente di Radio Italia

Interventi sul futuro della televisione, tra innovazioni e mercati

Si esaminerà, poi, il futuro della televisione, fra innovazione, servizio e mercati. Tra gli altri, interverranno Antonio Campo Dall’Orto, d.g. della Rai, e il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, oltre a rappresentanti di Discovery, Viacom e La7. Ci sarà spazio anche per l’Associazione Tv Locali capitanata da Maurizio Giunco e per il Coordinamento dei Corecom. Seguirà un ultimo approfondimento su “Authority, mercati e diritti“. A chiudere la giornata sarà il sottosegretario Antonello Giacomelli.

Sky Italia sarà assente per lentezze nelle strategie e politiche

ANDREA ZAPPIA SKY ITALIA
Andrea Zappia

Ma la sorpresa della giornata è che non ci sarà, invece, Sky Italia, che ha comunicato pochi giorni fa la propria uscita dall’associazione della quale è stata tra i fondatori nel 2013, pare per un netto disaccordo sulle lentezze con cui vengono adottate strategie e politiche per il mercato emergente della tv on demand e dello streaming. Un’arretratezza analoga a quella che il Gruppo di cui è amministratore delegato Andrea Zappia aveva già contestato, per il perimetro di cui si occupa, anche ad Auditel, nel cui CdA è poi entrata pur non essendone ancora socia. Ciò che Sky avrebbe contestato a Confindustria Radio Tv è invece di non avere, o di non voler avere, le capacità di saper guardare agli sviluppi del mercato Over The Top. Insomma, la gestione di Confindustria Radio Tv rispecchierebbe ancora, secondo la piattaforma satellitare, una mentalità duopolistica Rai-Mediaset. A rappresentare Sky nel Consiglio di Presidenza c’era Riccardo Pugnalin, evp communication & public affairs. Nel corso dei lavori sono previste tre sessioni tematiche: “La radio digitale: nuova frontiera della crescita”; “Il futuro della tv: innovazione, servizio e mercati” e “Authority, mercati e diritti”.