home AZIENDE MailUp lancia Facebook Messenger per le aziende: scenari d’uso
0

MailUp lancia Facebook Messenger per le aziende: scenari d’uso

L’ebook è dedicato ai possibili utilizzi di Facebook Messenger per fini di marketing ed esplora i temi del marketing conversazionale da un punto di vista pratico

MailUp ha lanciato Facebook Messenger per le aziende: scenari d’uso, l’ebook  dedicato ai possibili utilizzi di Facebook Messenger per fini di marketing. Esplorando il tema del marketing conversazionale dal punto di vista della pratica, l’ebook offre un percorso tra gli scenari d’uso della seconda piattaforma di messaggistica più diffusa al mondo (oltre un miliardo di utenti attivi), grazie a cui le aziende possono raggiungere clienti e prospect. L’ebook, spiega la società, è concepito come risposta a una lacuna del mercato: come testimoniato dallo studio di Buffer (State of Social Report / 2019), quasi tre quarti dei brand (il 71% per la precisione) non si serve delle app di messaggistica per obiettivi di marketing.

Cinque casi

Dopo due focus introduttivi dedicati agli aspetti normativi del canale e ai suoi gradi di sofisticazione (dal broadcast ai chatbot, fino all’impiego dell’intelligenza artificiale), l’ebook percorre cinque casi d’uso pratici: il recapito di contenuto per coltivare il rapporto; la gestione di un evento per coinvolgere il pubblico; l’arricchimento del profilo di ciascun contatto; la generazione di lead da condurre all’acquisto; il supporto e l’assistenza rapida al cliente.

Immersione pratica

Stefano Branduardi, Marketing Director di MailUp, commenta: “Con l’ebook di oggi ci immergiamo nella pratica, offrendo alle aziende alcune concrete possibilità operative: sono cinque casi d’uso con cui i brand possono coltivare il rapporto con prospect e clienti tramite Facebook Messenger. Ciascun caso d’uso si snoda tra le tre tappe lungo cui, di norma, si sviluppa una strategia: obiettivo, soluzione, sviluppo avanzato, in modo da poter dipingere scenari percorribili nell’immediato – grazie a Messaging Apps – e nel futuro prossimo, con l’ausilio dei chatbot”.