home AZIENDE AppNexus stringe un nuovo accordo con la Federation for Internet Alerts
0

AppNexus stringe un nuovo accordo con la Federation for Internet Alerts

In base all’intesa erogherà pubblicità di servizio per conto delle autorità pubbliche e le organizzazioni non profit su scala globale e in tempo reale

AppNexus diventa la prima compagnia ad tech a fornire pubblicità di servizio per le autorità pubbliche e le organizzazioni non profit su scala globale e in tempo reale, grazie alla partnership siglata con la Federation for Internet Alerts (FIA) e annunciata nei giorni scorsi. In particolare saranno distribuiti annunci meteo targettizzati e avvisi di allerta.
A livello tecnico ciò avverrà con l’integrazione della tecnologia di ad serving di AppNexus direttamente all’interno del FIA Alert Hub, uno spazio cloud in cui sono aggregati tutti i rischi di allerta classificatio come ‘ufficiali’. In questo modo Governi e organizzazioni non profit potranno comunicare informazioni meteo e avvisi alle persone in tempo reale. E soprattutto lo potranno fare su scala globale.
La novità dell’accordo è costituita dall’automatizzazione di un processo fino a oggi eseguito manualmente. Da oggi, infatti, un annuncio di servizio pubblico sarà gestito in modalità dinamica e real time dall’ad server di AppNexus, al quale normalmente devono essere forniti input riguardanti la grandezza delle immagini e le zone da contattare.
Questa integrazione ‘diretta’ non modifica i rapporti tra AppNexus e i suoi partner nel campo di questa tipologia di advertising. Infatti la capacità di erogare annunci dinamici sarà riservata solo a chi si serve di FIA Alert Hub, e i cui messaggi devono essere veicolati in real time.
Valanghe, inondazioni, tornado, tempeste invernali e mare mosso sono solo alcuni degli eventi considerati di straordinaria necessità. Da dicembre dell’anno scorso FIA ha mandato ad AppNexus 71.819 segnalazioni di allerta, risultate in 14.992 attivazioni per un totale di 471,8 milioni di impression servite. Dati che fanno comprendere quanto il settore sia attivo.