home AZIENDE MagNews chiude l’anno a +15%, nel 2018 restyling e lancio di nuovi soluzioni
Florida Farruku
0

MagNews chiude l’anno a +15%, nel 2018 restyling e lancio di nuovi soluzioni

La società fa registrare un giro d’affari intorno ai 10 milioni, cifra che intende replicare anche nella prossima stagione che, come racconta la general manager Florida Farruku, sarà pregna di novità, quali il Google Operator e l’EmailSuccess

Una comunicazione più diretta, che sappia raggiungere, conquistare il cliente. È lui, l’utente, l’elemento centrale di Diennea MagNews, l’azienda che da oltre 20 anni si muove nel campo del digital marketing. Un ambito nel quale ha sperimentato, si è affermata e ora intende fare un ulteriore passo in avanti, provando nel contempo a consolidare il successo ottenuto. La generale manager Florida Farruku mette subito in chiaro le cose, facendo parlare i numeri: «Chiuderemo l’anno con una crescita del 15-16%, per un giro di affari di 10 milioni, cifre che intendiamo ripetere anche nel 2018. Vogliamo raggiungere un maggior numero di clienti, attraverso una comunicazione più diretta. Ecco perché il prossimo anno ci saranno delle novità».

Un rinnovamento non solo grafico

Il restyling di MagNews, un rilancio grafico ma anche funzionale, che darà la possibilità ai clienti di avere più frecce da utilizzare nelle campagne di email marketing. Nel corso dei prossimi mesi faranno il loro debutto strumenti che aiuteranno i marchi a catturare con le loro campagne anche quegli utenti che sono transitati sulle loro property digitali ma che non sono stati registrati. Ma prima sarà la volta del Google Connector, soluzione analoga al Facebook Connector, inaugurato la scorsa primavera. E non verremo meno ai nostri piani di internazionalizzazione: a gennaio lanceremo negli Stati Uniti, nel corso di un’importante fiera del settore, EmailSuccess, il nostro software proprietario per la spedizione di alti volumi di email. E poi faremo lo stesso in Germania nel mese di aprile. E non è da escludere l’apertura di nuove filiali dirette».